Home
Annunci

 

Il sito ha qualche problema, ci scusiamo per i disagi causati ai lettori, speriamo di risolvere presto!

GRAZIE PER LA PAZIENZA!

 

Benvenuti !
Sul nostro sito Internet

 

Il Coordinamento dei Comitati della Piana dedica questo sito a beneficio di tutti i cittadini interessati.

Email: 
Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo
 
Questo sito è lo strumento di comunicazione del Coordinamento dei Comitati della Piana FI PO PT.
Talvolta ospita altri soggetti con comunicazioni condivise.
Esso non rappresenta una testata giornalistica, in quanto non viene aggiornato con cadenza periodica, né è da considerarsi un mezzo d'informazione o un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.
Il materiale inserito in questo sito proviene da Internet oppure da atti diffusi da altri mezzi di comunicazione oppure prodotti dalle varie realtà componenti il Coordinamento e destinati a essere divulgati, quindi di dominio pubblico e utilizzati senza alcun fine di lucro.
Qualora inconsapevolmente il materiale pubblicato vìoli i diritti d'autore, vogliate comunicarlo per una pronta rimozione. I commenti ai post non sono moderati, le/gli autori/trici devono essere registrati per inserire commenti quindi sono rintracciabili anche sotto nikname; si invita alla moderazione e al rispetto.
 
Accesso





Password dimenticata?
Nessun account? Registrati
Menu principale
Home
FAQ
Notizie
Documenti
Le alternative
Cerca
Forum
Galleria foto
Contattaci
Web link
Archivio
Chi Ŕ online
Dal 9 Agosto 2006
Visitatori: 48575340
Calendario Eventi
Luglio 2017
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
26272829301 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31 1 2 3 4 5 6
Ultimi Eventi
'27/07/17'
Toscana Aeroporti ENAC e PD, non vi mangerete la Piana
Sondaggi
Serve veramente un inceneritore nella Piana?
 
Galleria fotografica
Archivio
Newsletter

Ricevi via email le nostre notizie

Image


Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter settimanale






Syndication

Attenzione, precauzione e cura (I care) PDF Stampa E-mail
Scritto da Ufficio Stampa WWF Italia   
giovedý 19 luglio 2007

Il WWF chiede al Ministero dell’Ambiente  di farsi promotore di
linee guida sulle centrali a biomasse a livello nazionale  

.....Quanto sta accadendo con la centrale del Mercure dovrebbe  far riflettere tutti e spingere il Ministero dell’Ambiente a farsi  promotore con urgenza, insieme al ministero dell’Agricoltura e a quello  dello Sviluppo economico, della redazione di Linee guida nazionali che  individuino e promuovano i criteri per un impiego sostenibile delle  biomasse nel nostro paese....

 
Inquina pi¨ il traffico o gli inceneritori ? PDF Stampa E-mail
mercoledý 18 luglio 2007

Pubblichiamo la risposta che il dr. Federico Valerio ha inviato oggi all'On.- Ermete Realacci in merito alla sua affermazione che inquina più il traffico autoveicolare dei termovalorizzatori.

"Onorevole Realacci sono il direttore del Servizio di Chimica Ambientale dell'Istituto Tumori di Genova (www.istge.it) e oggetto dei nostri studi è la prevenzione primaria dei tumori indotti dall'esposizione a sostanze cancerogene. Da una decina di anni studiamo il ruolo delle gestioni dei Materiali Post Consumo su questo fenomeno, dando consulenza a diverse amministrazioni locali attente a questa problematica. Abbiamo avuto notizia che in una sua recente intervista avrebbe dichiarato che i termovalorizzatori inquinano meno del traffico.

