Home
Annunci

 

Il sito ha qualche problema, ci scusiamo per i disagi causati ai lettori, speriamo di risolvere presto!

GRAZIE PER LA PAZIENZA!

 

Benvenuti !
Sul nostro sito Internet

 

Il Coordinamento dei Comitati della Piana dedica questo sito a beneficio di tutti i cittadini interessati.

Email: 
Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo
 
Questo sito è lo strumento di comunicazione del Coordinamento dei Comitati della Piana FI PO PT.
Talvolta ospita altri soggetti con comunicazioni condivise.
Esso non rappresenta una testata giornalistica, in quanto non viene aggiornato con cadenza periodica, né è da considerarsi un mezzo d'informazione o un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.
Il materiale inserito in questo sito proviene da Internet oppure da atti diffusi da altri mezzi di comunicazione oppure prodotti dalle varie realtà componenti il Coordinamento e destinati a essere divulgati, quindi di dominio pubblico e utilizzati senza alcun fine di lucro.
Qualora inconsapevolmente il materiale pubblicato vìoli i diritti d'autore, vogliate comunicarlo per una pronta rimozione. I commenti ai post non sono moderati, le/gli autori/trici devono essere registrati per inserire commenti quindi sono rintracciabili anche sotto nikname; si invita alla moderazione e al rispetto.
 
Accesso





Password dimenticata?
Nessun account? Registrati
Menu principale
Home
FAQ
Notizie
Documenti
Le alternative
Cerca
Forum
Galleria foto
Contattaci
Web link
Archivio
Chi Ŕ online
Dal 9 Agosto 2006
Visitatori: 45962909
Calendario Eventi
Giugno 2017
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
2930311 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 1 2
Ultimi Eventi
No Latest Events
Sondaggi
Serve veramente un inceneritore nella Piana?
 
Galleria fotografica
Archivio
Newsletter

Ricevi via email le nostre notizie

Image


Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter settimanale






Syndication

Tanti complici, anche toscani, specialamente fiorentini PDF Stampa E-mail
Scritto da msirca   
martedý 29 ottobre 2013

 (i "complici" erano anche qui da noi in Toscana, particolarmente... Erano tutti quegli stolti dei partiti al governo che terrorizzavano le nostre popolazioni paventando scenari napoletani se non gli avessimoi fatto costruire i loro lucrosi inceneritori -ndr msirca-)

 

 

....Una città sotto ricatto. Ecco cos'era Napoli nel 2010 mentre soffocava a causa dei miasmi della “monnezza”, ma c'era chi ci lucrava. E non era la criminalità organizzata del Sud, ma un'azienda guidata da un imprenditore veneto. Da quel Nord, che ai tempi dei roghi di rifiuti,metteva sotto processo l'amministrazione Jervolino e il modello campano.

Ultimo aggiornamento ( lunedý 11 novembre 2013 )
 
Il cancro che nasce nell'embrione... PDF Stampa E-mail
Scritto da msirca   
giovedý 24 ottobre 2013
Il ruolo dell'inquinamento ambientale. «Uno degli studi più completi e autorevoli, condotti dalla Iarc sulla base di 63 registri oncologici di 19 Paesi europei, per un totale di 130mila tumori - sottolinea il pediatra Ernesto Burgio, presidente del Comitato scientifico Isde - ha documentato una crescita di oltre l'1% annuo dei tumori infantili, ma soprattutto un aumento significativo, del 2% l'anno, per i tumori sotto l'anno di età. Il che significa che il cancro del bambino è nato nel feto, nell'embrione o addirittura nei gameti
 
PubertÓ e Diossine.. PDF Stampa E-mail
Scritto da msirca   
mercoledý 23 ottobre 2013
...La pubertà precoce delle cinghialesse genovesi mi ricorda molto un analogo fenomeno registrato negli umani appartenenti alla società dei consumi. La crescente esposizione a composti interferenti con il sistema endocrino ( ftalati, diossine, PCB... ) potrebbe essere la comune spiegazione del fenomeno. Cinghiali e umani condividono la caratteristica di essere al vertice della catena alimentare e quindi di concentrare al massimo, nei propri tessuti adiposi, composti persistenti e bio accumulabili quali quelli in precedenza elencati. E il fatto che i cinghiali abbiano imparato che i cassonetti dell'umido possono essere una facile fonte di cibo potrebbe spiegare la pubertà ( e la prolificità) dei cinghiali cittadini.

