Home arrow Notizie arrow No inceneritori arrow A Brescia: diossina nel latte della Centrale
Annunci

 

Il sito ha qualche problema, ci scusiamo per i disagi causati ai lettori, speriamo di risolvere presto!

GRAZIE PER LA PAZIENZA!

 

Benvenuti !
Sul nostro sito Internet

 

Il Coordinamento dei Comitati della Piana dedica questo sito a beneficio di tutti i cittadini interessati.

Email: 
Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo
 
Questo sito è lo strumento di comunicazione del Coordinamento dei Comitati della Piana FI PO PT.
Talvolta ospita altri soggetti con comunicazioni condivise.
Esso non rappresenta una testata giornalistica, in quanto non viene aggiornato con cadenza periodica, né è da considerarsi un mezzo d'informazione o un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.
Il materiale inserito in questo sito proviene da Internet oppure da atti diffusi da altri mezzi di comunicazione oppure prodotti dalle varie realtà componenti il Coordinamento e destinati a essere divulgati, quindi di dominio pubblico e utilizzati senza alcun fine di lucro.
Qualora inconsapevolmente il materiale pubblicato vìoli i diritti d'autore, vogliate comunicarlo per una pronta rimozione. I commenti ai post non sono moderati, le/gli autori/trici devono essere registrati per inserire commenti quindi sono rintracciabili anche sotto nikname; si invita alla moderazione e al rispetto.
 
Menu principale
Home
FAQ
Notizie
Documenti
Le alternative
Cerca
Forum
Galleria foto
Contattaci
Web link
Archivio
Articoli correlati
Dal 9 Agosto 2006
Visitatori: 49499853
Calendario Eventi
Agosto 2017
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
311 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31 1 2 3
Ultimi Eventi
No Latest Events
Galleria fotografica
Archivio
Newsletter

Ricevi via email le nostre notizie

Image


Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter settimanale







A Brescia: diossina nel latte della Centrale PDF Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
lunedý 17 dicembre 2007

Diossina nel latte della Centrale 

domenica 16 dicembre 2007 

(red.) Una partita di latte inquinato dalla presenza di diossina superiore ai limiti consentiti dalla legge è stata individuata dai controlli effettuati prima della lavorazione nella Centrale comunale del latte di Brescia. Il prodotto era stato consegnato da tre aziende agricole dell’hinterland cittadino. La società ha avvisato i servizi medico-veterinari dell’Asl e l’Istituto zooprofilattico di via Bianchi.

La spiacevole sorpresa è saltata fuori durante i controlli organolettici che il laboratorio interno della Centrale effettua sul latte ritirato nelle fattorie.

I limiti alla presenza di diossine che la legge prevede per il latte (entrati in vigore a novembre), mettono insieme per la prima volta diossine e Pcb. In ogni grammo di grasso, possono essere presenti al massimo 3 picogrammi (miliardesimi di milligrammo) di diossina e 3 picogrammi di Pcb e il totale non deve comunque superare i 6 picogrammi. Nella partita di latte contaminato scoperta l'altro giorno, invece, il livello era superiore ai 6,5 picogrammi.

Le autorità hanno quindi bloccato l’attività nelle tre aziende agricole, che insieme allevano circa 150 mucche da latte. Il prodotto contaminato frutto della mungitura quotidiana degli animali, verrà smaltito in un impianto specializzato.

Ma l’Asl ha posto sotto stretto controllo anche altre sette aziende agricole nei dintorni ed ha avviato le analisi dei terreni per controllare se vengono superati i limiti di legge nella presenza di diossine: 0,75 nanogrammi per chilogrammo sull’erba e di 10 nanogrammi per chilo nel terreno.

