Home
Annunci

 

Il sito ha qualche problema, ci scusiamo per i disagi causati ai lettori, speriamo di risolvere presto!

GRAZIE PER LA PAZIENZA!

 

Benvenuti !
Sul nostro sito Internet

 

Il Coordinamento dei Comitati della Piana dedica questo sito a beneficio di tutti i cittadini interessati e ricorda che si riunisce tutti i martedì alle 21.30 in via di Brozzi 334 Firenze.

Email: 
Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo
 
Questo sito è lo strumento di comunicazione del Coordinamento dei Comitati della Piana FI PO PT.
Talvolta ospita altri soggetti con comunicazioni condivise.
Esso non rappresenta una testata giornalistica, in quanto non viene aggiornato con cadenza periodica, né è da considerarsi un mezzo d'informazione o un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.
Il materiale inserito in questo sito proviene da Internet oppure da atti diffusi da altri mezzi di comunicazione oppure prodotti dalle varie realtà componenti il Coordinamento e destinati a essere divulgati, quindi di dominio pubblico e utilizzati senza alcun fine di lucro.
Qualora inconsapevolmente il materiale pubblicato vìoli i diritti d'autore, vogliate comunicarlo per una pronta rimozione. I commenti ai post non sono moderati, le/gli autori/trici devono essere registrati per inserire commenti quindi sono rintracciabili anche sotto nikname; si invita alla moderazione e al rispetto.
 
Accesso





Password dimenticata?
Nessun account? Registrati
Menu principale
Home
FAQ
Notizie
Documenti
Le alternative
Cerca
Forum
Galleria foto
Contattaci
Web link
Archivio
Chi Ŕ online
Dal 9 Agosto 2006
Visitatori: 13233607
Calendario Eventi
Novembre 2014
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
27282930311 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
Ultimi Eventi
'04/11/14'
Guasticce-Collesalvetti (LI) Seminario ATO
'06/11/14'
Ecomondo: dal 6 al 9 nvembre
'08/11/14'
Barletta: Incontro internazionale
Sondaggi
Serve veramente un inceneritore nella Piana?
 
Galleria fotografica
Archivio
Newsletter

Ricevi via email le nostre notizie

Image


Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter settimanale






Syndication

Difendere la salute e il territorio PDF Stampa E-mail
Scritto da msirca   
mercoledý 14 marzo 2007

RETE NAZIONALE RIFIUTI ZERO

Solidarietà agli abitanti di Serre e della valle del Sele 

 A voi donne e uomini della valle del  Sele, di Serre e di Campagna,  alla vostra straordinaria capacità di difendere la salute e il territorio contro  la violenza della falsa democrazia, fondata sugli affari e sull’ incompetenza.   

 

Ultimo aggiornamento ( mercoledý 14 marzo 2007 )
 
Le ipocrite mimose PDF Stampa E-mail
Scritto da msirca   
giovedý 08 marzo 2007

(Le persone di Legambiente qui intervistate sono evidentemente in contrasto con le posizioni conosciute di Legambiente, posizioni inceneritoriste fin dalla prima ora al punto da essere riferimento per le amministrazioni toscane –specificamente a suo tempo dei DS-  che hanno fatto la  scelta di incenerire i materiali post consumo a dispetto di ogni logica e buon senso. Risultati simili a questi qui riportati, riferiti a studi italiani, sono apparsi su Lancet nel 2002; era stata studiata la popolazione abitante intorno a inceneritori e era chiaro fin da allora che adolescenti – femmine e maschi- nati e vissuti nei dintorni di inceneritori, fossero a grave rischio di infertilità e affezioni all’apparato genitale. Ma anche molte coppie abitanti nella Piana e di età intorno ai 50 anni, hanno dovuto adottare i propri figli; una indagine su questi aspetti è stata richiesta da più cittadini in varie occasioni.

