Home
Annunci

 

Il sito ha qualche problema, ci scusiamo per i disagi causati ai lettori, speriamo di risolvere presto!

GRAZIE PER LA PAZIENZA!

 

Benvenuti !
Sul nostro sito Internet

 

Il Coordinamento dei Comitati della Piana dedica questo sito a beneficio di tutti i cittadini interessati.

Email: 
Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo
 
Questo sito è lo strumento di comunicazione del Coordinamento dei Comitati della Piana FI PO PT.
Talvolta ospita altri soggetti con comunicazioni condivise.
Esso non rappresenta una testata giornalistica, in quanto non viene aggiornato con cadenza periodica, né è da considerarsi un mezzo d'informazione o un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.
Il materiale inserito in questo sito proviene da Internet oppure da atti diffusi da altri mezzi di comunicazione oppure prodotti dalle varie realtà componenti il Coordinamento e destinati a essere divulgati, quindi di dominio pubblico e utilizzati senza alcun fine di lucro.
Qualora inconsapevolmente il materiale pubblicato vìoli i diritti d'autore, vogliate comunicarlo per una pronta rimozione. I commenti ai post non sono moderati, le/gli autori/trici devono essere registrati per inserire commenti quindi sono rintracciabili anche sotto nikname; si invita alla moderazione e al rispetto.
 
Accesso





Password dimenticata?
Nessun account? Registrati
Menu principale
Home
FAQ
Notizie
Documenti
Le alternative
Cerca
Forum
Galleria foto
Contattaci
Web link
Archivio
Chi Ŕ online
Dal 9 Agosto 2006
Visitatori: 169756343
Calendario Eventi
Luglio 2020
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
29301 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31 1 2
Ultimi Eventi
'04/07/20'
Costituente delle Piana
Sondaggi
Serve veramente un inceneritore nella Piana?
 
Galleria fotografica
Archivio
Newsletter

Ricevi via email le nostre notizie

Image


Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter settimanale






Syndication

Come i tentacoli di una piovra... PDF Stampa E-mail
Scritto da msirca   
lunedý 05 febbraio 2007

(Ancora a proposito del "modello" Brescia, il modello affaristico fatto di interessi particolari di cui si sono innamorati i nostri amministratori)

.....Quello su cui però il vicepresidente tace è il carattere di questa immissione sul nostro territorio, che arriverà a toccare il settore del metano ma anche quello dell'elettricità, a partire dalla Asm di Brescia. Un imperialismo economico che necessiterebbe di una politica di difesa verso l'industria strategica nazionale
Ultimo aggiornamento ( lunedý 05 febbraio 2007 )
 
Impregilo e i CDR PDF Stampa E-mail
Scritto da Bolina   
sabato 03 febbraio 2007

 .... E così vengono alla luce i perché della cronica crisi dei rifiuti in Campania. E si prospetta una «sacchettopoli».

Il Manifesto 01/02/07 Campania
Rifiuti, i pm contro Impregilo
Francesca Pilla (Napoli)

Le richieste della procura di Napoli sono pesanti: sequestro di tutti i cdr campani (i sette impianti per la produzione di combustibile da rifiuti, nessuno escluso), confisca alla Impregilo di 43 milioni di euro e dei crediti per 109 milioni che la stessa società dovrebbe riscuotere dalla Regione e da vari Comuni. E così vengono alla luce i perché della cronica crisi dei rifiuti in Campania. E si prospetta una «sacchettopoli».

