Home arrow Notizie arrow Sulla Piana arrow AmbienteFuturo news giugno 08 (2)
Annunci

 

Il sito ha qualche problema, ci scusiamo per i disagi causati ai lettori, speriamo di risolvere presto!

GRAZIE PER LA PAZIENZA!

 

Benvenuti !
Sul nostro sito Internet

 

Il Coordinamento dei Comitati della Piana dedica questo sito a beneficio di tutti i cittadini interessati.

Email: 
Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo
 
Questo sito è lo strumento di comunicazione del Coordinamento dei Comitati della Piana FI PO PT.
Talvolta ospita altri soggetti con comunicazioni condivise.
Esso non rappresenta una testata giornalistica, in quanto non viene aggiornato con cadenza periodica, né è da considerarsi un mezzo d'informazione o un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.
Il materiale inserito in questo sito proviene da Internet oppure da atti diffusi da altri mezzi di comunicazione oppure prodotti dalle varie realtà componenti il Coordinamento e destinati a essere divulgati, quindi di dominio pubblico e utilizzati senza alcun fine di lucro.
Qualora inconsapevolmente il materiale pubblicato vìoli i diritti d'autore, vogliate comunicarlo per una pronta rimozione. I commenti ai post non sono moderati, le/gli autori/trici devono essere registrati per inserire commenti quindi sono rintracciabili anche sotto nikname; si invita alla moderazione e al rispetto.
 
Menu principale
Home
FAQ
Notizie
Documenti
Le alternative
Cerca
Forum
Galleria foto
Contattaci
Web link
Archivio
Articoli correlati
Dal 9 Agosto 2006
Visitatori: 171637341
Calendario Eventi
Agosto 2020
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
27282930311 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31 1 2 3 4 5 6
Ultimi Eventi
No Latest Events
Galleria fotografica
Archivio
Newsletter

Ricevi via email le nostre notizie

Image


Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter settimanale







AmbienteFuturo news giugno 08 (2) PDF Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
giovedý 12 giugno 2008

 

 

AMBIENTEFUTURO NEWS, 12 GIUGNO 08.APPELLO MONDIALE CONTRO LA RICLASSIFICAZIONE DELL’INCENERIMENTO;LA RETE NAZIONALE RIFIUTI ZERO VARA LA VERTENZA PER L’AUTORIDUZIONE DELLA TARIFFA RIFIUTI. IL 17-18 IL PARLAMENTO EUROPEO VOTA LA NUOVA NORMATIVA RIFIUTI, UN APPELLO AI PARLAMENTARI. 

 

AMBIENTEFUTURO NEWS, 12 GIUGNO 08.APPELLO MONDIALE CONTRO LA RICLASSIFICAZIONE DELL’INCENERIMENTO;LA RETE NAZIONALE RIFIUTI ZERO VARA LA VERTENZA PER L’AUTORIDUZIONE DELLA TARIFFA RIFIUTI. IL 17-18 IL PARLAMENTO EUROPEO VOTA LA NUOVA NORMATIVA RIFIUTI, UN APPELLO AI PARLAMENTARI. 

GAIA, la Global Alliance for Incinerator Alternatives, in vista del voto del Parlamento europeo invita ad inviare un appello ai parlamentari in qualità di “cittadini del mondo”. La Rete Nazionale Rifiuti Zero invita tutti i gruppi locali, gli attivisti e i “semplici” cittadini ad aderire in massa a questa mobilitazione. Per inviare la versione italiana dell’APPELLO INTERNAZIONALE vedi su www.ambientefuturo.org   oppure su www.no-burn.org dove potrete trovare anche un appello rivolto da diverse associazioni dei medici. Ricordiamo inoltre che il 17 GAIA Europa, unitamente a molte altre associazioni del Continente promuoverà una conferenza stampa a seguito della proiezione di “Biutiful cauntri”a cui parteciperà oltre a Joan Marc Simon di GAIA Europe anche il regista del film in cui verrà ribadita la necessità di non votare a favore del tentativo di rilanciare l’incenerimento dei rifiuti, favorendo al contrario il riciclaggio, il compostaggio e l’avvio di un percorso verso rifiuti zero al 2020.