NEL GIORNO DELLA FESTA DELLE DONNE CHE RICEVONO UN OMAGGIO SPESSO IPOCRITA, ASSOLTO IN UN SOL GIORNO ANZICHE’ RISPETTO E DIRITTI DURANTE 365 GIORNI L’ANNO - COSA PERALTRO AUSPICABILE PER TUTTI: DONNE, UOMINI, BAMBINE, BAMBINI, VIVENTI A DUE, QUATTRO, TANTE ZAMPE E OVVIAMENTE IL PIANETA TERRA E LA SUA ATMOSFERA ANCHE EXTRATERRESTRE – IN QUESTO GIORNO, ECCO INVECE UNA DIMOSTRAZIONE PRATICA DEL DISPREZZO, DELLA ARROGANZA E DELLA IGNORANZA VOLUTA, DI AMMINISTRAZIONI E anche delle ISTITUZIONI PREPOSTE ALLA TUTELA DELLA SALUTE CHE QUESTE COSE LE SANNO BENE E DA ANNI ORMAI MA SPESSO SI PRESTANO LO STESSO A “COPRIRE” GLI AVVELENATORI. NON CI ADDORMENTIAMO, PRENDIAMO MOLTI CAFFE’ PERCHE’ CON “QUESTI” NON C’E’ DA RILASSARSI, ALLO STESSO MODO che con  QUELLI DI PRIA... ndrmsirca)

*****

 

Trovato il legame diretto tra contaminazioni da diossina e alterazioni delle pareti interne dell'utero.

 

Aam Terra Nuova • marzo 2007 pg. 4-5-6

 

Ultimo aggiornamento ( venerdý 03 ottobre 2008 )
 
AmbienteFuturo: le news di Marzo PDF Stampa E-mail
Scritto da msirca   
martedý 06 marzo 2007

AMBIENTEFUTURO NEWS MARZO 07: “VINCE CHI FA ZERO”

SCOMPOSTO ATTACCO DI GREENREPORT AL COMUNE DI CAPANNORI 

 

....invece di attaccare la politica della Regione Toscana che non ha nemmeno raggiunto il minimo di RD previsto dal decreto Ronchi e che sta cercando di realizzare inceneritori a ripetizione incontrando l’opposizione di gran parte della popolazione, l’intervistatore, in una “intervista” (si fa per dire) al Sindaco del Comune di Capannori che ha, primo in Italia, dichiarato di voler perseguire la strada di RIFIUTI ZERO, cerca di banalizzare l’impegno del Comune ......
 
Considerazioni sanitarie di fronte alla costruzione di inceneritori (dovunque siano) PDF Stampa E-mail
Scritto da msirca   
lunedý 05 marzo 2007

Inceneritori e malformazioni

 

 

Un nuovo studio fa chiarezza sul rapporto che intercorre tra termovalorizzatori e malformazioni congenite del palato e del labbro. Ricercatori del Centro Epidemiologico per la Sorveglianza delle Malformazioni Congenite di Austin (Texas, USA) hanno esaminato oltre 6.000 neonati per valutare l’aumento o meno della frequenza di questo tipo di malformazioni come conseguenza dell’esposizione della madre ad agenti inquinanti nei primi tre mesi di gravidanza, periodo in cui avviene la morfogenesi (http://uweb.txstate.edu/~fz01/Reprints/Zhan_2006_JOEM.PDF).

Dopo un’attenta valutazione dei dati gli autori hanno dimostrato che le donne gravide di età uguale o superiore ai 35 anni che hanno vissuto i primi tre mesi di gravidanza nel raggio di circa 1.600 metri da un TERMOVALORIZZATORE (la parola è sinonimo di INCENERITORE) hanno un rischio maggiore di dare alla luce un figlio affetto da labio e/o palatoschisi (malformazione congenita nota come labbro leporino).

Questa anomalia sembra essere correlata all'emissione nell'ambiente di metalli pesanti per cui l'aumento del rischio vale anche per quelle gravide che abitano ad 1,6 km da una CENTRALE A CARBONE. Gli studi effettuati fino ad oggi su questa relazione avevano dato risultati non sempre sovrapponibili. Adesso questa nuova ricerca mette chiaramente in risalto il pericolo che facciamo correre ai nostri figli ancor prima di nascere.

Dr. Giovanni Ghirga,

Portavoce del Coordinamento dei Comitati dei Medici del Comprensorio di Civitavecchia per l'Ambiente e la Salute, Roma, 20 febbraio 2007
Ultimo aggiornamento ( lunedý 05 marzo 2007 )
 
I sonni inquieti di un inceneritorista PDF Stampa E-mail
Scritto da Claudio   
lunedý 05 marzo 2007

 Prof. Federico Valerio

-" Decenni di investimenti e iniziative, tutti i principali opinion
leader dalla nostra, continui incontri con pubblici amministratori,
pubblicità a tutt'andare a giornali e televisioni. Tutto quello che
abbiamo fatto per convincere gli Italiani che incenerire i rifiuti è
bello ed inevitabile rischia di andare a fumo".-

 
Italia Leader in impianti MBT PDF Stampa E-mail
Scritto da msirca   
lunedý 05 marzo 2007

L'Italia leader mondiale per i trattamenti a freddo dei rifiuti urbani.