Ultimo aggiornamento ( domenica 04 febbraio 2007 )
 
Si pu˛ fare meglio senza inceneritori PDF Stampa E-mail
Scritto da msirca   
venerdý 02 febbraio 2007
(ANSA) - ROMA, 30 gen - ''Nel piano si parla di 8 linee, il problema e' ora vedere come dovranno essere realizzate''. Lo ha detto il ministro dell'Ambiente Alfonso Pecoraro Scanio al termine dell' incontro con il presidente della regione Piero Marrazzo in cui e' stato illustrato il piano contro l'emergenza dei rifiuti. ''Dobbiamo puntare al massimo della modernita' - ha continuato il ministro - utilizzare le migliori tecnologie esistenti a bassissimo impatto ambientale. Chiedo agli imprenditori - ha concluso - di comprare i migliori brevetti a livello mondiale per evitare di pressarci per realizzare inceneritori''. (ANSA). YJ7-CAV/ROM
31/01/2007 10:25 ANSA
vedi anche:

http://www.quotidianoenergia.it


Termovalorizzatori a rischio incentivi.
La Regione Lazio presenta il piano sui rifiuti senza considerare gli incentivi, mentre il bando da 4,5 miliardi € della Campania svanisce nel nulla

Ultimo aggiornamento ( domenica 04 febbraio 2007 )
 
Le news di AmbienteFuturo febbraio 2007 PDF Stampa E-mail
Scritto da msirca   
giovedý 01 febbraio 2007

 Le news di AmbienteFuturo febbraio 2007

  • “PARTITA” CONTRO I SUSSIDI ALL’INCENERIMENTO AI TEMPI   SUPPLEMENTARI
  • LE TAPPE DEL TOUR DI PAUL CONNETT
  • VERTENZA LUCART : IL 10 FEBBRAIO MANIFESTAZIONE A LUCCA.
  • PIENA SOLIDARIETA’ AI COMITATI CITTADINI DI VICENZA CONTRO LA BASE  USA
  • SOLIDARIETA’ A GIOACCHINO GENCHI  “SPOSTATO” AD ALTRO INCARICO DALLA GIUNTA CUFFARO. 
Ultimo aggiornamento ( domenica 04 febbraio 2007 )
 
Comunicato PRC sul "protocollo" inceneritori PDF Stampa E-mail
Scritto da msirca   
giovedý 01 febbraio 2007

PRC Gruppo Toscana

Inceneritori e audizione Arpat in VI° Commissione. RC: necessario ridurre gli impianti inquinanti e non aumentarli

Priorità alla riduzione dell'inquinamento nella piana fiorentina. No a ulteriori impianti inquinanti quali gli inceneritori.

 Oggi 31 gennaio vi è stata la firma definitiva del protocollo di intesa per la costruzione dell’inceneritore nella Piana Fiorentina, l’ampliamento di Montale, Selvapiana e Testi, e – in futuro – quello di Calice. Da mesi i comitati hanno invano chiesto un forum pubblico per confrontare ipotesi e modelli diversi su produzione, raccolta e smaltimento dei rifiuti.

Ultimo aggiornamento ( lunedý 05 febbraio 2007 )
 
Appuntamenti importanti PDF Stampa E-mail
mercoledý 24 gennaio 2007
  •  il 31 gennaio davanti alla Regione/Provincia (Firenze), presidio contro la firma del patto d'intesa per la costituzione di una società unica per la gestione dei Rifiuti e dei soldi che l'inceneritore produce
  •  il 9 febbraio davanti al Teatro Dante a Campi Bisenzio (FI), presidio contro il Sindaco che ci regala solo fumo..

Ultimo aggiornamento ( lunedý 29 gennaio 2007 )
 
Servizio Tg3 sul ricorso al TAR del WWF PDF Stampa E-mail
Scritto da msirca   
venerdý 26 gennaio 2007

Il ricorso al TAR TOSCANA presentato dal WWF Italia contro REGIONE TOSCANA E PROVINCIA DI FIRENZE  per l’annullamento della delibera luglio e ottobre 2006 con le quali è stata approvata la variante al Piano provinciale della provincia di Firenze per la gestione dei rifiuti nell’ATO 6, consta di nove motivi nei quali sono illustrati altrettante ragioni di illegittimità delle delibere impugnate... 