Quest'ipotesi, molto plausibile,  merita uno studio serio, anche a tutela della nostra specie.

(dal Prof. Federico Valerio)

 
Gestione dei "rifiuti": Firenze la brutta addormentata PDF Stampa E-mail
Scritto da msirca   
lunedý 07 ottobre 2013
....che la Strategia Rifiuti Zero - e quindi l'eliminazione dei pericolosi inceneritori dalla gestione dei rifiuti - non solo è possibile nei grandi e complessi agglomerati urbani, ma produce anche risultati eclatanti anche per quanto riguarda la riduzione, il riciclo, il recupero e il riutilizzo dei rifuti. Insomma, si può avere una gestione virtuosa dei rifiuti e rinunciare per sempre ai pericolosi, costosi e inutili inceneritori. Basta attuare politiche moderne e adeguate.Un messaggio chiaro e forte che però nessuno dei governanti di Regione Toscana e del Comune e della Provincia di Firenze ha potuto ascoltare e comprendere. Perché nessuno di loro ha preso parte alla conferenza pubblica, affollatissima di giovani, che Jack Macy ha tenuto domenica mattina a Palazzo Vecchio, nell'incontro organizzato dall'Associazione Rifiuti Zero di Firenze.
 
I "siti contaminati" su cui viviamo e da cui ci viene acqua e cibo... PDF Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
lunedý 07 ottobre 2013
Centinaia, molte centinaia, sono le zone d'Italia in cui si trovano, sul suolo, nel sottosuolo e nelle acque, sostanze tossiche e pericolose per la salute e per la vita animale. Si tratta di terreni su cui si sono svolte, per anni o decenni, attività industriali chimiche o metallurgiche che hanno generato grandi quantità di scorie solide e liquide, spesso sepolte nel sottosuolo. Si tratta di discariche di rifiuti industriali e urbani. Su tali zone è pericoloso vivere o abitare; da tali zone le sostanze tossiche si sono disperse e continuano a disperdersi nei campi, nel sottosuolo, nelle acque sotterranee e da qui nei fiumi e nei pozzi da cui viene prelevata acqua potabile.
 
RifiutiZero: da San Francisco a Firenze PDF Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
sabato 05 ottobre 2013

DOMENICA 6 OTTOBRE ORE 11:00 SALA DELLA MINIATURA PALAZZO VECCHIO

 "Da San Francisco a Firenze

in cammino verso Rifiuti Zero!"

Jack Macy tra i maggiori esperti a livello internazionale di gestione rifiuti, ci racconta come la città di San Francisco sta attuando la strategia Rifiuti Zero e quali risultati sono stati ottenuti fino ad oggi. 

RIFIUTI ZERO NON E' UN UTOPIA MA UN CAMMINO CONCRETO VERSO LA SOSTENIBILITA'

Ne parliamo con:

-   Jack Macy (responsabile progetto Zero Waste, San Francisco),

-   Rossano Ercolini (vincitore del premio Goldman Prize 2013, presidente del Centro Rifiuti Zero di Capannori);

-   Alberto Bencistà (sindaco di Greve in Chianti);

-   Claudio Tamburini (rappresentate dei comitati della piana Fi-Po-Pt);

-   Gianluca Garetti (Medicina Democratica e perUnaltracittà).

 

Introduce  Ornella De Zordo

(Vice Presidente Commissione ambiente comune di Firenze)

Modera  Antonio Di Giovanni (Ass. Rifiuti Zero Firenze).

Al termine dell'incontro (ore 13:00 circa) ci sposteremo in Via Arnolfo 6 L/M, per un aperitivo offerto dal negozio Melaripiglio. L'aperitivo sarà a "spreco 0", con prodotti di filiera corta e senza imballaggi.


 
Gli inceneritori ("termovalorizzatori") uccidono! PDF Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
giovedý 05 settembre 2013

..Dottor Panizza, dell’impatto sanitario degli inceneritori si parla poco e male, e il pubblico è impossibilitato ad orientarsi, tra un Veronesi che dice in prima serata televisiva che l’impatto sanitario degli inceneritori è pari a zero ed evidenze che dimostrano ben altro...