In base ai dati dell'Osservatorio Nazionale Rifiuti ( che temiamo pochi
leggano) emerge una realtà nazionale assolutamente inedita, in merito
al destino finale dei circa 25 milioni di tonnellate dei rifiuti
urbani che ogni anno, in Italia, residuano alla raccolta
differenziata.

Prof. Federico Valerio

 
Considerazioni sanitarie di fronte alla costruzione di un inceneritore nella Piana. PDF Stampa E-mail
Scritto da Claudio   
venerdý 02 marzo 2007

Eco-efficienza e battaglia ecologica di retroguardia.

Considerazioni sanitarie di fronte alla costruzione di un inceneritore nella Piana.

Associazione Medici per l'Ambiente ISDE Italia,
International Society of Doctors for the Environment,
www.isde.it


Ultimo aggiornamento ( sabato 03 marzo 2007 )
 
La resurrezione dei...prodotti PDF Stampa E-mail
Scritto da msirca   
mercoledý 28 febbraio 2007

VILLAGGIO GLOBALE. Trimestrale di Ecologia (www.vglobale.it - Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo )

«GETTO VIA, DUNQUE SONO» - Anno X - N. 37 - Marzo 2007

Rifiuti, fame, siccità, inquinamenti rappresentano «La via della sconfitta? Sono queste le tematiche del 2007 che affronterà «Villaggio Globale». Sono questi i temi su cui si giocherà il suo futuro la civiltà.
E fino a quando il confronto sulla gestione dei rifiuti rivestirà soltanto un carattere tecnologico, tale confronto continuerà ad essere fra due culture. Perché quando si deve scegliere dove mettere l'inceneritore e di quale tipo (anche se sono presenti realtà innovative frutto della ricerca italiana), sono due culture che si confrontano perché non ci sarebbe confronto se la società avesse deciso che non le servono le confezioni luminose né avere i frigoriferi pieni di merci o i magazzini che esplodono di prodotti che poi intasano discariche e depositi mentre i negozi si fanno concorrenza a colpi di sconti
Sull'antagonismo fra queste due culture si sviluppano gli articoli presenti in questo numero di Marzo di «Villaggio Globale» appena pubblicato e disponibile anche on line.

  1. -          La resurrezione dei. Prodotti (Giorgio Nebbia)
  2. -          L'uomo da consumatore a «consumato» (Walter Napoli)
  3. -          Rifiuti, lobby, ignoranza e soluzioni (Walter Ganapini)
  4. -          O i rifiuti o noi (Stefano Montanari)
  5. -          Le necessità dell'ambiente e la politica (Grazia Di Salvia)

    ....E molto altro ancora;  una rivista da acquistare per acquisire informazioni…. di ogni tipo, su queste tematiche.  Incollo di seguito il primo articolo: 


Ultimo aggiornamento ( mercoledý 28 febbraio 2007 )
 
Manifestazione a Grosseto il 3 Marzo PDF Stampa E-mail
Scritto da msirca   
martedý 27 febbraio 2007
Manifestazione il 03-03-'07 a Grosseto Piazza Dante dalle 10 alle 20.
PER DENUNCIARE IL TOTALE FALLIMENTO DEL SISTEMA DI SMALTIMENTO DEI RIFIUTI DELLA PROVINCIA DI GROSSETO
> SI alla Raccolta Differenziata porta a porta con tariffa premiante
> SI alla difesa della salute e delle tasche dei cittadini
NO! ALL'INCENERITORE DI SCARLINO
NO! AL CDR DELLE STRILLAIE
Coordinamento provinciale delle Associazioni Ambientaliste e Comitati ambientali della provincia di Grosseto
Italia Nostra, WWF, Forum Ambientalista e Cittadinanza Attiva
In concomitanza: corteo con trattori e auto da Scarlino (Puntone), sede dell'inceneritore, Castiglione della Pescaia, Marina di Grosseto fino piazza Dante;
e FINALMENTE CONSIGLIO PROVINCIALE APERTO! (sala della Provincia Piazza Dante).
Vi aspettiamo numerosi, chiediamo il sostegno e la presenza della RAPPRESENTANZA di tutti i comitati delle Province della regione  (e non solo) che condividono gli stessi problemi e che fanno parte della stessa RETE.
PARTECIPIAMO NUMEROSI DA TUTTE LE PROVINCE!!!
info: 564 457710-  3491773517
Ultimo aggiornamento ( martedý 27 febbraio 2007 )
 