 LA RETE NAZIONALE RIFIUTI ZERO LANCIA LA CAMPAGNA PER L’AUTORIDUZIONE DELLA TARIFFA RIFIUTI. 

Il 19 giugno, con un incontro pubblico a Montale Pistoiese è fissata la data di partenza di questa campagna . Essa muove da considerazioni molto semplici: spesso i cittadini che si oppongono agli inceneritori INVOCANDO RIDUZIONE E RACCOLTE DIFFERENZIATE DEI RIFIUTI vengono dipinti come “ostacolo egoistico”. POI PERO’ AI MEDESIMI SI CHIEDE DI FINANZIARE APPUNTO CON LA BOLLETTA tali scelte. ORA BASTA. SE NON C’E’ DEMOCRAZIA NELLE DECISIONI, SE NON C’E’ IL RISPETTO PER LA SALUTE E L’AMBIENTE, SE NON SI RISPETTA NEMMENO LA LEGGE IN MERITO AL RAGGIUNGIMENTO DEI “MINIMI” DI RD OCCORRE DIRE CHE “L’OBBEDIENZA NON E’ PIU’ UNA VIRTU’”. Per aderire alla campagna, per prendere visioni dei dettagli e dei percorsi vedi su www.ambientefuturo.org

Adesso la GUIDA ALL’AUTORIDUZIONE DELLA TARIFFA SI ARRICCHISCE ANCHE DI UN ALLEGATO RELATIVO ALLE SITUAZIONI DOVE E’ ANCORA VIGENTE LA TARSU

(ai sensi del D.Lgs 507/93). Invitiamo tutte le realtà interessate a questa forma di “DISOBBEDIENZA CIVILE” a richiedere i rispettivi regolamenti comunali relativi all’applicazione della tariffa o della TARSU.

 PROVINCIA DI ASTI: NUOVO PIANO RIFIUTI CON IMPEGNO DI RIDUZIONE DEI RIFIUTI DEL 14% E RD AL 70%. 

Giovedi’ 19 verrà presentato al pubblico con interventi, tra gli altri, di Roberto Cavallo della Cooperativa Erica, che ha contribuito notevolmente alla elaborazione del piano e di Enzo Favoino della Scuola Agraria del Parco di Monza. Il titolo dell’incontro recita: “ 14% di riduzione, 70% di RD… discariche, inceneritori o rifiuti zero?”. La notizia conferma che in Italia, a seguito del successo di molte “buone pratiche” non solo di RD porta a porta ma anche di riduzione comincia a farsi spazio ANCHE UN TIPO DI PIANIFICAZIONE “CENTRATA” SULLE FASI VIRTUOSE .

Ciò significa, tra l’altro coerentemente con la normativa nazionale 152/08 come ritoccata con il “secondo correttivo” del 16 gennaio 2008, che lo “smaltimento” deve sempre più essere confinato nella fase residuale della gestione dei rifiuti che possono e debbono “tendere” gradualmente a “zero”. Naturalmente, in questo quadro corretto, inceneritori e discariche tendono sempre più

a rappresentare “il passato” di cui disfarci prima possibile. Oltre alla Provincia di Asti, anche la Provincia di Treviso, con le sue alte “rese” di RD al 67% sta cercando soluzioni “a freddo” per trattare il “residuo” che, infatti, oltre a dover “essere studiato” per indirizzare da questa prospettiva ulteriori e mirati progetti di riduzione e di riprogettazione industriale, in primo luogo degli imballaggi, può essere, almeno in parte, ancora recuperato e ridotto prima di finire “rigorosamente” stabilizzato, in discarica.

 NASCE IL COORDINAMENTO “TOSCANA NORD VERSO RIFIUTI ZERO”. 

