Home arrow Notizie arrow No inceneritori arrow Riclassificazione Inceneritori: Ministri UE vs Parlamento Europeo
Annunci

 

Il sito ha qualche problema, ci scusiamo per i disagi causati ai lettori, speriamo di risolvere presto!

GRAZIE PER LA PAZIENZA!

 

Benvenuti !
Sul nostro sito Internet

 

Il Coordinamento dei Comitati della Piana dedica questo sito a beneficio di tutti i cittadini interessati.

Email: 
Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo
 
Questo sito è lo strumento di comunicazione del Coordinamento dei Comitati della Piana FI PO PT.
Talvolta ospita altri soggetti con comunicazioni condivise.
Esso non rappresenta una testata giornalistica, in quanto non viene aggiornato con cadenza periodica, né è da considerarsi un mezzo d'informazione o un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.
Il materiale inserito in questo sito proviene da Internet oppure da atti diffusi da altri mezzi di comunicazione oppure prodotti dalle varie realtà componenti il Coordinamento e destinati a essere divulgati, quindi di dominio pubblico e utilizzati senza alcun fine di lucro.
Qualora inconsapevolmente il materiale pubblicato vìoli i diritti d'autore, vogliate comunicarlo per una pronta rimozione. I commenti ai post non sono moderati, le/gli autori/trici devono essere registrati per inserire commenti quindi sono rintracciabili anche sotto nikname; si invita alla moderazione e al rispetto.
 
Menu principale
Home
FAQ
Notizie
Documenti
Le alternative
Cerca
Forum
Galleria foto
Contattaci
Web link
Archivio
Articoli correlati
Dal 9 Agosto 2006
Visitatori: 142712956
Calendario Eventi
Dicembre 2019
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
2526272829301
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31 1 2 3 4 5
Ultimi Eventi
No Latest Events
Galleria fotografica
Archivio
Newsletter

Ricevi via email le nostre notizie

Image


Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter settimanale







Riclassificazione Inceneritori: Ministri UE vs Parlamento Europeo PDF Stampa E-mail
lunedý 02 luglio 2007

Lussemburgo, 28 giu. (Apcom) - I ministri dell'Ambiente dell'Ue hanno raggiunto un accordo politico, oggi a Lussemburgo, sulla revisione della direttiva quadro sui rifiuti, che mira, tra l'altro, a riclassificare l'incenerimento dei rifiuti stessi, in certe condizioni, come un'operazione di recupero energetico, invece che come smaltimento (i Ventisette hanno votato tutti a favore, tranne l'Italia che si è astenuta). La riclassificazione, se confermata, avrebbe conseguenze importanti sulla 'gerarchia' del trattamento dei rifiuti, che costituiva finora la pietra angolare della politica comunitaria in questo settore.

In sostanza, la legislazione attuale favorisce innanzitutto la prevenzione (produrre meno rifiuti), poi il riuso (quando è possibile), quindi il riciclaggio, il recupero di energia e, infine, lo smaltimento in discarica. L'accordo odierno dei ministri dei Ventisette, proposto dalla Commissione europea e appoggiato dalla presidenza di turno tedesca, farebbe 'salire di un gradino' nella gerarchia l'incenerimento, favorendo così le politiche di sostegno pubblico per questo modo di smaltire i rifiuti, che verrebbe messo quasi sullo stesso piano del riciclaggio vero e proprio e delle fonti energetiche rinnovabili.

Finora, nella legislazione Ue, solo gli inceneritori che avevano come funzione principale la produzione di energia elettrica, e non lo smaltimento dei rifiuti, potevano essere considerati nella categoria del recupero energetico; gli altri erano considerati alla stessa stregua delle discariche. Secondo la posizione approvata oggi dai ministri, invece, perché un inceneritore enti nella categoria del 'recupero' basterà dimostrare che risponde a un criterio di efficienza energetica del 55%.