Quanto Verde all'Eliseo PDF Stampa E-mail
Scritto da msirca   
lunedý 26 febbraio 2007

 

http://www.lanuovaecologia.it:80/ecosviluppo/politiche/7197.php

Francia, quanto verde all'Eliseo
Francia, elezioni presidenziali

I giudizi degli ambientalisti sulla preparazione ambientale dei pretendenti all'Eliseo. Promossa Ségoléne Royal, bocciato Sarkozy. Primi della classe il verde Voynet e l'ecologista Lepage / di FRANCESCO LOIACONO

Gli ambientalisti francesi fanno le pagelle verdi ai candidati alle presidenziali di Maggio. Le associazioni dell’Allenaza per il pianeta hanno redatto le nuove pagelle ai pretendenti all?Eliseo in materia d’ambiente. Primi il verde Dominique Voynet e l’ecologista Corinne Lepage, a seguire Ségoléne Royal. Bocciato Sarkozy.
Ultimo aggiornamento ( lunedý 26 febbraio 2007 )
 
Piero Angela e gli inceneritori: marcia indietro? PDF Stampa E-mail
Scritto da msirca   
sabato 24 febbraio 2007

PIERO ANGELA E I RIFIUTI

Alla presentazione del suo libro a Reggio organizzata da Confartigianato.

Inizia a fare marcia indietro rispetto alle "sparate" in trasmissione?

Dall'articolo: …"il problema è grave ed è a monte, nell'eliminazione e nel consumo, — dice Angela — bisogna lavorare in una direzione comune". E sugli inceneritori aggiunge "il contributo energetico che viene dai termovalorizzatori è minimo, e per ciò che riguarda le emissioni anche se ci sono sistemi che operano in relativa sicurezza, tutto ciò che brucia rilascia qualcosa nell'aria"

….TRADUZIONE DAL MODERATESE:

"GLI INCENERITORI FANNO POCHISSIMA ENERGIA, PERCIO' CHE RIGUARDA LE EMISSIONI ANCHE GLI IMPIANTI PIU' MODERNI NON SONO SICURI E TUTTO CIO' CHE BRUCIA INQUINA".

(presentazione dell'articolo liberamente sintetizzata, quella estesa di M. Incerti è su Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo )

Ultimo aggiornamento ( sabato 24 febbraio 2007 )
 
Appello alla comunitÓ internazionale PDF Stampa E-mail
Scritto da msirca   
giovedý 22 febbraio 2007

http://www.lanuovaecologia.it:80/ecomafie/ciclo_dei_rifiuti/7171.php 

Rifiuti, la Campania chiede aiuto

Un appello dei comitati civici alla comunità internazionale. Per richiamare l'attenzione sulla catastrofe ambientale. L'accusa di Alex Zanotelli: «Né amministratori né politici ci vogliono ricevere»

Ultimo aggiornamento ( giovedý 22 febbraio 2007 )
 
Con il ôporta a portaö....addio discariche ed inceneritori PDF Stampa E-mail
Scritto da bolina   
mercoledý 21 febbraio 2007

Idee sulla Toscana' © IRPET 2003 http://idee.irpet.it

...Con livelli di raccolta differenziata pari all’82% è enorme, infatti, la quantità di materiale da avviare a riciclo. La carta ed il cartone, il 30% circa del materiale differenziato, sono acquistati dalle aziende cartarie della zona. Il multimateriale (vetro, plastica e lattine) va, a costo zero, all’azienda REVET di Pontedera che separa i diversi materiali e li avvia a riciclo anche attraverso la produzione di arredo urbano in materiale recuperato. L’organico è destinato all’impianto di compostaggio di Montespertoli (con costi ben inferiori allo smaltimento dell’indifferenziato) per la produzione del compost.....

Ultimo aggiornamento ( giovedý 22 febbraio 2007 )
 
Troppo bello ...ma vero! PDF Stampa E-mail
Scritto da Luca   
martedý 20 febbraio 2007

Acqua libera contro Acqua venduta

 

Ultimo aggiornamento ( martedý 20 febbraio 2007 )
 
Normativa europea PDF Stampa E-mail
Scritto da Claudio   
martedý 20 febbraio 2007
NORMATIVA SUI RIFIUTI. ANCHE IL PARLAMENTO EUROPEO SCONFESSA IL TESTO UNICO ITALIANO
A cura di Gianfranco Amendola

 

