Home
Annunci

 

Il sito ha qualche problema, ci scusiamo per i disagi causati ai lettori, speriamo di risolvere presto!

GRAZIE PER LA PAZIENZA!

 

Benvenuti !
Sul nostro sito Internet

 

Il Coordinamento dei Comitati della Piana dedica questo sito a beneficio di tutti i cittadini interessati.

Email: 
Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo
 
Questo sito è lo strumento di comunicazione del Coordinamento dei Comitati della Piana FI PO PT.
Talvolta ospita altri soggetti con comunicazioni condivise.
Esso non rappresenta una testata giornalistica, in quanto non viene aggiornato con cadenza periodica, né è da considerarsi un mezzo d'informazione o un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.
Il materiale inserito in questo sito proviene da Internet oppure da atti diffusi da altri mezzi di comunicazione oppure prodotti dalle varie realtà componenti il Coordinamento e destinati a essere divulgati, quindi di dominio pubblico e utilizzati senza alcun fine di lucro.
Qualora inconsapevolmente il materiale pubblicato vìoli i diritti d'autore, vogliate comunicarlo per una pronta rimozione. I commenti ai post non sono moderati, le/gli autori/trici devono essere registrati per inserire commenti quindi sono rintracciabili anche sotto nikname; si invita alla moderazione e al rispetto.
 
Accesso





Password dimenticata?
Nessun account? Registrati
Menu principale
Home
FAQ
Notizie
Documenti
Le alternative
Cerca
Forum
Galleria foto
Contattaci
Web link
Archivio
Chi Ŕ online
Dal 9 Agosto 2006
Visitatori: 40977427
Calendario Eventi
Marzo 2017
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
27281 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31 1 2
Ultimi Eventi
'08/04/17'
In Via Tobagi a Montale PT
Sondaggi
Serve veramente un inceneritore nella Piana?
 
Galleria fotografica
Archivio
Newsletter

Ricevi via email le nostre notizie

Image


Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter settimanale






Syndication

Sentenza di condanna della Corte di Giustizia Europea: (commento) PDF Stampa E-mail
lunedý 09 luglio 2007

La Corte di giustizia europea ha condannato l'Italia per l'inceneritore di Brescia, gestito dalla municipalizzata ASM. La causa è il mancato eseguimento della Valutazione d'Impatto Ambientale (VIA) prima dell'attivazione nel dicembre 2003 della cosiddetta "terza linea". La VIA è stata realizzata sì, ma solo retroattivamente nel 2004, quindi con l'impianto già realizzato e funzionante e solo dopo l'intervento della Commissione europea.

 Condanna anche per la mancata pubblicazione della comunicazione di inizio attività della stessa terza linea. I giudici hanno ribadito che i cittadini devono essere sempre informati in merito alle domande di nuove autorizzazioni per gli inceneritori "al fine di consentire al pubblico di esprimere le proprie osservazioni prima della decisione dell'autorità competente", si legge nel testo della sentenza.

 

Ultimo aggiornamento ( lunedý 09 luglio 2007 )
 
Alessandro Iacuelli visita l'Inceneritore di Brescia. PDF Stampa E-mail
lunedý 09 luglio 2007

Riceviamo questo gradito contributo e pubblichiamo: 

Alessandro Iacuelli, il fisico e giornalista che ha pubblicato il libro "Le vie infinite dei rifiuti, il sistema campano" (altrenotizie.org, 2007), è stato a far visita all'inceneritore/termovalorizzatore di Brescia, dell'ASM.

Il resoconto completo è a questo indirizzo: http://alex321.splinder.com/post/12201764 
  
Segue un breve passo sulla diossina......(leggi tutto)

Ultimo aggiornamento ( lunedý 09 luglio 2007 )
 
Coerenza: contro l'incenerimento sostenere a oltranza il Porta a Porta e il TMB PDF Stampa E-mail
Scritto da msirca   
sabato 07 luglio 2007

Lettera aperta di 52 eurodeputati di 16 Stati membri UE su rifiuti, ambiente e salute.

...Come è una scelta d'avanguardia ed innovazione puntare sul recupero della parte organica tramite moderni impianti di compostaggio e per lo smaltimento della parte residua non riciclabile il Trattamento Meccanico Biologico senza combustione...

Ultimo aggiornamento ( domenica 08 luglio 2007 )
 
Coerenza PDF Stampa E-mail
Scritto da msirca   
sabato 07 luglio 2007

La vice ministro agli Esteri Patrizia Sentinelli.