Per convincere i ministri ad approvare la proposta, la Commissione e la presidenza di turno tedesca hanno fatto una concessione importante, accettando che gli Stati membri possano porre delle limitazioni, sulla base di motivazioni ambientali, all'import-export di rifiuti destinati agli inceneritori. I paesi dell'Est, in particolare, temevano un'invasione dei rifiuti dei paesi più ricchi, Germania in testa, per effettuare le operazioni di incenerimento lontano dal proprio territorio. Altri Stati membri, come la Danimarca, volevano invece evitare di dover importare rifiuti indifferenziati, e desideravano poter scegliere di importare solo i rifiuti a più alto valore energetico.

I ministri Ue hanno approvato anche un'altra proposta della Commissione europea che rischia di dare un duro colpo alla 'gerarchia' delle diverse modalità di trattamento dei rifiuti: da principio generale di base della legislazione in materia, la 'gerarchia diventerebbe un 'principio guida', e potrebbe essere applicato dagli Stati membri in modo più flessibile. Secondo la Commissione, questo permetterà di "dare più margine agli Stati per tenere conto di tutto il ciclo di vita del prodotto", nonché delle condizioni locali, in modo da scegliere le modalità con minore impatto complessivo sull'ambiente.

Il Parlamento europeo, tuttavia, non è d'accordo sull'impostazione della Commissione e dei ministri: nella sua prima lettura, a febbraio, ha chiesto di ripristinare la gerarchia del trattamento dei rifiuti come principio generale, e ha bocciato la riclassificazione degli inceneritori. Se l'Assemblea di Strasburgo confermerà questa sua posizione durante la seconda lettura, sarà inevitabile andare in procedura di conciliazione con il Consiglio Ue.

"L'incenerimento - ha commentato una fonte di Legambiente, da Lussemburgo - non può e non deve fare concorrenza alle rinnovabili, al riuso dei rifiuti e al vero riciclaggio. Lavoreremo affinché il Parlamento europeo confermi la sua posizione approvata in prima lettura lo scorso febbraio, e affinché l'Italia faciliti l'accordo in questo senso in seconda lettura".

Commenti (1) >> feed
Non proprio una bella notizia
scritto da Ambiente Futuro, luglio 02, 2007

Non proprio una buona notizia. Dopo che il Parlamento europeo in febbraio aveva respinto questa riclassificazione i Ministri dei Paesi europei (dopo un voltafaccia della Francia e con l’opposizione dell’Italia e di molti altri Paesi) ci PROVANO NUOVAMENTE. Tuttavia questa contrastata riclassificazione non riesce ancora a “scardinare” la GERARCHIA EUROPEA DI GESTIONE DEI RIFIUTI MANTENENDO LA PREFERENZA DEL RICICLAGGIO ( e del compostaggio) al recupero di energia. COMUNQUE E’ ANCORA POSSIBILE RIBALTARE QUESTO “mezzo successo” della lobby inceneritorista in quanto il testo dovrà ritornare in PARLAMENTO EUROPEO PER UNA SECONDA VOTAZIONE CHE SI PREANNUNCIA INCANDESCENTE. Sarà compito di noi tutti MOBILITARCI PERCHE’ TALE RICLASSIFICAZIONE ( pur nella forma “indebolita” di cui sopra) NON PASSI .



Scrivi commento

Si deve essere connessi al sito per poter inserire un commento. Registratevi se non avete ancora un account.


busy
Ultimo aggiornamento ( lunedý 02 luglio 2007 )
 
< Prec.   Pros. >
Questo sito è lo strumento di comunicazione del Coordinamento dei Comitati della Piana FI PO PT. Talvolta ospita altri soggetti con comunicazioni condivise.Esso non rappresenta una testata giornalistica, in quanto non viene aggiornato con cadenza periodica, né è da considerarsi un mezzo d'informazione o un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001. Il materiale inserito in questo sito proviene da Internet oppure da atti diffusi da altri mezzi di comunicazione oppure prodotti dalle varie realtà componenti il Coordinamento e destinati a essere divulgati, quindi di dominio pubblico e utilizzati senza alcun fine di lucro. Qualora inconsapevolmente il materiale pubblicato vìoli i diritti d´autore, vogliate comunicarlo per una pronta rimozione. I commenti ai post non sono moderati, le/gli autori/trici devono essere registrati per inserire commenti quindi sono rintracciabili anche sotto nikname; si invita alla moderazione e al rispetto.

© 2019 NoInceneritori.org
Joomla! un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.