Home
Annunci

 

Il sito ha qualche problema, ci scusiamo per i disagi causati ai lettori, speriamo di risolvere presto!

GRAZIE PER LA PAZIENZA!

 

Benvenuti !
Sul nostro sito Internet

 

Il Coordinamento dei Comitati della Piana dedica questo sito a beneficio di tutti i cittadini interessati.

Email: 
Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo
 
Questo sito è lo strumento di comunicazione del Coordinamento dei Comitati della Piana FI PO PT.
Talvolta ospita altri soggetti con comunicazioni condivise.
Esso non rappresenta una testata giornalistica, in quanto non viene aggiornato con cadenza periodica, né è da considerarsi un mezzo d'informazione o un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.
Il materiale inserito in questo sito proviene da Internet oppure da atti diffusi da altri mezzi di comunicazione oppure prodotti dalle varie realtà componenti il Coordinamento e destinati a essere divulgati, quindi di dominio pubblico e utilizzati senza alcun fine di lucro.
Qualora inconsapevolmente il materiale pubblicato vìoli i diritti d'autore, vogliate comunicarlo per una pronta rimozione. I commenti ai post non sono moderati, le/gli autori/trici devono essere registrati per inserire commenti quindi sono rintracciabili anche sotto nikname; si invita alla moderazione e al rispetto.
 
Accesso





Password dimenticata?
Nessun account? Registrati
Menu principale
Home
FAQ
Notizie
Documenti
Le alternative
Cerca
Forum
Galleria foto
Contattaci
Web link
Archivio
Chi Ŕ online
Dal 9 Agosto 2006
Visitatori: 277277018
Calendario Eventi
Agosto 2022
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31 1 2 3 4
Ultimi Eventi
No Latest Events
Sondaggi
Serve veramente un inceneritore nella Piana?
 
Galleria fotografica
Archivio
Newsletter

Ricevi via email le nostre notizie

Image


Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter settimanale






Syndication

Nuova vita per quello che fu l'inceneritore di San Donnino (FI) PDF Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
lunedý 11 luglio 2022

https://www.lanazione.it/firenze/cronaca/san-donnino-inceneritore-1.7827211

 

Cronaca San Donnino, nuova vita per l'ex inceneritore. "L'impianto darà lavoro a 300 persone"

 

Diventerà uno dei primi impianti in Italia per il recupero dei Raee, ovvero dei rifiuti elettrici ed elettronici

Firenze, 27 giugno 2022

Nuova vita per l’impianto di San Donnino, che si avvia verso una completa riprogettazione funzionale ed una riqualificazione strutturale, con l’abbattimento delle due ciminiere e la realizzazione di un nuovo polo di gestione dei rifiuti elettrici ed elettronici (Raee): pc, smartphone, tablet, stampanti, ma anche tv, lavatrici, frigoriferi e tutti i dispositivi che possono essere recuperati per ricavare materie prime sempre più preziose, con un risparmio ambientale sia in termini di riduzione delle estrazioni che di smaltimento.

 
La salute dimenticata e la rinnovata corsa all'oro dell'incenerimento PDF Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
mercoledý 29 giugno 2022

Smaltimento degli “scarti” e le conseguenze sulla salute

alla Due giorni di Mondeggi

 

Di Marco Paganini / 28 Giugno 2022 (intervento alla Due giorni di Mondeggi, 25-26 giugno 2022)

Prima una piccola premessa che nasce dall’impostazione della proposta di Piano regionale che i Comitati della Piana hanno presentato alla Regione Toscana e che fino ad oggi è stata perfettamente ignorata. Chiaramente si intende la salute non come mera assenza di malattia, ma come benessere derivato dalla armonica integrazione fra gli individui ed i loro ambiente di vita (il lavoro fa parte della vita).

Il primo problema degli scarti è che esistono gli scarti; che sono espressione di un conflitto nell’uso delle risorse  che potenzialmente può compromettere l’equilibrio fra individui ed ambiente. La stessa idea (che ha alimentato la retorica della modernità) di una natura “maligna ed avara” è prologo di mancanza/perdita della salute.....

Ultimo aggiornamento ( lunedý 11 luglio 2022 )
 
Le semplificazioni che vorrebbe la Regione Toscana... PDF Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
mercoledý 29 giugno 2022

https://www.perunaltracitta.org/homepage/

 

La Città invisibile - Rivista di PerUnaltracittà Firenze

--LEGGE MARSON, FORSE TROPPO AVANZATA?

