Home arrow Notizie arrow Sulla Piana arrow Un bosco promesso da anni...
Annunci

 

Il sito ha qualche problema, ci scusiamo per i disagi causati ai lettori, speriamo di risolvere presto!

GRAZIE PER LA PAZIENZA!

 

Benvenuti !
Sul nostro sito Internet

 

Il Coordinamento dei Comitati della Piana dedica questo sito a beneficio di tutti i cittadini interessati.

Email: 
Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo
 
Questo sito è lo strumento di comunicazione del Coordinamento dei Comitati della Piana FI PO PT.
Talvolta ospita altri soggetti con comunicazioni condivise.
Esso non rappresenta una testata giornalistica, in quanto non viene aggiornato con cadenza periodica, né è da considerarsi un mezzo d'informazione o un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.
Il materiale inserito in questo sito proviene da Internet oppure da atti diffusi da altri mezzi di comunicazione oppure prodotti dalle varie realtà componenti il Coordinamento e destinati a essere divulgati, quindi di dominio pubblico e utilizzati senza alcun fine di lucro.
Qualora inconsapevolmente il materiale pubblicato vìoli i diritti d'autore, vogliate comunicarlo per una pronta rimozione. I commenti ai post non sono moderati, le/gli autori/trici devono essere registrati per inserire commenti quindi sono rintracciabili anche sotto nikname; si invita alla moderazione e al rispetto.
 
Menu principale
Home
FAQ
Notizie
Documenti
Le alternative
Cerca
Forum
Galleria foto
Contattaci
Web link
Archivio
Articoli correlati
Dal 9 Agosto 2006
Visitatori: 171637658
Calendario Eventi
Agosto 2020
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
27282930311 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31 1 2 3 4 5 6
Ultimi Eventi
No Latest Events
Galleria fotografica
Archivio
Newsletter

Ricevi via email le nostre notizie

Image


Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter settimanale







Un bosco promesso da anni... PDF Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
martedý 29 aprile 2008

 

Un bosco promesso da anni e anni, quando ancora non si parlava di nuovi inceneritori (d'altronde il forno di S. Donnino, quello che emetteva "solamente vapore acqueo" era stato da poco chiuso d'imperio..), forse nella mente di qualche decisore politico serpeggiava il rimorso e pensava di dover risarcire il territorio...poi promettere costa nulla. Oggi sanno benissimo che il bosco è dovuto "a prescindere" anche per contribuire a mitigare il degrado e l'inquinamento già ora insostenibile, della Piana, come sanno che invece nulla potrebbe fare per contrastare i veleni emessi da un inceneritore (è questo il motivo per cui è tornato alla ribalta dopo anni di oblio, ma la stessa VIS sottolinea come non ci siano certezze che agisca contro certi inquinanti), ma...vedremo davvero mai questo bosco?

 

http://www.greenreport.it/contenuti/leggi.php?id_cont=13240

29/04/2008

I boschi della piana fiorentina

 

FIRENZE. Il Piano provinciale dei rifiuti individua nell’area intorno alla localizzazione del nuovo inceneritore previsto a Case Passerini, la piantagione di un bosco che sorgerà in area fortemente industrializzata....

FIRENZE. Il Piano provinciale dei rifiuti individua nell’area intorno alla localizzazione del nuovo inceneritore previsto a Case Passerini, la piantagione di un bosco che sorgerà in area fortemente industrializzata. I Verdi vogliono saperne di più. Nel merito chiedono all’amministrazione provinciale, per voce del capogruppo in consiglio Luca Ragazzo, lo stato dell’arte della progettazione, quali sono le specie scelte da piantare e quali sono le fonti di approvvigionamento della risorsa idrica per l’irrigazione. Inoltre chiedono che vengano tutelati alcuni elementi paesaggistici ed ecologici come le siepi ed i fossetti, dove tra l’altro si riproducono molte specie rare di anfibi (tutti protetti dalla Convenzione Internazionale di Berna e dalla L.R. 56/2000), tra cui il tritone crestato inserito nella Direttiva Habitat.