 

Con il primo motivo il WWF contesta che la Provincia di Firenze non abbia mantenuto fede agli impegni, che essa stessa aveva preso con precedente delibera, nella quale era stato stabilito che in caso di valutazione di impatto sanitario complessivamente negativo non si sarebbe insistito nella scelta dell'inceneritore nella piana ma si sarebbero predisposte soluzioni diverse per la gestione dei rifiuti RICORDIAMO CHE LA V.I.S. RILEVA:

1)- l’emissioni di diossine aumenterà notevolmente negli scenari futuri in ragione dell’inserimento del termo distruttore (pag. 49 VIS prima fase) e che per quanto riguarda il cadmio, mercurio, polveri, diossine, idrocarburi esiste una “eccedenza positiva nel bilancio futuro” sul bilancio generale dell’area.

2)- che tali dati sono stati successivamente confermati nella seconda fase della VIS nella quale si afferma che per cadmio e diossine, con l’inserimento dell’inceneritore nella piana si registreranno valori di ordine di grandezza comparabili con le sorgenti di traffico più significative (vedi pag. 268) con un sostanziale raddoppio degli inquinanti più pericolosi nell’intera area; 3)- inoltre è stata contestata una grave carenza di istruttoria per verificare gli effetti sanitari dell’impianto nell’area in considerazione del fatto che non sono stati verificati gli effetti delle polveri sottili di misura inferiore di 2.5 micron, sicuramente emesse dall’impianto come espressamente affermato dalla stessa valutazione dell’impatto sanitario etc. etc.

Ultimo aggiornamento ( sabato 27 gennaio 2007 )
 
Il WWF contro lĺinceneritore della piana fiorentina PDF Stampa E-mail
mercoledý 24 gennaio 2007
Il WWF contro l’inceneritore della piana fiorentina. I perché di un no. Una scelta insostenibile da un punto di vista sanitario e ambientale.

Continua con un nuovo ricorso la battaglia legale dell’associazione che sostiene l’illegittimità della scelta dell’incenerimento per la frazione residua e delle procedure di approvazione e localizzazione dell’impianto. Per l’Associazione si tratta di una scelta sbagliata e gravissima sia sul piano sanitario che su quello ambientale e della politica dei rifiuti. Anche tutta la procedura che ha portato alla localizzazione e approvazione dell’impianto risulta viziata da importanti carenze e inadeguatezze che la rendono per il WWF illegittima da un punto di vista giuridico.

E’ per questo che l’Associazione si è rivolta al Tribunale Amministrativo Regionale, impugnando le delibere della Provincia di Firenze e della Regione Toscana pubblicate sul Bollettino Ufficiale della Regione Toscana del 31 ottobre 2006 

Ultimo aggiornamento ( mercoledý 24 gennaio 2007 )
 
Il tempo Ŕ scaduto PDF Stampa E-mail
Scritto da Luca   
mercoledý 24 gennaio 2007

di Carlo Bertani - 22 gennaio 2007

"Sono tutte fandonie, queste! Bella verità! Come se qualcuno volesse sostenere che basta sussurrare una formula magica perché i fiumi tornino agili indietro, il mare, messo in ceppi, diventi inerte, i venti, pur non avendo fiato, soffino, il sole si fermi, la luna sia schiumata come un brodo, le stelle si stacchino dal cielo, il giorno scompaia, la notte prolunghi la sua durata".
Apuleio - Le metamorfosi (o L'asino d'oro) - II sec. D.C.

Fa paura usare quel termine, ed allora ci s'inventa di tutto: Kyrill diventa così una "tempesta", poi un "ciclone". Infine, quando i venti raggiungono i 225 Km/h , si getta la maschera e non si teme più di chiamarlo per quel che è: uragano.
Sì, per la prima volta a memoria d'uomo, sul Nord Atlantico si è formato un uragano ed ha attraversato l'intera Europa centrale: non era mai successo.
In passato abbiamo avuto la tempesta Erwin (8 gennaio 2005) che provocò 43 morti in Germania, Svezia, Estonia, Danimarca, Gran Bretagna e Irlanda: il vento soffiò per ore a 180 km all'ora, e tutto ciò avvenne soltanto 2 anni fa.
Nel 1999 una violenta bufera s'abbatté sulla Francia e provocò 130 morti, e per trovare un altro disastro simile dobbiamo riandare al 1990, quando una violenta tormenta di neve e ghiaccio colpì soprattutto la penisola iberica.

