Home arrow Notizie arrow Ultime arrow Impregilo e i CDR
Annunci

 

Il sito ha qualche problema, ci scusiamo per i disagi causati ai lettori, speriamo di risolvere presto!

GRAZIE PER LA PAZIENZA!

 

Benvenuti !
Sul nostro sito Internet

 

Il Coordinamento dei Comitati della Piana dedica questo sito a beneficio di tutti i cittadini interessati.

Email: 
Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo
 
Questo sito è lo strumento di comunicazione del Coordinamento dei Comitati della Piana FI PO PT.
Talvolta ospita altri soggetti con comunicazioni condivise.
Esso non rappresenta una testata giornalistica, in quanto non viene aggiornato con cadenza periodica, né è da considerarsi un mezzo d'informazione o un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.
Il materiale inserito in questo sito proviene da Internet oppure da atti diffusi da altri mezzi di comunicazione oppure prodotti dalle varie realtà componenti il Coordinamento e destinati a essere divulgati, quindi di dominio pubblico e utilizzati senza alcun fine di lucro.
Qualora inconsapevolmente il materiale pubblicato vìoli i diritti d'autore, vogliate comunicarlo per una pronta rimozione. I commenti ai post non sono moderati, le/gli autori/trici devono essere registrati per inserire commenti quindi sono rintracciabili anche sotto nikname; si invita alla moderazione e al rispetto.
 
Menu principale
Home
FAQ
Notizie
Documenti
Le alternative
Cerca
Forum
Galleria foto
Contattaci
Web link
Archivio
Articoli correlati
Dal 9 Agosto 2006
Visitatori: 187321207
Calendario Eventi
Marzo 2021
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31 1 2 3 4
Ultimi Eventi
No Latest Events
Galleria fotografica
Archivio
Newsletter

Ricevi via email le nostre notizie

Image


Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter settimanale







Impregilo e i CDR PDF Stampa E-mail
Scritto da Bolina   
sabato 03 febbraio 2007

 .... E così vengono alla luce i perché della cronica crisi dei rifiuti in Campania. E si prospetta una «sacchettopoli».

Il Manifesto 01/02/07 Campania
Rifiuti, i pm contro Impregilo
Francesca Pilla (Napoli)

Le richieste della procura di Napoli sono pesanti: sequestro di tutti i cdr campani (i sette impianti per la produzione di combustibile da rifiuti, nessuno escluso), confisca alla Impregilo di 43 milioni di euro e dei crediti per 109 milioni che la stessa società dovrebbe riscuotere dalla Regione e da vari Comuni. E così vengono alla luce i perché della cronica crisi dei rifiuti in Campania. E si prospetta una «sacchettopoli».

Le violazioni e i buchi della gestione sono nero sui bianco nei fascicoli depositati da poco dai pm Giuseppe Noviello e Paolo Sirleo, che stanno indagando dal 2003 sulla gestione dei rifiuti da parte del Commissariato straordinario di governo, prima nelle mani di Antonio Bassolino e dal 2004 Corrado Catenacci, dimessosi in giugno per altre inchieste, nonché sugli appalti e i contratti di fornitura con Fibe e Fisia, società del gruppo Impregilo. Il reato ipotizzato è la truffa da parte della società che da anni gestisce il ciclo industriale: finanziamenti usati male, riscossione delle imposte da utenti e comuni per lasciare l'immondizia nelle strade, soldi pubblici finiti in un buco nero.
  In particolare la Impregilo avrebbe realizzato impianti non a norma, dove la spazzatura invece di essere stoccata per poi poter esser termodistrutta o trasformarsi in energia viene semplicemente «impacchettata». Ecco spiegate le ragioni dell'estrema difficoltà - nei periodi di collasso della raccolta - a trovare siti fuori regione o all'estero disposti ad accogliere le ecoballe.
 Da qui l'insensatezza a costruire il megainceneritore ad Acerra - contestato dalla popolazione - quando non si provvede a risolvere la prima fase dello stoccaggio nelle discariche. I pm, in ogni caso, hanno chiesto anche il sequestro del termovalorizzatore, sempre gestito dalla Impregilo. Le confische di «beni» e «finanze» sono giustificate dal fatto che, a suon di proroghe e di gare andate deserte negli ultimi mesi, è ancora la stessa società a gestire il tutto.
 Tra i 28 indagati dalla procura ci sono il presidente Bassolino - che si è difeso dichiarando di aver firmato le autorizzazioni senza sapere quello che avveniva - i fratelli Piergiorgio e Paolo Romiti, proprietari della Impregilo, e gli amministratori delegati di Fibe e Fisia, Armando Cattaneo e Roberto Ferrarsi. La società, d'altro canto, ha fatto sapere di aver fornito ai magistrati «tutti gli elementi per dimostrare l'infondatezza delle richieste».
Commenti (1) >> feed
ABBIAMO RAGIONE NOI!!!
scritto da paolino, febbraio 04, 2007


Meno male che secondo un vostro esponenente di spicco noi favorevoli a fermare l'emergenza rifiuti col termovalorizzatore siamo degli ignorantoni incapaci di leggere, informarci e ragionare. Ma avete letto l'articolo? Toglietelo subito, non è settario come le norme del sito prevedono:
..........In particolare la Impregilo avrebbe realizzato impianti non a norma, dove la spazzatura invece di essere stoccata per poi poter esser termodistrutta o trasformarsi in energia viene semplicemente «impacchettata». Ecco spiegate le ragioni dell'estrema difficoltà - nei periodi di collasso della raccolta - a trovare siti fuori regione o all'estero disposti ad accogliere le ecoballe.. SALUTONI
smilies/grin.gif smilies/shocked.gif smilies/wink.gif

Scrivi commento

Si deve essere connessi al sito per poter inserire un commento. Registratevi se non avete ancora un account.


busy
Ultimo aggiornamento ( domenica 04 febbraio 2007 )
 
< Prec.   Pros. >
Questo sito è lo strumento di comunicazione del Coordinamento dei Comitati della Piana FI PO PT. Talvolta ospita altri soggetti con comunicazioni condivise.Esso non rappresenta una testata giornalistica, in quanto non viene aggiornato con cadenza periodica, né è da considerarsi un mezzo d'informazione o un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001. Il materiale inserito in questo sito proviene da Internet oppure da atti diffusi da altri mezzi di comunicazione oppure prodotti dalle varie realtà componenti il Coordinamento e destinati a essere divulgati, quindi di dominio pubblico e utilizzati senza alcun fine di lucro. Qualora inconsapevolmente il materiale pubblicato vìoli i diritti d´autore, vogliate comunicarlo per una pronta rimozione. I commenti ai post non sono moderati, le/gli autori/trici devono essere registrati per inserire commenti quindi sono rintracciabili anche sotto nikname; si invita alla moderazione e al rispetto.

© 2021 NoInceneritori.org
Joomla! un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.