A seguito della normativa regionale toscana che con la legge regionale 61/07 “accorpa” gli ATO (Ambiti Territoriali Ottimali) riducendoli a TRE per l’intera Regione  arrivando a comprendere in un unico contesto le province di Massa Carrara, di Lucca, di Pisa e di Livorno ANCHE I COMITATI E LE ASSOCIAZIONI che si battono per una alternativa gestione dei rifiuti HANNO DECISO DI COSTITUIRSI IN UN COORDINAMENTO CHE HA ASSUNTO LA STRATEGIA RIFIUTI ZERO. Sabato 14 a Livorno (dove il piano industriale del nuovo macro ATO e la stessa provincia prevedono il raddoppio dell’inceneritore attuale) si svolgerà una conferenza stampa per presentare le proposte alternative. Occorre subito dire che la LR 61/07 appare ormai SUPERATA dalla normativa nazionale che aumenta i “poteri” delle province in materia di pianificazione della gestione dei rifiuti e che invece, nel caso della legge toscana, vengono di fatto, assunti da un ente di “secondo grado” interprovinciale. Inoltre sulla normativa regionale e quindi sulla delibera che i 111 Comuni che fanno parte del mega- ATO dovrebbero approvare in modo “blindato” NON SOLO NON viene previsto nessun intervento di riduzione-contenimento dei rifiuti (che a parole la Regione Toscana prevede di almeno il 15% ma addirittura si prevedono aumenti dei rifiuti e obiettivi di RD inferiori ai limiti di legge previsti per il 2012 ad almeno il 65%. IL TRUCCO E’ QUELLO DI SEMPRE: AUMENTARE “AD ARTE” I RIFIUTI DA SMALTIRE PER GIUSTIFICARE NUOVI INCENERITORI. Semplici calcoli, invece, ci dimostrano che perseguendo non più del 7% di riduzione della mole attuale dei rifiuti prodotti sulla costa con un semplice passaggio dal sistema di raccolta stradale ad uno porta a porta (come dimostrano ormai tutte le esperienze) si può “facilmente” invertire i trend di crescita. Se poi su questo passaggio si innestano interventi alla fonte di riduzione degli imballaggi e di tariffazione puntuale i risultati “attesi” possono ulteriormente aumentare. Poi con una raccolta differenziata “a norma di legge” e cioè del 65% si può prevedere una quota di “residuo” non superiore a 300.000 tonnellate/anno ( al 2012) complessive per le quattro province. Poiché già attualmente l’area ha un sistema impiantistico di TMB (trattamento Meccanico Biologico) che può arrivare fino a 450.000 tonnellate/anno in grado (con alcuni semplici ritocchi impiantistici) di recuperare almeno fino al 60% dei residui in ingresso, i rifiuti stabilizzati a discarica non supereranno le 115000 tonnellate (l’area ha un sistema di discariche che dispone di oltre 5 milioni di m. cubi di volumetrie residue in grado di durare più di 15 anni). Ciò realisticamente può consentire la GRADUALE DISMISSIONE DEI QUATTRO INCENERITORI ESISTENTI ( LIVORNO, PISA, PIETRASANTA, CASTELNUOVO GARFAGNANA) anziché prevederne il potenziamento come, invece, vorrebbe imporre il “nuovo Piano”. Su queste basi LA PARTITA E’ APPENA ALL’INIZIO E CERTO UNA MANO CE LA DARA’ ANCHE LA CAMPAGNA PER L’AUTORIDUZIONE DELLA TARIFFA VISTO CHE LA MEDIA DI RD DELL’INTERO MACRO-ATO NON SUPERA IL 30% A FRONTE DEL MINIMO DEL 45% PREVISTO DALLA LEGGE.

  

Rossano Ercolini, Fabio Lucchesi, Pier Felice Ferri    

Commenti (1) >> feed
...
scritto da msirca, giugno 12, 2008

Salve,
vista l'importanza della scadenza (a dicembre rincaro assicurato delle tariffe sui rifiuti perchè le Raccolte differenziate non vengono fatte) e considerato che l'inceneritore sta continuando a bruciare e ad avvelenarci e stanno assiduamente lavorando per metterne altri, credo sia fondamentale essere presenti in tanti per decidere che è l'ora di dire basta a chi ci avvelena e ci deruba.
Saluti Adriana Pagliai del Coordinamento dei Comitati della Piana
****
Giovedi’ 19 giugno alle ore 21,15 presso la Canonica della Chiesa Di Montale in Piazza Matteotti

LA RETE NAZIONALE RIFIUTI ZERO
Promuove
UN INCONTRO PUBBLICO

Per lanciare UNA CAMPAGNA PER FAVORIRE LA RACCOLTA DIFFERENZIATA E PER L’AUTORIDUZIONE DELLA TARIFFA RIFIUTI QUANDO NON VENGONO RAGGIUNTI NEMMENO GLI OBIETTIVI MINIMI DI LEGGE PREVISTI PER IL RICICLAGGIO.