Ultimo aggiornamento ( mercoledý 24 gennaio 2007 )
 
Io do una cosa a te, tu dai una cosa me... PDF Stampa E-mail
Scritto da msirca   
martedý 23 gennaio 2007
Chiuso un occhio sulla centrale nucleare slovena di Krško che sorge in zona sismica.
Scambio fra rigassificatore italiano e centrale nucleare slovena, mediatore Massimo D'Alema.
D'Alema: "Ritengo che i nostri due paesi siano avanzati e moderni in grado di fare, come si fa in tante parti del mondo, rigassificatori e di far funzionare centrali nucleari senza creare motivi di paura. Siamo fra i paesi in grado di dominare queste tecnologie".
Ultimo aggiornamento ( martedý 23 gennaio 2007 )
 
750mila euro per pannelli solari PDF Stampa E-mail
Scritto da msirca   
martedý 23 gennaio 2007
2007-01-23 17:44

Ambiente: stanziati 750mila euro per pannelli solari

 

Possibile detrarre da Irpef il 55% delle spese in 3 anni

 

(ANSA) - FIRENZE, 23 GEN - La Regione stanzia per il 2007, 750.000 euro per continuare a promuovere la diffusione nel territorio toscano dell'uso di pannelli solari. La cifra e' piu' che doppia rispetto al 2006 e servira' a coprire, fino al 20%, le spese sostenute dagli utenti per interventi con importo massimo di 5.000 euro. E' attivo anche il Fondo di garanzia a tassi molto convenienti, fino a 40.000 euro a intervento per i privati.C'e' poi la possibilita' di detrarre dall'Irpef il 55%, in tre anni,delle spese sostenute.
Ultimo aggiornamento ( martedý 23 gennaio 2007 )
 
AmbienteFuturo news Gennaio 2007 (Tutte le novitÓ sui "rifiuti" dalla Finanziaria) PDF Stampa E-mail
Scritto da msirca   
lunedý 22 gennaio 2007
Non solo CIP 6...

Mentre attendiamo in modo non certo rilassato che l’emendamento approvato dal Governo nella seduta del 27 dicembre in materia di abolizione dei certificati verdi a favore della combustione della parte non biodegradabile dei rifiuti venga avallato in sede parlamentare, pensiamo di far cosa utile nel riassumere le principali novità introdotte dalla Legge Finanziaria in materia di gestione dei rifiuti.

http://ambientefuturo.interfree.it  fornisce ulteriori commenti.
Seguono le novità, comma per comma e le analisi.
Ultimo aggiornamento ( mercoledý 24 gennaio 2007 )
 
Provvedimenti che non possono aspettare PDF Stampa E-mail
Scritto da msirca   
domenica 21 gennaio 2007

Il documento è interessante anche se alcune parti esulano dalle tematiche a cui normalmente ci atteniamo in questo sito; non posso tagliarle ovviamente, invito alla lettura senza considerare se non interessa, i rovelli sui partiti senz'anima

Ultimo aggiornamento ( domenica 21 gennaio 2007 )
 
Alla rincorsa di Kyoto: gli eco-interventi della Finanziaria PDF Stampa E-mail
Scritto da msirca   
venerdý 19 gennaio 2007
Il convitato di pietra