 
In Regione per far sentire la voce dei cittadini PDF Stampa E-mail
Scritto da Comitato Tutela Valdichiana   
mercoledý 18 luglio 2007

 (A proposito della riconversione dell'ex zuccherificio Eridania Sadam di Castiglion Fiorentino)

Comunicato stampa del Comitato Tutela Valdichiana sez. di Castiglion Fiorentino


IN REGIONE PER FAR SENTIRE LA VOCE DEI CITTADINI

Ultimo aggiornamento ( mercoledý 02 aprile 2008 )
 
Lo zuccherificio che diventa inceneritore PDF Stampa E-mail
mercoledý 18 luglio 2007
18/07/2007 - C'era attesa stamani per la decisione del tavolo di lavoro dell'assessorato all'agricoltura per discutere della riconversione dell'ex zuccherificio Eridania Sadam di Castiglion Fiorentino.

Al centro del dibattito tra Regione, Comune di Castiglion Fiorentino, Provincia di Arezzo, azienda, sindacati e organizzazioni agricole, e' la contestata riconversione dell'unico zuccherificio della toscana che contava nel 2005 piu' di 300 dipendenti e che per decisione della Comunita' Europea e con l'assenso del Governo italiano ha dovuto chiudere. Politiche europee incomprensibili per gli ormai ex-dipendenti dell'azienda che non erano contrari a priori alla proposta di riconversione dello stabilimento in un inceneritore a olio e biomasse ma che ora pretendono risposte certe. 
Ultimo aggiornamento ( mercoledý 18 luglio 2007 )
 
La goccia scava la roccia... PDF Stampa E-mail
Scritto da Greenreport   
martedý 17 luglio 2007

Firenze e bottiglie di vetro, Malavolti: «Introduciamo la legge del vuoto a rendere»

FIRENZE. In città la questione della sicurezza dei cittadini si incrocia con quella dei rifiuti. Nei giorni scorsi il Comitato per l’ordine pubblico presieduto dal prefetto ha vietato la vendita di bottiglie di vetro per asporto dalle 22 alle 5 in tutto il Centro storico, per scongiurare l’eventuale utilizzo del materiale come arma nelle frequenti risse che caratterizzano le notti fiorentine.

Ultimo aggiornamento ( mercoledý 18 luglio 2007 )
 
AMBIENTEFUTURO NEWS: LUGLIO ľBIS 07: AGENDA DĺESTATE PDF Stampa E-mail
venerdý 13 luglio 2007

Sommario 

  • LE “BUONE NUOVE”DA BRESCIA…
  • …E LE MENO BUONE NUOVE DALL’EUROPA
  • “CASO LUCART”: IL 21 LUGLIO FESTA- MOBILITAZIONE DEI COMITATI
  • L’AGENDA DI SETTEMBRE.
  • IL 18 AL SENATO ARRIVA L’APPROVAZIONE DELLA LEGGE COMUNITARIA
Ultimo aggiornamento ( mercoledý 02 aprile 2008 )
 
Referendum sull'inceneritore di Firenze: si farÓ il 10 e l'11 novembre 2007 PDF Stampa E-mail
giovedý 12 luglio 2007
Consultazione popolare sull’inceneritore: il Comitato per il referendum contro l’inceneritore nella Piana la farà in autogestione il 10 e l’11 novembre 2007
Ultimo aggiornamento ( giovedý 12 luglio 2007 )
 
Rifiuti e Compost: cambiare strada PDF Stampa E-mail
giovedý 12 luglio 2007
 PONTEDERA. Lo “scandalo Geofor” che tiene banco da diverse settimane, si è imposto all’attenzione facendo pensare a qualcosa di improvviso e sorprendente. Per chi, come noi, ha cercato di seguire costantemente i problemi ecologici non è certo una sorpresa, e se proprio si vuole parlare di scandalo, si dovrebbe parlare di uno scandalo che dura da 17 anni: una gestione dei rifiuti in una condizione di monopolio, opaca, con una forte carenza di controllo pubblico e una forte posizione di vantaggio del socio privato, un’attenta cura per gli aspetti contingenti e una scarsa previdenza dal punto di vista ecologico.