"Il caso di Veronesi è emblematico. La propaganda inceneritorista ha utilizzato un medico di fama, che ha competenze relative alla cura dei tumori, e non alla loro prevenzione, per far passare il concetto che l’inceneritore non è rischioso. Il meccanismo usato da chi con gli inceneritori fa i soldi è sempre quello: comprare le università e i centri di ricerca, finanziandoli, affinché essi, al termine dei vari studi epidemiologici, pronuncino la frase magica: ‘il dato non è conclusivo’. Ovvero, non si nega che gli impatti sanitari possano esserci, ma si enfatizza l’incertezza epidemiologica, affermando che le evidenze non permettono di legare con certezza quegli impatti all’incenerimento. È stato fatto per anni anche dagli studi, prezzolati dall’industria del tabacco, sui danni da fumo di sigaretta: ‘non c’è evidenza che provochi il cancro’, si continuava a ripetere....."

Ultimo aggiornamento ( sabato 05 ottobre 2013 )
 
Un anno senza Michelangiolo Bolognini PDF Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
lunedý 26 agosto 2013

Nel primo anniversario della scomparsa di Bolognini – 7 settembre alle 18 alla Smilea

MONTALE. I comitati, gli amici e i cittadini della piana, al ricorrere del primo anno dalla scomparsa, hanno promosso un incontro per ricordare Michelangiolo Bolognini, indimenticabile e stimato medico, amico dei cittadini, sempre schierato al loro fianco a difesa della salute e contro le nocività.
Per evitare di scadere in citazioni intrise di inevitabile retorica (che lui, detesterebbe certamente) preferisco segnalare all’attenzione dei lettori uno dei suoi ultimi lavori di pregevole caratterizzazione scientifica, da me (purtroppo, visti i contenuti) seguito con attenzione per le sue inquietanti relazioni sulla cancerogenesi ambientale.

Tale lavoro, pubblicato il 30 maggio 2012 presso la sede della Provincia di Pistoia, è stato un illuminante contributo, richiesto alla Usl 3, per l’incresciosa vicenda delle polveri fini che, in questi anni, ammorbano l’aria del territorio e infuocato di proteste i cittadini di Montale e Agliana, indifesi e ignari.
L’evento, programmato per la sera del sabato 7 settembre alle 18 nella sala conferenze della Villa Smilea a Montale, sarà l’occasione per completare la raccolta fondi per la “Borsa di studio a Michelangiolo Bolognini” già istituita in sua memoria dall’associazione Medicina Democratica, in cui Bolognini ha sempre militato.
Informazioni: 3289683575
 
Per 2 Km dall'Ince di Baciacavallo diossina +12 volte i limiti.. PDF Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
martedý 23 luglio 2013

Prato, 22 luglio 2013 -

Saranno protocollate proprio oggi le oltre 2.000 firme che sono state raccolte dai residenti delle aree limitrofe all’inceneritore di Baciacavallo per chiedere una verifica delle sulle condizioni ambientali sulla zona di Prato Sud a seguito dello studio presentato dall’associazione Vita Ambiente e Salute Onlus che ha rilevato, nel raggio di due chilometri intorno all’inceneritore, concentrazioni di diossina ben 12 volte superiori rispetto a quelle consentite dalla legge vigente.

Ultimo aggiornamento ( martedý 23 luglio 2013 )
 
Class action: saggezza e lungimiranza dei cittadini inquinati PDF Stampa E-mail
Scritto da msirca   
venerdý 19 luglio 2013

http://www.gonews.it/articolo_210885_Class-action-dopo-lo-sversamento-di-diossine-allinceneritore-notificato-atto-di-citazione.html

....

Esiste però anche la possibilità "vista la situazione occupazionale dei lavoratori all'inceneritore - dice il legale - di una proposta transattiva. I partecipanti alla class action offrono a Scarlino Energia la rinuncia a tutte le loro richieste di risarcimento danni in cambio della riconversione dell'inceneritore in un modernissimo centro di riciclo dei rifiuti".

 
Il Commissario Ŕ un "attento osservatore" del dito.. la luna pu˛ attendere PDF Stampa E-mail
Scritto da msirca   
martedý 23 luglio 2013

Il commissario dell’Ilva, Enrico Bondi, è stato nominato dal governo per rappresentare gli interessi di tutti.

Tuttavia le sue recenti affermazioni, che riprendono una perizia di parte aziendale, sono lungi dall'essere imparziali.