La maggioranza in Consiglio regionale ha approvato una legge sulla semplificazione che modifica la legge Marson sull’urbanistica. Il presidente Giani la difende, ma ci sono problemi di incostituzionalità.

Nella sostanza ecco spiegato nell'articolo di Alberto Ziparo perché la legge urbanistica e il PIT in Toscana non vanno modificati. Semplificazioni che vogliono dire meno controlli e garanzie per il nostro territorio.--

***********************************

Legge Marson e gli attacchi al quadro normativo e programmatico territoriale della Toscana: forse troppo avanzato per chi dovrebbe gestirlo

Di Alberto Ziparo / 10 Maggio 2022

Il quadro normativo e programmatico territoriale, messo in piedi in Toscana nella scorsa legislatura in cui l’assessore di riferimento era l’Urbanista Territorialista Anna Marson, è molto apprezzato in consessi tecnico -scientifici e politico-culturali anche internazionali: la legge urbanistica e il PIT Paesaggistico vengono studiati e analizzati, quale riferimento per professionisti, pianificatori e studiosi in realtà anche assai diverse. 

 

 
La Terra che Ŕ viva... Quanto resisterÓ ai nostri attacchi? PDF Stampa E-mail
Scritto da msirca   
giovedý 16 giugno 2022

Gerico, situata nei Territori Palestinesi lungo la Valle del Giordano, è conosciuta fin dall’antichità come la città delle Palme.

Per i cristiani Gerico evoca l’episodio biblico in cui Gesù entra in città dopo aver attraversato il deserto, mentre i musulmani trovano nel Corano riferimenti ai benefici dei suoi datteri. Un detto antico riporta l’importanza della palma e dei suoi molteplici usi in ogni aspetto della vita quotidiana: “…i datteri per l’alimentazione, le fronde per la preghiera e le lodi, le foglie per le capanne, la rafia per la realizzazione di corde, il tronco per i soffitti…”.

(....)

La ridotta disponibilità di acqua rappresenta un enorme problema ambientale, ma anche politico e sociale. La maggior parte delle zone con disponibilità d’acqua sono state occupate da Israele. Secondo quanto ci è stato riferito, per legge ogni palestinese ha a disposizione 1/6 dell’acqua di un israeliano e la paga 4 volte tanto. Scavare nuovi pozzi è illegale ma tutti scavano, anche come reazione all’ingiustizia sociale, non pensando alle conseguenze ambientali. Creare nuovi impianti di palme significa mettere a coltura terre desertiche palestinesi che altrimenti potrebbero essere occupate dagli insediamenti israeliani. Paradossalmente, piantare nuovi palmeti diventa un modo per difendersi dall’occupazione, pur sapendo che si commette un errore ambientale e sociale irreparabile.

Nella regione la questione dell’acqua rappresenta un argomento tabù a tutti i livelli, di cui si parla sottovoce sperando che sia qualcun altro ad affrontare il problema. Un produttore di palme della prima ora, Arbi, ci confida: “Con la coltivazione intensiva di palme stiamo commettendo un crimine”. Arbi considera che gli impianti dovrebbero essere regolati da un organismo pubblico/privato, perché la posta in gioco è troppo alta.  Alcuni investitori di Gerico già stanno vendendo, perché hanno capito che l’acqua sta finendo e non sarà Dio a salvarli

 

Ultimo aggiornamento ( giovedý 16 giugno 2022 )
 
RealtÓ solidali per la Piana fiorentina nelle mire di predoni senza scrupoli PDF Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
lunedý 13 giugno 2022

 

 

 

GRAZIE al Coordinamento dei Comitati della Piana

PER IL SOSTEGNO ALLA NUOVA CASA PER IL PRESIDIO!

Con immenso piacere riceviamo la donazione di una realtà che ha fatto letteralmente la storia sui nostri territori.

Dalla lotta vittoriosa per la chiusura dell'Inceneritore di San Donnino a quella contro la più recente ipotesi di Inceneritore di Case Passerini non hanno mai mancato di contribuire alle vertenze contro le nocività e per la tutela di ambiente e salute.

Un Grande ringraziamento e un rinnovato invito a camminare sempre e ancora insieme !

 Chi volesse ancora contribuire...

...PUO' FARLO ! --->

usando il seguente IBAN:

IT14O0501802800000017158338

Conto intestato ad  ORTOCOLLETTIVO NATURA E' APS

SI PARCO !!!

NO AEROPORTO!!!