L’azienda Ecofor, poi Geofor, è sorta nel 1990 come una risposta dall’emergenza rifiuti degli anni ’80, creando una gestione incentrata sul sistema cassonetto/ discarica/inceneritore, che ha assicurato una certa efficienza del servizio e costi apparentemente contenuti per l’utenza.
Ultimo aggiornamento ( giovedý 12 luglio 2007 )
 
Da nord a sud, raccolta 'PORTA A PORTA' PDF Stampa E-mail
Scritto da Claudio   
mercoledý 11 luglio 2007

RIFIUTI: DA NORD A SUD PIACE RACCOLTA 'PORTA A PORTA'  

(ANSA) - ROMA - Non saranno sofisticati mezzi tecnologici a ripulire sei citta italiane dai rifiuti, ma il vecchio ''netturbino'' di una volta. A Torino, come a Venezia, Bologna, passando per Firenze, Roma e infine a Bari, a vincere la sfida per incrementare la raccolta differenziata e il sistema 'porta a porta'

Ultimo aggiornamento ( mercoledý 02 aprile 2008 )
 
Piccoli comportamenti virtuosi crescono PDF Stampa E-mail
Scritto da msirca   
martedý 10 luglio 2007

http://www.e-gazette.it:80/index.asp?npu=116 

imballaggi

L’omino coi baffi s’impegna nella raccolta dell’alluminio

Ultimo aggiornamento ( mercoledý 02 aprile 2008 )
 
Sentenza di condanna della Corte di Giustizia Europea: (commento) PDF Stampa E-mail
lunedý 09 luglio 2007

La Corte di giustizia europea ha condannato l'Italia per l'inceneritore di Brescia, gestito dalla municipalizzata ASM. La causa è il mancato eseguimento della Valutazione d'Impatto Ambientale (VIA) prima dell'attivazione nel dicembre 2003 della cosiddetta "terza linea". La VIA è stata realizzata sì, ma solo retroattivamente nel 2004, quindi con l'impianto già realizzato e funzionante e solo dopo l'intervento della Commissione europea.

 Condanna anche per la mancata pubblicazione della comunicazione di inizio attività della stessa terza linea. I giudici hanno ribadito che i cittadini devono essere sempre informati in merito alle domande di nuove autorizzazioni per gli inceneritori "al fine di consentire al pubblico di esprimere le proprie osservazioni prima della decisione dell'autorità competente", si legge nel testo della sentenza.

 

Ultimo aggiornamento ( lunedý 09 luglio 2007 )
 
Alessandro Iacuelli visita l'Inceneritore di Brescia. PDF Stampa E-mail
lunedý 09 luglio 2007

Riceviamo questo gradito contributo e pubblichiamo: 

Alessandro Iacuelli, il fisico e giornalista che ha pubblicato il libro "Le vie infinite dei rifiuti, il sistema campano" (altrenotizie.org, 2007), è stato a far visita all'inceneritore/termovalorizzatore di Brescia, dell'ASM.

Il resoconto completo è a questo indirizzo: http://alex321.splinder.com/post/12201764 
  
Segue un breve passo sulla diossina......(leggi tutto)

Ultimo aggiornamento ( lunedý 09 luglio 2007 )
 
Coerenza: contro l'incenerimento sostenere a oltranza il Porta a Porta e il TMB PDF Stampa E-mail
Scritto da msirca   
sabato 07 luglio 2007

Lettera aperta di 52 eurodeputati di 16 Stati membri UE su rifiuti, ambiente e salute.

...Come è una scelta d'avanguardia ed innovazione puntare sul recupero della parte organica tramite moderni impianti di compostaggio e per lo smaltimento della parte residua non riciclabile il Trattamento Meccanico Biologico senza combustione...

Ultimo aggiornamento ( domenica 08 luglio 2007 )
 
Coerenza PDF Stampa E-mail
Scritto da msirca   
sabato 07 luglio 2007

La vice ministro agli Esteri Patrizia Sentinelli.

....Stesso ragionamento, per Sentinelli, anche sui rifiuti: ''non possiano credere alle favole, gli inceneritori non sono compatibili con la raccolta differenziata''. L'invito deciso della vice ministro al Governo ''e' a guardarsi bene dall'assumere in Italia alcuni comportamenti finanziari quando in Italia stai facendo altro''....