La risposta dell’amministrazione è venuta dall’assessore all’ambiente Luigi Nigi  «La Giunta provinciale ha recentemente approvato il progetto preliminare dell’intervento di riqualificazione e miglioramento ambientale della piana fiorentina denominato “I boschi della Piana”. Entro il mese di giugno è prevista l’approvazione del progetto definitivo, si sta inoltre mettendo a punto un apposito accordo di programma con il comune di Sesto Fiorentino al fine di regolare i reciproci impegni in ordine all’acquisizione delle aree, alla realizzazione dell’intervento e alla successiva realizzazione dell’area. Riguardo alle specie da piantare - continua l’assessore all’ambiente - il progetto ne prevede numerose arboree e arbustive. La tipologia di piante è stata individuata da uno studio del sistema del verde della zona interessata, realizzato su nostro incarico dal dipartimento di ortoflorofrutticoltura dell’ Università di Firenze. La scelta delle piante, valutata anche dall’apposita unità di progetto costituita dalla provincia con l’inserimento di specifiche competenze agroforestali, è stata effettuata in base alla loro adattabilità ai terreni argillosi e tenendo conto di numerosi aspetti naturalistici, adattamento, diversificazione delle specie impiantate, cercando di privilegiare quelle a rapido accrescimento intervallate da specie autoctone».

Nigi risponde in modo dettagliato anche in merito all’approvvigionamento idrico presentando le varie opzioni «per l’irrigazione dell’impianto tecnologico, che prevede un fabbisogno stimato in circa 35.000 metri cubi, da distribuire per circa 90-100 giorni all’anno, sono state valutate ed analizzate tre possibili soluzioni: la realizzazione di un invaso che intercettasse le acque del fosso dell’Acqualunga; la realizzazione di una condotta per l’acqua depurata dall’impianto di San Colombano; infine la realizzazione di alcuni pozzi per il prelievo in falda e di un piccolo invaso. Per quanto concerne la tempistica - continua l’assessore - il progetto definitivo sarà suddiviso in due lotti: in una prima fase si provvederà al rimboschimento delle aree già di proprietà del comune di Sesto Fiorentino e di quelle di prossima acquisizione dalla società Autostrade. Successivamente, dopo la procedura dell’esproprio delle aree, si darà avvio alla seconda fase dell’intervento. Il primo lotto sarà completato nei primi mesi del 2009, in considerazione del fatto che le piante devono essere piantate da ottobre a marzo, mentre l’ultimazione del secondo lotto è prevista entro la fine del 2009». Soddisfatto delle risposte il consigliere dei Verdi Ragazzo, soprattutto per il fatto che si punta a mantenere l’habitat, anche se «la parte relativa all’irrigazione è ancora aperta e dovremmo eventualmente fare un approfondimento maggiore».

Commenti (0) >> feed
Scrivi commento

Si deve essere connessi al sito per poter inserire un commento. Registratevi se non avete ancora un account.


busy
Ultimo aggiornamento ( venerdý 02 maggio 2008 )
 
< Prec.   Pros. >
Questo sito è lo strumento di comunicazione del Coordinamento dei Comitati della Piana FI PO PT. Talvolta ospita altri soggetti con comunicazioni condivise.Esso non rappresenta una testata giornalistica, in quanto non viene aggiornato con cadenza periodica, né è da considerarsi un mezzo d'informazione o un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001. Il materiale inserito in questo sito proviene da Internet oppure da atti diffusi da altri mezzi di comunicazione oppure prodotti dalle varie realtà componenti il Coordinamento e destinati a essere divulgati, quindi di dominio pubblico e utilizzati senza alcun fine di lucro. Qualora inconsapevolmente il materiale pubblicato vìoli i diritti d´autore, vogliate comunicarlo per una pronta rimozione. I commenti ai post non sono moderati, le/gli autori/trici devono essere registrati per inserire commenti quindi sono rintracciabili anche sotto nikname; si invita alla moderazione e al rispetto.

© 2020 NoInceneritori.org
Joomla! un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.