....Stesso ragionamento, per Sentinelli, anche sui rifiuti: ''non possiano credere alle favole, gli inceneritori non sono compatibili con la raccolta differenziata''. L'invito deciso della vice ministro al Governo ''e' a guardarsi bene dall'assumere in Italia alcuni comportamenti finanziari quando in Italia stai facendo altro''....

Ultimo aggiornamento ( sabato 07 luglio 2007 )
 
La Corte di Giustizia Europea condanna l'Italia per l'ampliamento dell'Inceneritore di Brescia PDF Stampa E-mail
venerdý 06 luglio 2007

Il 5 luglio 2007 la Corte di Giustizia Europea ha condannato l'Italia nella causa C 255/05 promossa dalla Commissione Europea nel 2005, per non aver sottoposto a procedimento di VIA, ed altro, l'ampliamento dell'inceneritore di Brescia.

Qui di seguito  la parte conclusiva della sentenza  (V. testo  integrale allegato) :
"Per questi motivi, la Corte (Seconda Sezione) dichiara e statuisce:

1)  Non avendo sottoposto, prima della concessione dell'autorizzazione alla costruzione, il progetto di una «terza
linea» dell'inceneritore appartenente alla società ASM Brescia Spa alla procedura di valutazione di impatto ambientale prevista dagli artt. da 5 a 10 della direttiva del Consiglio 27 giugno 1985, 85/337/CEE, concernente la valutazione dell'impatto ambientale di determinati progetti pubblici o privati, come modificata dalla direttiva del Consiglio 3 marzo 1997, 97/11/CE, la Repubblica italiana è venuta meno agli obblighi ad essa derivanti dagli artt. 2,
n. 1, e 4, n. 1, di tale direttiva.

2)  Non avendo reso accessibile in uno o più luoghi aperti al pubblico la comunicazione di inizio attività della «terza linea» del detto inceneritore per un adeguato periodo di tempo affinché il pubblico potesse esprimere le proprie osservazioni prima della decisione dell'autorità competente e non avendo messo a disposizione del pubblico stesso le decisioni relative a tale comunicazione insieme ad una copia dell'autorizzazione, la Repubblica italiana è venuta meno agli obblighi ad essa incombenti in forza dell'art. 12, n. 1, della direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio 4 dicembre 2000, 2000/76/CE, sull'incenerimento dei rifiuti.

3)  La Repubblica italiana è condannata alle spese"

Ultimo aggiornamento ( venerdý 06 luglio 2007 )
 
Raddoppio inceneritore: Arezzo non Ŕ la Campania... PDF Stampa E-mail
venerdý 29 giugno 2007

[...] Arezzo e il suo territorio sono perfettamente in grado di affrontare e risolvere, senza dover ricorrere ad atteggiamenti di falso allarmismo, il problema dei rifiuti riducendoli alla fonte e incrementando realmente ( e non sulla carta come fatto fino ad oggi), l'attività di raccolta differenziata, di recupero e di riciclaggio. L'attuale impianto di San Zeno è in grado di sostenere i quantitativi di rifiuti residuali prodotti nel nostro territorio, senza dover raddoppiare un bel nulla, a patto che si segua una politica responsabile e coerente con la legge sui rifiuti che detta senza equivoci i passaggi da espletare. Non è assolutamente vero che se non si raddoppia l'inceneritore saremo sommersi dai rifiuti.

Ultimo aggiornamento ( venerdý 06 luglio 2007 )
 
Rifiuti Zero: Ottima riuscita dell'assemblea nazionale di Pisa del 1 luglio 2007 PDF Stampa E-mail
lunedý 02 luglio 2007
Decine di delegazioni da tutta Italia hanno impostato un’agenda di iniziative a partire soprattutto dal prossimo settembre. Erano presenti delegazioni dal VENETO (Treviso e Venezia), dalla LOMBARDIA (Milano), dal PIEMONTE( Novara e Torino); LIGURIA(Genova), EMILIA ROMAGNA(Modena, Reggio Emilia, Ferrara, Forli’) TOSCANA(Lucca, Pisa, Grosseto,Prato, Firenze, Pistoia, Siena); LAZIO(Roma), CAMPANIA (Salerno e Napoli), CALABRIA(Reggio Calabria e Gioiatauro), SICILIA.
Sono intervenuti anche rappresentanti di Associazioni come il WWF, GREENPEACE, AMICI DI BEPPE GRILLO ( di Milano, Lucca e Versilia) del FORUM AMBIENTALISTA, dei COBAS, DELL’ISDE ,di MEDICINA DEMOCRATICA e DEI COMITATI CONTRO IL RIGASSIFICATORE OFF-SHORE DI LIVORNO E PISA. Molto apprezzato il contributo portato dai rappresentanti di DECONTAMINAZIONE-SICILIA e del COMITATO NO-PONTE DI REGGIO CALABRIA.  
Ultimo aggiornamento ( mercoledý 02 aprile 2008 )
 