Ultimo aggiornamento ( sabato 07 luglio 2007 )
 
La Corte di Giustizia Europea condanna l'Italia per l'ampliamento dell'Inceneritore di Brescia PDF Stampa E-mail
venerdý 06 luglio 2007

Il 5 luglio 2007 la Corte di Giustizia Europea ha condannato l'Italia nella causa C 255/05 promossa dalla Commissione Europea nel 2005, per non aver sottoposto a procedimento di VIA, ed altro, l'ampliamento dell'inceneritore di Brescia.

Qui di seguito  la parte conclusiva della sentenza  (V. testo  integrale allegato) :
"Per questi motivi, la Corte (Seconda Sezione) dichiara e statuisce:

1)  Non avendo sottoposto, prima della concessione dell'autorizzazione alla costruzione, il progetto di una «terza
linea» dell'inceneritore appartenente alla società ASM Brescia Spa alla procedura di valutazione di impatto ambientale prevista dagli artt. da 5 a 10 della direttiva del Consiglio 27 giugno 1985, 85/337/CEE, concernente la valutazione dell'impatto ambientale di determinati progetti pubblici o privati, come modificata dalla direttiva del Consiglio 3 marzo 1997, 97/11/CE, la Repubblica italiana è venuta meno agli obblighi ad essa derivanti dagli artt. 2,
n. 1, e 4, n. 1, di tale direttiva.

2)  Non avendo reso accessibile in uno o più luoghi aperti al pubblico la comunicazione di inizio attività della «terza linea» del detto inceneritore per un adeguato periodo di tempo affinché il pubblico potesse esprimere le proprie osservazioni prima della decisione dell'autorità competente e non avendo messo a disposizione del pubblico stesso le decisioni relative a tale comunicazione insieme ad una copia dell'autorizzazione, la Repubblica italiana è venuta meno agli obblighi ad essa incombenti in forza dell'art. 12, n. 1, della direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio 4 dicembre 2000, 2000/76/CE, sull'incenerimento dei rifiuti.

3)  La Repubblica italiana è condannata alle spese"

Ultimo aggiornamento ( venerdý 06 luglio 2007 )
 
Raddoppio inceneritore: Arezzo non Ŕ la Campania... PDF Stampa E-mail
venerdý 29 giugno 2007

[...] Arezzo e il suo territorio sono perfettamente in grado di affrontare e risolvere, senza dover ricorrere ad atteggiamenti di falso allarmismo, il problema dei rifiuti riducendoli alla fonte e incrementando realmente ( e non sulla carta come fatto fino ad oggi), l'attività di raccolta differenziata, di recupero e di riciclaggio. L'attuale impianto di San Zeno è in grado di sostenere i quantitativi di rifiuti residuali prodotti nel nostro territorio, senza dover raddoppiare un bel nulla, a patto che si segua una politica responsabile e coerente con la legge sui rifiuti che detta senza equivoci i passaggi da espletare. Non è assolutamente vero che se non si raddoppia l'inceneritore saremo sommersi dai rifiuti.

Ultimo aggiornamento ( venerdý 06 luglio 2007 )
 
<< Inizio < Prec. 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 Pross. > Fine >>

Risultati 953 - 969 di 1195
Questo sito è lo strumento di comunicazione del Coordinamento dei Comitati della Piana FI PO PT. Talvolta ospita altri soggetti con comunicazioni condivise.Esso non rappresenta una testata giornalistica, in quanto non viene aggiornato con cadenza periodica, né è da considerarsi un mezzo d'informazione o un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001. Il materiale inserito in questo sito proviene da Internet oppure da atti diffusi da altri mezzi di comunicazione oppure prodotti dalle varie realtà componenti il Coordinamento e destinati a essere divulgati, quindi di dominio pubblico e utilizzati senza alcun fine di lucro. Qualora inconsapevolmente il materiale pubblicato vìoli i diritti d´autore, vogliate comunicarlo per una pronta rimozione. I commenti ai post non sono moderati, le/gli autori/trici devono essere registrati per inserire commenti quindi sono rintracciabili anche sotto nikname; si invita alla moderazione e al rispetto.

© 2017 NoInceneritori.org
Joomla! un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.