Ultimo aggiornamento ( martedý 23 luglio 2013 )
 
Una logica davvero stringente... chi Ŕ pazzo? PDF Stampa E-mail
Scritto da msirca   
martedý 09 luglio 2013

http://www.notav.info/post/tav-erasmo-de-angelis-gli-esperti-italiani-che-sono-contrari-al-nuovo-tunnel-della-torino-lione-non-sono-tutti-impazziti/

[(commento trovato sul web ndr) I virgolettati interventi dell'ineffabile Erasmo De Angelis sono un esempio splendido di come, nella politica italiana, dentro uno stesso discorso, si affermi una cosa e poi la si smentisca.
Se si fosse deciso oggi, la Tav non sarebbe in cima alle priorità”
“Gli esperti italiani che sono contrari al nuovo tunnel della Torino-Lione non sono tutti impazziti” ma, aggiunge, la grande opera ormai incombe con ingenti costi ambientali e soprattutto economici. “Non abbiamo una lira per mettere in sicurezza il Paese dai rischi di dissesto idrogeologico, ma ormai quest’opera si deve fare. L’Europa la vuole e noi abbiamo bisogno di infrastrutture ferroviarie”.
Insomma si dice che la TO Lione non serve, ma la si deve fare perché abbiamo bisogno di infrastrutture?
Schizofrenia? Forse.
La tragedia è che i giornalisti e soprattutto i cittadini non chiedano conto di queste stupidaggini che sono offese alla loro intelligenza.
Il fatto che un personaggio come Erasmo De Angelis sia salito ad una delle più alte cariche dello stato (sottosegretario alle infrastrutture) credo dia, meglio di tante analisi sociologiche, la misura del degrado italico]. 


 

 
New York (si, La Grande Mela!) farÓ la raccolta separata dell'umido! PDF Stampa E-mail
Scritto da msirca   
mercoledý 26 giugno 2013

(da e-gazette, certo che avere dei Sindaci di destra così anche da noi ...)

L’obbligo di separare i rifiuti organici è già in vigore in decine di città più piccole degli Stati Uniti, ma nella grande mela si è sempre pensato che difficilmente tale politica avrebbe avuto successo a causa dell’elevata densità della popolazione

 
29 Giugno 2013: NO BURN DAY PDF Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
lunedý 24 giugno 2013
noburndayweb2
 
Orlando: Il lobbista senza pudore.. PDF Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
mercoledý 19 giugno 2013
E' assurdo leggere quello che ha affermato il Ministro all`Ambiente Orlando, che ha dichiarato che "per evitare le sanzioni europee per i rifiuti in Campania occorre costruire ancora due inceneritori, uno a Napoli ed uno a Salerno".

Falso tre volte!

1)Primo falso. Perché l' Europa del settimo programma e della strategia 2020 non ci chiede nuovi inceneritori. Con voto del
Parlamento Europeo in data 20 aprile 2012  visto che ne prevede il divieto d'incenerimento entro il 2020 di qualsiasi materiale riciclabile e compostabile. L'Europa ci chiede riduzione, riciclo, raccolta differenziata porta a porta, impianti di selezione e riciclo, impianti di compostaggio....
Ultimo aggiornamento ( mercoledý 19 giugno 2013 )
 
..noi festeggiamo l'Altra Repubblica PDF Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
martedý 28 maggio 2013
festa_della_repubblica_modif
Ultimo aggiornamento ( martedý 28 maggio 2013 )
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Pross. > Fine >>

Risultati 137 - 153 di 1190
Questo sito è lo strumento di comunicazione del Coordinamento dei Comitati della Piana FI PO PT. Talvolta ospita altri soggetti con comunicazioni condivise.Esso non rappresenta una testata giornalistica, in quanto non viene aggiornato con cadenza periodica, né è da considerarsi un mezzo d'informazione o un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001. Il materiale inserito in questo sito proviene da Internet oppure da atti diffusi da altri mezzi di comunicazione oppure prodotti dalle varie realtà componenti il Coordinamento e destinati a essere divulgati, quindi di dominio pubblico e utilizzati senza alcun fine di lucro. Qualora inconsapevolmente il materiale pubblicato vìoli i diritti d´autore, vogliate comunicarlo per una pronta rimozione. I commenti ai post non sono moderati, le/gli autori/trici devono essere registrati per inserire commenti quindi sono rintracciabili anche sotto nikname; si invita alla moderazione e al rispetto.

© 2017 NoInceneritori.org
Joomla! un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.