Il 15 febbraio 2007 il Parlamento europeo ha approvato, a larga maggioranza, la Risoluzione 2006/2175(INI) su una strategia tematica per il riciclaggio di rifiuti, che sembra scritta apposta per sconfessare le “invenzioni” italiane contenute nel testo unico ambientale n. 152/06. Esaminiamola sinteticamente :

 1) La gerarchia comunitaria: favorire riutilizzo e riciclaggio, rispetto al recupero energetico

L’attuale testo unico, nell’art. 181, che ricalca l’art. 4 D. Lgs 22/1997, ha eliminato il comma 2 di quest’ultimo, secondo cui << il riutilizzo, il riciclaggio e il recupero di materia prima debbono essere considerati preferibili rispetto alle altre forme di recupero>>, in quanto, come si legge nella relazione governativa, si è ritenuto di dover procedere alla <<ridefinizione delle priorità nella gestione dei rifiuti in conformità a quelle stabilite dalla normativa comunitaria, senza porre gradi di gerarchia fra il recupero di materia prima secondaria ed il recupero energetico>>.

Trattasi di un clamoroso infortunio, in quanto, al contrario, la gerarchia comunitaria ha sempre posto il riciclaggio ed il recupero come materia in posizione prevalente rispetto al recupero energetico. E, quindi, anche nella Risoluzione del Parlamento europeo in esame si <<sottolinea l'importanza centrale della gerarchia dei rifiuti, che stabilisce le seguenti priorità d'azione in ordine decrescente:

Ultimo aggiornamento ( mercoledý 21 febbraio 2007 )
 
L'inganno dei "termovalorizzatori", presidio a Roma PDF Stampa E-mail
Scritto da msirca   
martedý 20 febbraio 2007

IL 21 FEBBRAIO  PRESIDIO  DI FRONTE PALAZZO CHIGI (1).

Mercoledì 21 febbraio alle ore 12 a Roma presso la sede della Stampa Estera in Italia, via dell'Umiltà n. 83/c, sarà presentato dalle Assise della Città di Napoli e del Mezzogiorno d'Italia, dall'Osservatorio per le politiche ambientali e territoriali e dal Comitato Allarme rifiuti tossici insieme a molti altri altri Comitati campani, l'appello "Allarme sanitario e ambientale nella Regione Campania"

Intervengono Vito Amendolara, Fulvia Bandoli, Ernesto Burgio, Giuseppe Comella, Patrizia Gentilini, Tommaso Sodano, Nicola Tranfaglia e Alex Zanotelli. Presiede Giovanni Russo.

Nella stessa giornata, delegazioni di  Comitati e Associazioni Ambientaliste da tutta Italia, si troveranno di fronte a Palazzo Chigi dalle ore 15 alle 17, per testimoniare gli effetti letali sulla popolazione degli inceneritori con recupero energetico antieconomico (da taluni impropriamente e strumentalmente definiti "termovalorizzatori).

Ricordiamoche oltre alla già rilevante "questione campana” il PRESIDIO TORNERA’ A CHIEDERE LO STOP A TUTTE LE FORME DI INCENTIVO ALLA COMBUSTIONE DEI RIFIUTI (infatti anche alla luce dell’ultimo Disegno di Legge la “truffa” pur ridimensionata continua) .

(1) è arrivata una comunicazione che il presidio è stato spostato da Palazzo Chigi a via Corsia Agonale, nei pressi del Senato - Palazzo Madama, dalle ore 15.00 alle 17.00.

Ultimo aggiornamento ( mercoledý 21 febbraio 2007 )
 
Altri articoli...
<< Inizio < Prec. 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 Pross. > Fine >>

Risultati 953 - 969 di 1099
Questo sito è lo strumento di comunicazione del Coordinamento dei Comitati della Piana FI PO PT. Talvolta ospita altri soggetti con comunicazioni condivise.Esso non rappresenta una testata giornalistica, in quanto non viene aggiornato con cadenza periodica, né è da considerarsi un mezzo d'informazione o un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001. Il materiale inserito in questo sito proviene da Internet oppure da atti diffusi da altri mezzi di comunicazione oppure prodotti dalle varie realtà componenti il Coordinamento e destinati a essere divulgati, quindi di dominio pubblico e utilizzati senza alcun fine di lucro. Qualora inconsapevolmente il materiale pubblicato vìoli i diritti d´autore, vogliate comunicarlo per una pronta rimozione. I commenti ai post non sono moderati, le/gli autori/trici devono essere registrati per inserire commenti quindi sono rintracciabili anche sotto nikname; si invita alla moderazione e al rispetto.

© 2014 NoInceneritori.org
Joomla! un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.