Riclassificazione Inceneritori: Ministri UE vs Parlamento Europeo PDF Stampa E-mail
lunedý 02 luglio 2007

Lussemburgo, 28 giu. (Apcom) - I ministri dell'Ambiente dell'Ue hanno raggiunto un accordo politico, oggi a Lussemburgo, sulla revisione della direttiva quadro sui rifiuti, che mira, tra l'altro, a riclassificare l'incenerimento dei rifiuti stessi, in certe condizioni, come un'operazione di recupero energetico, invece che come smaltimento (i Ventisette hanno votato tutti a favore, tranne l'Italia che si è astenuta). La riclassificazione, se confermata, avrebbe conseguenze importanti sulla 'gerarchia' del trattamento dei rifiuti, che costituiva finora la pietra angolare della politica comunitaria in questo settore.

Ultimo aggiornamento ( lunedý 02 luglio 2007 )
 
Inceneritore quanto mi costi ! PDF Stampa E-mail
lunedý 02 luglio 2007
La Stampa, 27 Giugno 2007, scritto da ALESSANDRO MONDO

LA POLEMICA: IL CAPOLUOGO CONTRO LA PROVINCIA

Inceneritore, quanto mi costi. Come in ogni compagnia che si rispetti, anche tra i soci di Trm c'è chi consuma salvo passare la mano quando tocca pagare il conto. Cinque milioni di euro: a tanto ammonta l'aumento di capitale sociale
deliberato lo scorso febbraio da Trm in vista delle prime spese. Dal pagamento della tranche di compensazioni ai 6 Comuni interessati dal futuro inceneritore del Gerbido (Torino)  (2 milioni e mezzo) all'acquisto del terreno da Gtt (4 milioni): per limitarsi agli esborsi del 2007.
Ultimo aggiornamento ( lunedý 02 luglio 2007 )
 
Incenerimento, salute, porta a porta: reazioni scomposte.... PDF Stampa E-mail
Scritto da msirca   
domenica 24 giugno 2007
"Verso rifiuti zero" non è utopia e molte persone attente lo sanno e lo dicono da parecchio tempo; vedere che si può realizzare anche vicino a noi e che un sempre maggior numero di cittadini si interroga perplessa sulla contrabbandata bontà di certe scelte da parte di amministratori "faciloni", da' molto fastidio a quelli che hanno "interessi particolari" da difendere.  Questi vedono forse più concretamente "sfumare" grossi affari progettati a costo della salute e delle bollette dei cittadini, scontate le loro reazione inviperite e scomposte....di seguito alcuni contributi molto interessanti: Ass. Eugenio Baronti; Prof.ssa Patrizia Gentilini; Prof. Roberto Barocci.
Ultimo aggiornamento ( venerdý 29 giugno 2007 )
 
Per la CGIL figli e figliastri? PDF Stampa E-mail
Scritto da msirca   
venerdý 22 giugno 2007

(Sorvolando sull'ennesimo abuso o uso improprio della parola "termovalorizzatori" si può dire che il doc è doveroso e sacrosanto!  Qualcuno va a chiedere alla CGIL toscana se, per essere uno dei più sfegatati sponsor degli inceneritori nella Piana, ha magari fatto il calcolo che siamo meno (?) inquinati da malgoverno, collusioni, corruzioni, mafia e quant’altro e allora un altro po’ di veleni più tangibili benchè invisibili come quegli altri, ce li possiamo sorbire? ndr masirca) 

90145 Palermo- Via E. Bernabei 22, tel 0916867801. mail: Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo

DOCUMENTO DELLA CGIL SICILIA - Accordo del 12 giugno 2007 Governo – Regione Sicilia sui Termovalorizzatori 

Ultimo aggiornamento ( mercoledý 02 aprile 2008 )
 
Da AmbienteFuturo news di Giugno PDF Stampa E-mail
Scritto da msirca   
sabato 16 giugno 2007

1 LUGLIO A PISA IN VIA S. LORENZO 38, ASSEMBLEA NAZIONALE DELLA RETE NAZIONALE RIFIUTI ZERO.

 

Alcuni recenti avvenimenti (vedi il precipitare della situazione siciliana) che si aggiungono alle altre drammatiche situazioni italiane (tra le quali spicca il quadro campano ma anche il progetto di costruire un nuovo inceneritore a Milano) rendono questo appuntamento ancor più ATTUALE E NECESSARIO per calibrare appropriate risposte.....