Il mesto compromesso di Kyoto (ma da qualche cosa bisogna cominciare per stabilire le regole che allontanino disastri molto annunciati..), è tirato in ballo a proposito e a sproposito da cassandre che vedono in queste stagioni impazzite le avvisaglie della fine del mondo e da scettici cinici e navigati che minimizzano gli effetti e le previsioni richiamando la ciclicità di questi eventi e il fatto che madre terra è ancora sotto i nostri piedi.
Ultimo aggiornamento ( lunedý 22 gennaio 2007 )
 
La Regione Toscana e il pallottoliere PDF Stampa E-mail
Scritto da msirca   
martedý 16 gennaio 2007
Una analisi di AmbienteFuturo sui risultati del "Tavolo Tecnico (ancora una volta se la sono suonata e ballata come se i cittadini non esistessero) gettati in faccia alla popolazione, senza nessun confronto su temi dove la popolazione fiorentina in questo caso, ha molto da dire e ha fatto concrete proposte alternative.

Il tavolo tecnico con esperti di ambo le parti che si confrontino e analizzino le possibili soluzioni, unico leggittimo a ben vedere (dal momento che secondo vari accordi e convenzioni nazionali e internazionali sottoscritti dagli amministratori, la cittadinanza ha voce in capitolo riconosciuta in materia di scelte ambientali impattanti la salute e la qualità della vita), è stato promesso dal presidente Martini, poco meno di un anno fà; bugiardi come al solito.....

NELL'AREA FI-PO-PT IL TAVOLO TECNICO REGIONALE "TRUCCA" LE CIFRE PER GIUSTIFICARE L'INCENERITORE UNICO (VOLUTO ANCHE DA LEGAMBIENTE) 
Ultimo aggiornamento ( giovedý 25 gennaio 2007 )
 
Renzi e l'inceneritore. (Coppia di fatto) PDF Stampa E-mail
Scritto da Saverio Tommasi   
domenica 14 gennaio 2007
Intervista impossibile al presidente della provincia Matteo Renzi
(Testo satirico)

Si riferisce al nuovo impianto?
-  Gliel’ho già detto, si chiama termovalorizzatore.

Ma allora lo farete? Avete deciso?
-  Bhè, “deciso” è una parola grossa, diciamo che abbiamo iniziato a fare un pensierino su chi vincerà l’appalto.

Può spiegarcene il funzionamento?
-  Serve a bruciare rifiuti. Tanti, sempre di più. Per questo chiediamo l’aiuto dei  cittadini.

In che senso?
-  I cittadini devono darci una mano producendo rifiuti in gran quantità.
Possono iniziare gettando cose inutili, come giornali e libri.

Successivamente – se sarà necessario – chiederemo però sacrifici importanti, come il televisore di casa.

Buongiorno signor Renzi. Continua la mobilitazione della popolazione contro l’inceneritore.
-  Termovalorizzatore, così si chiama, sia corretto.

Ultimo aggiornamento ( lunedý 15 gennaio 2007 )
 
Altri articoli...
<< Inizio < Prec. 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 Pross. > Fine >>

Risultati 1174 - 1190 di 1290
Questo sito è lo strumento di comunicazione del Coordinamento dei Comitati della Piana FI PO PT. Talvolta ospita altri soggetti con comunicazioni condivise.Esso non rappresenta una testata giornalistica, in quanto non viene aggiornato con cadenza periodica, né è da considerarsi un mezzo d'informazione o un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001. Il materiale inserito in questo sito proviene da Internet oppure da atti diffusi da altri mezzi di comunicazione oppure prodotti dalle varie realtà componenti il Coordinamento e destinati a essere divulgati, quindi di dominio pubblico e utilizzati senza alcun fine di lucro. Qualora inconsapevolmente il materiale pubblicato vìoli i diritti d´autore, vogliate comunicarlo per una pronta rimozione. I commenti ai post non sono moderati, le/gli autori/trici devono essere registrati per inserire commenti quindi sono rintracciabili anche sotto nikname; si invita alla moderazione e al rispetto.

© 2020 NoInceneritori.org
Joomla! un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.