 

https://www.facebook.com/611422348915286/posts/pfbid0PMPufa3WvTFXyLzyCgYCGZ6ayu4Km1QbsjqeAv4ymjwJTXrnPQ1EmdmCkaZXT4qnl/?sfnsn=scwspmo

 

grazienoinc_dal_presidio

 
Sono rose e fioriranno.... PDF Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
lunedý 13 giugno 2022

Rossano Ercolini - Goldman Environmental Prize 2013  Su richiesta di Zero Waste Italy e dopo un lungo e proficuo confronto Europa Verde aderisce alla strategia internazionale Zero Waste. Un'ottima notizia per quello "sbocco al mare" auspicato attraverso il progetto di Costituente dell'Ecologismo Politico tessuto in quasi due anni di confronti con tutte le componenti dell'ambientalismo italiano. Questa "svolta rigenetratrice" permette di superare quella conflittualità che si era andata acuendo con il "soggetto verde" che in più occasioni aveva dimostrato acquiescenza verso l'incenerimento dei rifiuti. L'adesione appare ancor più significativa nel momento in cui a Roma l'amministrazione Gualtieri (di cui Europa Verde fa parte) vorrebbe realizzare il "termovalorizzatore". L'adesione di Europa Verde insieme alla disponibilità dell'assessora capitolina a prendere in esame le proposte alternative di Zero Waste Italy può rafforzare l'ipotesi di una soluzione partecipata nel segno dell'Economia Circolare della "partita" non solo nazionale che si sta giocando a Roma tra passato (gli inceneritori) e il presente-futuro (Zero Waste per una nuova economia). Ogni tanto le belle notizie risollevano lo spirito e la voglia di farcela!

Rossano Ercolini, presidente di Zero Waste Italy
(vedi il comunicato di seguito)
Ultimo aggiornamento ( lunedý 13 giugno 2022 )
 
La terribile favola delle ceneri da inceneritore per "miracolo" utili... PDF Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
giovedý 21 aprile 2022

https://www.no-burn.org/resources/toxic-fallout-waste-incinerator-bottom-ash-in-a-circular-economy/

 

Toxic Fallout – Waste Incinerator Bottom Ash in a Circular Economy

This report uses independent empirical research to evidence that incinerator bottom ash is insidiously hazardous and underregulated. Risk is heightened by the fact that testing methods for its use as a building material are outdated. A list of fifteen concerns for public health and safety is provided in relation to the use of waste incinerator bottom ash in cement-based products and as road/pathway aggregate. Calls for the support of its use within a circular economy are premature, and, as per the precautionary principle, all ongoing usage should cease. Examination of independently analysed bottom ash provides a diagnostic on the operational steady state of waste incinerators, incidentally raising concerns about operational compliance with emissions legislation and the capacity of incinerators to produce benign bottom ash when fed with municipal solid waste.

 

 

(vecchi e nuovi stregoni fra alambicchi e business smisurati che trasformerebbero mefitici veleni in oro, per continuare a avvelenare GAIA. ndr noinceneritori)

 

 

 

Ultimo aggiornamento ( giovedý 21 aprile 2022 )
 
A BUON RENDERE.... Da fare! PDF Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
mercoledý 09 marzo 2022

http://www.zerowasteitaly.org/lancio-della-campagna-a-buon-rendere-molto-piu-di-un-vuoto/

 

molto_piu_di_un_vuoto_
Ultimo aggiornamento ( mercoledý 09 marzo 2022 )
 
5 febbraio 2022 Istituto Stensen (FI) PDF Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
venerdý 04 febbraio 2022

  da  Rossano Ercolini

 

 assembleaecostensen_2022-02-04_120542

 

 

 

 

Sabato 5 febbraio sono stato invitato a partecipare all'Assemblea Ecologista che si svolgerà a Firenze dalle ore 10 presso l’Auditorium Stensen. Partecipano tra gli altri il sindaco di Milano Sala, l'ex ministro Edo Ronchi e la parlamentare Rossella Muroni. Porterò la proposta di unificare al massimo l'area politica ecologista e verde, chiedendo a tutte le componenti di aderire anche formalmente alla strategia Rifiuti Zero, attraverso la Costituente Ecologista che rappresenti lo sbocco al mare di tantissimi percorsi ambientalisti di tutela del Pianeta. Ora più che mai vogliono incredibilmente inserire (Europa inclusa) il gas e il nucleare tra le "tecnologie verdi"…
UNITÀ PER SCONFIGGERE QUESTA ASSURDITÀ!
Rossano Ercolini
📺 Segui la diretta streaming www.assembleaecologista.org