L’ipotesi è infatti che la sostanza inquinante si trovasse nel foraggio che è stato dato alle mucche. Anche perché l’inquinamento, figlio della società malata in cui viviamo, è talmente diffuso attorno alle città che fare agricoltura o allevare animali nell’hinterland di Brescia è ormai un’attività ad altissimo rischio.

http://www.quibrescia.it/index.php?/content/view/3938/1/ 

Commenti (4) >> feed
che sarà mai...
scritto da mariangela, dicembre 17, 2007

Non ci prendano in giro! Hanno trovato la diossina semplicemente perchè l'anno cercata o il valore è stato riscontrato in un momento in cui non si poteva fare a meno di renderlo pubblico.
Brescia è intrisa della diossina dell'inceneritore che continua a depositarsi su quella ereditata dalla Caffaro.
E in ogni caso va tutto bene! Il latte di mamma ne contiene assai di più, di diossina, che sarà mai...

Chi è che prende in giro? W le 2 Campane!!!
scritto da Alessandro, dicembre 17, 2007

«Le diossine derivano da ogni processo di combustione. Ma è falso dire che la principale fonte siano gli inceneritori, buoni ultimi rispetto a discariche, industria, fuochi all´aperto, traffico, e perfino fumo di sigarette. Anche se abolissimo tutti gli inceneritori ci ritroveremmo con un livello di diossine simile all´attuale».
Eva Buiatti


Alessandro o Eva????
scritto da per eva buiatti/alessandro, dicembre 18, 2007

L'importante è pensare ognuno con la propria testa...cosa che non credo faccia alessandro che pensa con la testa di eva..e che estrapola discorsi dal contesto e dalla logica..tutti noi andiamo in macchina lavoriamo in fabbriche facciamo i fuochi e fumiamo..ma facendo 6 inceneritori per regione e non iniziando ad utilizzare o almeno a pensare metodi alternativi all'incenerimento, tu credi che l'inquinamento che già uccide uomini e natura si ridurrà da solo..che verrà risucchiato con un mega-aspirapolvere dagli alieni.????la tua sarà una campana da sentire se proporrai metodi alternativi alla differenziata e alla riduzione dei rifiuti inutili e reciclaggio..che non uccida gli uomini gli animali la natura..il nostro futuro.



Non per polemica ma per chiarezza.
scritto da Alessandro, dicembre 19, 2007

Eva è l´epidemiologa Eva Buiatti, esperta al pari di quelli di cui, pur credendo di pensare con la vostra testa, pubblicate spesso pensieri e giudizi.
La stessa epidemiologa dice nell'articolo da voi gentilmente ospitato, ma tagliato perchè molti aderenti al comitato si vantano di leggere da piu' fonti, eccetto secondo me quelle che non rispettano il loro fondamentalismo, che se nella Piana l´impianto fosse compensato, da subito, con una consistente riduzione di traffico, una regolamentazione dell´aeroporto, la rottamazione delle vecchie caldaie e un sano rimboschimento, alla fine il saldo sarebbe positivo, offrendo quindi una soluzione globale al problema e non una visione chiusa e concentrata solo sull'inceneritore a recupero energetico, che le lotte del comitato comportano.
Cordiai saluti.

Scrivi commento

Si deve essere connessi al sito per poter inserire un commento. Registratevi se non avete ancora un account.


busy
Ultimo aggiornamento ( martedý 18 dicembre 2007 )
 
< Prec.   Pros. >
Questo sito è lo strumento di comunicazione del Coordinamento dei Comitati della Piana FI PO PT. Talvolta ospita altri soggetti con comunicazioni condivise.Esso non rappresenta una testata giornalistica, in quanto non viene aggiornato con cadenza periodica, né è da considerarsi un mezzo d'informazione o un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001. Il materiale inserito in questo sito proviene da Internet oppure da atti diffusi da altri mezzi di comunicazione oppure prodotti dalle varie realtà componenti il Coordinamento e destinati a essere divulgati, quindi di dominio pubblico e utilizzati senza alcun fine di lucro. Qualora inconsapevolmente il materiale pubblicato vìoli i diritti d´autore, vogliate comunicarlo per una pronta rimozione. I commenti ai post non sono moderati, le/gli autori/trici devono essere registrati per inserire commenti quindi sono rintracciabili anche sotto nikname; si invita alla moderazione e al rispetto.

© 2017 NoInceneritori.org
Joomla! un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.