 
L'Italia ha emanato (finalmente) le "migliori tecniche disponibili" PDF Stampa E-mail
Scritto da Bolina   
sabato 16 giugno 2007

(Segnalato su: noinc, Rete Nazionale Rifiuti Zero) 

L'Italia ha emanato (finalmente) le "migliori tecniche disponibili" in applicazione alla direttiva IPPC (ovvero per le Autorizzazioni Integrate Ambientali).

Vedi sotto.

Per gli interessati - consiglierei comunque di leggere/consultare le norme BAT originarie in inglese sul sito della Unione Europea (http://eippcb.jrc.es/ ). 

Saluti Marco Caldiroli 

Ultimo aggiornamento ( sabato 16 giugno 2007 )
 
Solerzia degna di miglior causa PDF Stampa E-mail
Scritto da msirca   
mercoledý 13 giugno 2007
(Dal Comitato di Coordinamento contro il Polo Estrattivo di Calenzano riceviamo queste informazioni che meritano attenzione; questo “sprone” della Amministrazione di Calenzano –il comune pedecollinare che odia le sue colline al punto di volerne pervicacemente ridisegnare il profilo-, a azioni e iniziative degne e qualcuna indegna ci fa venire in mente che noi dovremmo armarci contro “l’abbiocco” estivo specialmente perché come d’abitudine, in questi mesi si compiono le azioni più nefaste da parte dei decisori politici. La domanda da farsi, riferita a Calenzano sarebbe come si possa detestare i propri concittadini e anche tutti gli altri abitanti del circondario, al punto da “sollecitare” di infliggergli una sequenza di impianti e interventi dannosi oltre ogni  misura, mentre a ognuna di esse si oppongono alternative valide e sicuramente  non impattanti. Cosa alberga nella mente e nel cuore dei “nostri” amministratori? ndrmsirca)
 
Suggerimenti per le cittÓ a "vocazione turistica" PDF Stampa E-mail
Scritto da msirca   
domenica 10 giugno 2007

E' esperienza comune come i prodotti di cortesia, messi a disposizione dei clienti degli alberghi ( saponette, shampoo..) siano frequentemente monouso,....Situazioni analoghe avvengono durante le prime colazioni servite dagli alberghi: marmellate, burro, zucchero, miele, sono solitamente offerte in confezioni monouso, anche in questo caso con sprechi e produzione
di rifiuti.
In tutti i due casi, soluzioni più ecologiche, e forse più gradite alla clientela, potrebbero essere opportuni dispenser e dosatori in grado di  garantire l'igiene ma anche in grado di evitare sprechi e rifiuti.

Ultimo aggiornamento ( domenica 01 luglio 2007 )
 
a Novara il porta a porta ha permesso un risparmio del 12% e ha dato lavoro a 20 nuovi addetti PDF Stampa E-mail
Scritto da msirca   
domenica 10 giugno 2007

 (Notizie per Domenici, Gianassi, Alunni, Carovani, mentre a esempio quest'ultimo è fresco fresco con la sua giunta, di un pronunciamento di sostegno all'inceneritore nella Piana, la vergognosa, incivile "soluzione" per la gestione dei materiali post consumo trovata dagli amministratori per semplificarsi la vita a scapito della salute di tutti)

.......Quindi, a conti fatti, a Novara il porta a porta ha permesso un
risparmio del 12% che ha permesso di dare lavoro a 20 nuovi addetti,
impiegati a gestire il nuovo sistema di raccolta.

Ultimo aggiornamento ( mercoledý 11 luglio 2007 )
 
<< Inizio < Prec. 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 Pross. > Fine >>

Risultati 953 - 969 di 1185
Questo sito è lo strumento di comunicazione del Coordinamento dei Comitati della Piana FI PO PT. Talvolta ospita altri soggetti con comunicazioni condivise.Esso non rappresenta una testata giornalistica, in quanto non viene aggiornato con cadenza periodica, né è da considerarsi un mezzo d'informazione o un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001. Il materiale inserito in questo sito proviene da Internet oppure da atti diffusi da altri mezzi di comunicazione oppure prodotti dalle varie realtà componenti il Coordinamento e destinati a essere divulgati, quindi di dominio pubblico e utilizzati senza alcun fine di lucro. Qualora inconsapevolmente il materiale pubblicato vìoli i diritti d´autore, vogliate comunicarlo per una pronta rimozione. I commenti ai post non sono moderati, le/gli autori/trici devono essere registrati per inserire commenti quindi sono rintracciabili anche sotto nikname; si invita alla moderazione e al rispetto.

© 2017 NoInceneritori.org
Joomla! un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.