 

Ultimo aggiornamento ( venerdý 04 febbraio 2022 )
 
Il particolato che respiriamo... PDF Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
giovedý 20 gennaio 2022

https://www.openpolis.it/le-morti-premature-causate-dal-pm2-5/

 

 

Le morti premature causate dal Pm2.5

Ambiente

 

Il particolato fine, o Pm2.5, è la sostanza inquinante emessa dalle attività di matrice antropica che ogni anno causa il maggior numero di decessi. In Italia, è soprattutto il nord a esserne colpito.

| Ecologia e innovazione

Una delle sfide più importanti nella lotta al cambiamento climatico è la riduzione dell’inquinamento atmosferico, particolarmente dannoso sia per l’ambiente che per la salute dell’essere umano.

Air pollution is a major cause of premature death and disease, and is the single largest environmental health risk in Europe.

- Air pollution: how it affects our health - Eea

Delle diverse sostanze inquinanti che l’attività di matrice antropica emette nell’atmosfera, una particolare attenzione va rivolta al cosiddetto particolato fine, o Pm2.5 (acronimo inglese di particulate matter), che secondo la European environmental agency (Eea) e l’organizzazione mondiale per la salute (Oms) è tra le più nocive. In particolare, ha un impatto molto forte sulla salute umana, e ogni anno causa migliaia di decessi prematuri.

 

 

Ultimo aggiornamento ( venerdý 04 febbraio 2022 )
 
Auguri! Dedicato ai patrioti di Madre Terra, migliai di persone assassinate dal capitalismo PDF Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
giovedý 23 dicembre 2021
AUGURI! abbiamo molto da fare nei prossimi anni!
la_ecologia_si_lucha 
 chico_mendes
 
Ultimo aggiornamento ( giovedý 23 dicembre 2021 )
 
Obbligo di raccolta separata del tessile: IMPORTANTE!!! PDF Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
martedý 04 gennaio 2022

https://www.toscanachiantiambiente.it/dal-1-gennaio-obbligatoria-la-raccolta-differenziata-del-tessile-italia-prima-in-europa/?fbclid=IwAR2MMfFw4qmL-SHJZS59c7diSZTn9qDmEbW8W5M5kRTGDIZo0pK_6K5Rgog

 

In Italia sta per scattare una piccola rivoluzione che ci vede primi in Europa. A partire ...  gennaio 2022, entra in vigore su tutto il territorio nazionale l’obbligo di raccolta differenziata dei rifiuti tessili previsto dal decreto legislativo n. 116/2020 . A livello europeo invece la raccolta differenziata di questa tipologia di rifiuto diventerà obbligatoria entro il 2025. (leggi tutto)

vestiti-usati

 
Il Decimo cerchio. Peccioli (Pisa) vuole ampliare... PDF Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
martedý 04 gennaio 2022

https://www.facebook.com/Toscana.Chianti.Ambiente.informazione.indipendente/

girone_infernale_peccioli
 
A Genova: Conversazioni, IL MARE SVUOTATO PDF Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
martedý 04 gennaio 2022

Non potete perdervi questa conversazione.
E se anche le altre vi sono piaciute, condividete!
L’11 gennaio, alle 18, Vi racconteremo storie di capitani coraggiosi, di pescatori e contadini e dei loro figli affamati , di matematici curiosi, di inascoltate profetesse.
E sentiremo se sia sensato estrarre uranio dalle acque degli oceani, per continuare ad alimentare le centrali nucleari.
E’ possibile seguire l’evento in presenza al circolo Zenzero di Genova (25 persone su prenotazione, green pass obbligatorio)
oppure on line collegandosi al link:
ID riunione: 844 3343 7320
Passcode: 233993
In diretta nella pagina Facebook di Ecoistituto RE-Ge
conversazioni_bardi_valerio_genova_il_mare_svuotato_
Ultimo aggiornamento ( martedý 04 gennaio 2022 )
 
ISPRA: Rapporto rifiuti urbani 2021 PDF Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
martedý 28 dicembre 2021

https://www.isprambiente.gov.it/it/pubblicazioni/rapporti/rapporto-rifiuti-urbani-edizione-2021

 

Commento di Rossano Ercolini

DATI ISPRA 2021: CALANO I RIFIUTI DEL 3,6% (- UN MILIONE DI TONNELLATE), AUMENTA LA RD CHE SALE AL 63%. LA RD DECOLLA ANCHE AL SUD.


