Lubiana prossima "capitale verde" dell'Europa.
Scritto da Redazione   
giovedý 12 novembre 2015
...il Governo centrale sloveno ha ormai dichiarato ufficialmente che in Slovenia non verranno costruiti nuovi inceneritori, e la cosa la stiamo usando come esempio (anche se con alterne fortune) per gli altri Paesi  dell'Allargamento (i Paesi dell'Europa Centro-Orientale)
(estratto)

Cari tutti,
penso sappiate già che la Slovenia rappresenta una delle situazioni più promettenti per le strategie che ci stanno a cuore, e senz'altro uno degli esempi che ci rendono più orgogliosi dei risultati ottenuti.

Nel corso del 2013 e 2014 come Zero Waste Europe abbiamo dedicato alla Slovenia tempo ed energie, ed abbiamo avuto un ruolo decisivo nel determinare il cambiamento delle strategie nazionali e nel promuovere la strategia RZ.
Vale la pena di darvi qualche riferimento, prima di arrivare a quello che volevo condividere con voi (come sempre, per usarlo nelle nostre campagne a livello locale e nazionale)

All'epoca, la capitale Lubiana aveva un piano per  la costruzione di un inceneritore da circa 200.000 t/anno.
Con gli amici di EBM - Ekologi Brez Meia (Ecologisti senza frontiere - che ora gestiscono la rete nazionale slovena Zero Waste, http://ebm.si/o/sl), ci siamo attivati per fermare tali programmi, e proporre l'adozione della strategia RZ. Io e Joan Marc Simon (Direttore di Zero Waste Europe) siamo stati diverse volte in Slovenia per iniziative mediatiche e per partecipare a conferenze ove giocavamo decisamente "fuori casa" (per la prevalenza di posizioni pro-incenerimento) ma dove abbiamo proposto con successo, ed abbondanza di riferimenti tecnici, economici, scientifici, la nostra visione, le nostre proposte le nostre evidenze sui risultati ambientali, economici, occupazionali della strategia RZ. Il che, sia detto per inciso, ci conferma che vale la pena di partecipare anche alle conferenze in campo avverso: non sempre è tempo perso, anzi.

Nel Dicembre dello stesso anno, abbiamo ospitato una delegazione slovena in visita ai sistemi di RD e tariffazione puntuale nel Nord-Est d'Italia, nella primavera del 2014 abbiamo poi organizzato una visita ai sistemi di trattamento del RUR a freddo con recupero materia. L'accoppiata, è stata (con)vincente.
Poco dopo, infatti, andai in Slovenia, con gli amici di EBM incontrammo il Sindaco di Vrhnika, Stojan Jakin, e lo convincemmo ad adottare ufficialmente la strategia Rifiuti Zero, in modo da dare visibilità alle buone pratiche già in corso (Vrhnika già era attorno ai 90 kg/ab.anno di RUR), ma soprattutto fare da stimolo per l'adozione di analoghi programmi da parte di altre amministrazioni.
La cosa funzionò, e nel giro di pochi mesi anche la capitale Lubiana, oltre ad altre due cittadine confinanti con Vrhnika, dichiararono di volere adottare la strategia RZ.
Nel Settembre 2014, eravamo dunque alla Camera Bassa del Parlamento sloveno a ufficializzare
a) l'adozione della strategia Rifiuti Zero da parte dei primi 4 Comuni della Slovenia (altri seguiranno dopo)
b) l'abbandono di qualunque piano per l'inceneritore a Lubiana! 

Nel corso del 2015, l'alleanza strategica con la Slovenia e Lubiana si è consolidata, settimana scorsa il Direttore di SNAGA (l'azienda pubblica di Lubiana), Kramzar, era con noi e gli amici di CONTARINA a Poznan per promuovere un percorso analogo in Polonia (al posto della decina di inceneritori che hanno pianificato da quelle parti), e ieri a Kranj (vicino Lubiana) eravamo ad una conferenza internazionale sulla Economia Circolare, promossa dal Governo slovena in collaborazione con la Commissione UE.
Orbene, il Governo centrale sloveno ha ormai dichiarato ufficialmente che in Slovenia non verranno costruiti nuovi inceneritori, e la cosa la stiamo usando come esempio (anche se con alterne fortune) per gli altri Paesi  dell'Allargamento (i Paesi dell'Europa Centro-Orientale)

Veniamo al fatto del giorno. La cosa che volevo condividere con voi, è una foto che mi è appena stata inviata da ECOMONDO, dove Kramzar è stato invitato a riferire sulle RD nella capitale slovena ad un workshop, mi dicono, molto partecipato, organizzato da Utilitalia. Ecco, forse gli organizzatori non sapevano, e non si aspettavano che gli amici di SNAGA andassero a parlare di Rifiuti Zero, legittimandone, dal punto di vista di un operatore di una Città la praticabilità; e soprattutto, penso non si aspettassero che lo facessero con messaggi netti, precisi, preziosi. Perché Kramzar ha usato la slide qui sotto (ed allegata) per spiegare perché Lubiana è stata scelta come prossima "capitale verde" dell'Europa.

__._,_.___


Inviato da: < Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo >

Commenti

busy