Dopo una consultazione con le Associazioni, Comitati e Movimenti dell’ area
di Montale, Agliana, Quarrata, La Rete Nazionale Rifiuti Zero, anche in conseguenza dell’avvenuta riattivazione dell’inceneritore che proprio nello scorso luglio ha causato emissioni di diossina ben oltre gli stessi limiti di legge (limiti che comunque non garantiscono la salute pubblica) HA DECISO DI FAR PARTIRE PROPRIO DA QUI QUESTA CAMPAGNA NAZIONALE. Infatti, in questo contesto assistiamo ad uno degli esempi più eclatanti in cui la volontà dei cittadini, espressa attraverso decine di assemblee molto partecipate, VIENE CALPESTATA DOPPIAMENTE. Da un lato si impone loro un impianto nocivo, dall’altro il livello delle raccolte differenziate non raggiunge neanche il 25%. MA NONOSTANTE TUTTO CIO’ I CITTADINI DEVONO PAGARE CON LA TARIFFA QUESTE SCELTE!

ORA BASTA!

LA STESSA NORMATIVA (Decreto legislativo 152/06, articolo 205) prevede che tutti i Comuni RAGGIUNGANO ENTRO IL 31 DICEMBRE 2008 ALMENO IL 45% DI RACCOLTA DIFFERENZIATA. Se ciò non avverrà i COMUNI INADEMPIENTI DOVRANNO PAGARE UN AUMENTO DEL 20% DEI COSTI DI SMALTIMENTO. Questo significa che come al solito saranno i cittadini attraverso la “bolletta rifiuti”
a doversi far carico di scelte sbagliate, inquinanti, costose e per di più imposte.

PER QUESTO, O I COMUNI DAVVERO COMINCIANO AD IMPEGNARSI A PROMUOVERE RACCOLTE DIFFERENZIATE A PREVALENZA PORTA A PORTA (come sta ormai avvenendo in vari Comuni toscani come Capannori, Villa Basilica, Porcari, Altopascio in provincia di Lucca, a Montespertoli in provincia di Firenze e a Vaiano in provincia di Prato con risultati eccellenti) avviando un processo di dismissione dell’inceneritore ALTRIMENTI LA RETE NAZIONALE RIFIUTI ZERO INVITERA’ TUTTI I CITTADINI-UTENTI AD INTRAPRENDERE QUESTO PERCORSO DI DISOBBEDIENZA FISCALE, fornendo loro assistenza e sostegno.

Data l’importanza dei temi trattati SI INVITA TUTTA LA CITTADINANZA A PARTECIPARE.


LA RETE NAZIONALE RIFIUTI ZERO

Scrivi commento

Si deve essere connessi al sito per poter inserire un commento. Registratevi se non avete ancora un account.


busy
Ultimo aggiornamento ( giovedý 12 giugno 2008 )
 
< Prec.   Pros. >
Questo sito è lo strumento di comunicazione del Coordinamento dei Comitati della Piana FI PO PT. Talvolta ospita altri soggetti con comunicazioni condivise.Esso non rappresenta una testata giornalistica, in quanto non viene aggiornato con cadenza periodica, né è da considerarsi un mezzo d'informazione o un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001. Il materiale inserito in questo sito proviene da Internet oppure da atti diffusi da altri mezzi di comunicazione oppure prodotti dalle varie realtà componenti il Coordinamento e destinati a essere divulgati, quindi di dominio pubblico e utilizzati senza alcun fine di lucro. Qualora inconsapevolmente il materiale pubblicato vìoli i diritti d´autore, vogliate comunicarlo per una pronta rimozione. I commenti ai post non sono moderati, le/gli autori/trici devono essere registrati per inserire commenti quindi sono rintracciabili anche sotto nikname; si invita alla moderazione e al rispetto.

© 2020 NoInceneritori.org
Joomla! un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.