Certo il covid ha aiutato questo calo ma gli italiani durante la fase acuta della pandemia hanno anche dato fiato alle buone pratiche di raccolta differenziata e di riduzione dei rifiuti. La produzione pro-capite di RSU scende a 488 kg anno (era sopra le 500 kg) mentre intere regioni di Italia superano nettamente il 70% di RD con le punte di Veneto (76,19%) e Sardegna 74,59%. Ma la buona notizia viene dall'intero mezzogiorno dove la RD supera il 53% con aumenti marcati in Puglia, Calabria, Basilicata (anche +7% di rd) che insieme al Molise in taluni casi (vedi Calabria) registrano una produzione media pro-capite annua di 381kg. La stessa Sicilia, pur rimanendo sotto il 50% raggiunge un buon 42,3% triplicando in tre anni la propria performance.
Certamente la diffusione capillare della strategia Rifiuti Zero con i suoi circa 330 comuni che rappresentano oltre 7 milioni di abitanti ha partecipato enormemente a far crescere la sensibilità di cittadini ed imprese contribuendo a far passare la RD dal 17% del 2003 all'attuale 63%. Vogliamo che di questi risultati straordinari se ne parli in TV tanto più in epoca di Economia Circolare e di PNRR. Non sono certo stati i Governi e ministri come Cingolani a fare la differenza e a promuovere la differenziata e la riduzione dei rifiuti. I cittadini lo sappiano: se ormai il nostro Paese è leader in Europa nelle buone pratiche di riciclo e di economia circolare è merito loro e DEL MOVIMENTO ZERO WASTE che ormai ha saputo unire livelli associativi diffusi ma anche comuni virtuosi che con la loro narrazione positiva e scandita dai numeri sono divenuti esempi internazionali (vedi ultimo articolo dell'Espresso sulla storia Rifiuti Zero di Capannori).
Nonostante tutto ci sono motivi per farci auguri di Buone Feste, senza spazzatura nè inceneritori di cui non se ne sente la mancanza! Rossano Ercolini
#rossanoercolini #rifiutizero #zerowaste #ispra #RD



 

 

 
Auguri da RIFIUTI ZERO affinchÚ il 2022 sia l'inizio della Rivoluzione Ecologica! PDF Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
martedý 28 dicembre 2021
  
Auguri da Rifiuti Zero affinché il 2022 sia l'inizio della Rivoluzione Ecologica!
 
La pandemia, nonostante le interessate rassicurazioni dell'economia (ancora aggressiva per la natura) sta ancora ridicolizzando le economie globali. L'incontro in Scozia ha dimostrato che i potenti oltre ad essere potenti sono stupidi e non capiscono che o ci saranno forti cambiamenti nel rapporto con la natura o l'agonia della "inciviltà umana" marcerà senza sosta pregiudicando il futuro di intere generazioni. Sta a noi dal basso (nessuno lo farà al nostro posto) dare segnali di radicale cambiamento. Vogliamo un mare ecologista che ponga al centro l'ambiente e l'inizio della soluzione delle numerose crisi ambientali globali, non solo la crisi climatica ma anche la trasformazione degli oceani in discariche di plastica e la impossibilità al ritmo degli attuali consumi della rigenerazione delle risorse naturali (impronta ecologica insostenibile). Questo è l'orizzonte su cui lavorare altro che la cialtroneria del Ministro Cingolani responsabile della transizione ecologica che con Salvini vuole l'energia atomica e nuove trivellazioni ed inceneritori.
....
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Pross. > Fine >>

Risultati 1 - 17 di 1346
Questo sito è lo strumento di comunicazione del Coordinamento dei Comitati della Piana FI PO PT. Talvolta ospita altri soggetti con comunicazioni condivise.Esso non rappresenta una testata giornalistica, in quanto non viene aggiornato con cadenza periodica, né è da considerarsi un mezzo d'informazione o un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001. Il materiale inserito in questo sito proviene da Internet oppure da atti diffusi da altri mezzi di comunicazione oppure prodotti dalle varie realtà componenti il Coordinamento e destinati a essere divulgati, quindi di dominio pubblico e utilizzati senza alcun fine di lucro. Qualora inconsapevolmente il materiale pubblicato vìoli i diritti d´autore, vogliate comunicarlo per una pronta rimozione. I commenti ai post non sono moderati, le/gli autori/trici devono essere registrati per inserire commenti quindi sono rintracciabili anche sotto nikname; si invita alla moderazione e al rispetto.

© 2022 NoInceneritori.org
Joomla! un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.