Home arrow Notizie arrow Notizie arrow I puntini sulle iiiii.....
Annunci

 

Il sito ha qualche problema, ci scusiamo per i disagi causati ai lettori, speriamo di risolvere presto!

GRAZIE PER LA PAZIENZA!

 

Benvenuti !
Sul nostro sito Internet

 

Il Coordinamento dei Comitati della Piana dedica questo sito a beneficio di tutti i cittadini interessati.

Email: 
Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo
 
Questo sito è lo strumento di comunicazione del Coordinamento dei Comitati della Piana FI PO PT.
Talvolta ospita altri soggetti con comunicazioni condivise.
Esso non rappresenta una testata giornalistica, in quanto non viene aggiornato con cadenza periodica, né è da considerarsi un mezzo d'informazione o un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.
Il materiale inserito in questo sito proviene da Internet oppure da atti diffusi da altri mezzi di comunicazione oppure prodotti dalle varie realtà componenti il Coordinamento e destinati a essere divulgati, quindi di dominio pubblico e utilizzati senza alcun fine di lucro.
Qualora inconsapevolmente il materiale pubblicato vìoli i diritti d'autore, vogliate comunicarlo per una pronta rimozione. I commenti ai post non sono moderati, le/gli autori/trici devono essere registrati per inserire commenti quindi sono rintracciabili anche sotto nikname; si invita alla moderazione e al rispetto.
 
Menu principale
Home
FAQ
Notizie
Documenti
Le alternative
Cerca
Forum
Galleria foto
Contattaci
Web link
Archivio
Articoli correlati
Dal 9 Agosto 2006
Visitatori: 187322370
Calendario Eventi
Marzo 2021
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31 1 2 3 4
Ultimi Eventi
No Latest Events
Galleria fotografica
Archivio
Newsletter

Ricevi via email le nostre notizie

Image


Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter settimanale







I puntini sulle iiiii..... PDF Stampa E-mail
Scritto da msirca   
domenica 14 gennaio 2007

 "Gli inceneritori inceneriti"

Il Dottor  Michelangiolo Bolognini segnale e commenta: 

“Faccio notare a tutte-i la pericolosa disinformazione del testo in quanto:

- da per scontato che la finanziaria 2007 abbia abolito gli incentivi alla "termovalorizzazione" dei rifiuti e questo non è vero, sono mantenuti quelli esistenti e anche per il futuro si daranno contributi all' incenerimento della frazione organica dei rifiuti

- afferma che il motivo del contendere nella modifica del comma della finanziaria fatta da una "manina"  è l'abrogazione dei contributi  anche agli impianti già autorizzati (magari!), quanto invece la ragione del contendere è quella di bloccare, e solo in parte, i nuovi contributi, a partire da una certa data o da un' altra, mantenendo inoltre la possibilità di derogare la nuova norma per singoli impianti già autorizzati.

Probabilmente l'Autore, che è persona "amica", ha voluto essere il più chiaro possibile e semplificare l'argomento.

Quando la semplificazione è però eccessiva il messaggio che scaturisce dal contenuto rischia di diventare controproducente, in questo caso: "non preoccupatevi va tutto bene, almeno da ora in poi", quando dovrebbe essere " continuiamo a preoccuparci, ed ad agire, visto che le cose continuano ad andare male"

Gli inceneritori non sono stati inceneriti anzi....

Salute”

 

il manifesto
04 Gennaio 2007

cantieri sociali
Gli inceneritori inceneriti
Pierluigi Sullo
Una «commedia dell'arte», la definiscono Beppe Grillo e Maurizio Pallante in un articolo che Carta pubblicherà nel numero in uscita il 13 gennaio. E però c'è poco da ridere. Il sindaco di Torino, Chiamparino, e il giornale di Caltagirone, il Messaggero di Roma, e ancora il capogruppo della Margherita alla Regione Lazio, Mario Di Carlo, hanno in coro in questi giorni gridato forte il loro «ahi, che male». Con aggiunta di minacce: dovremo aumentare la tassa sui rifiuti, le discariche traboccheranno... Cos'è successo? Una rivoluzione, si direbbe, o un colpo di stato. All'ultimo minuto, grazie a Rifondazione e Verdi (e ai tanti movimenti cittadini), le «fonti rinnovabili assimilate» sono ridiventate anche formalmente quel che sono, ossia fonti non rinnovabili, robaccia assortita che comprende rifiuti, scarti del petrolio, ecc. E dunque gli inceneritori (graziosamente ribattezzati «termovalorizzatori») hanno perso i finanziamenti di stato grazie ai quali erano diventati «economici», ossia buoni affari per chi li costruisce e li gestisce. Tra il 1991 e il 2003 tutti noi abbiamo versato, direttamente dalla bolletta dell'energia, la colossale cifra di 30 miliardi di euro, che hanno appunto reso conveniente gli inceneritori, ostacolato la raccolta differenziata (perché se un impianto va a rifiuti, bisogna produrne di più) e avvelenato i polmoni di tutti noi. La norma che stabiliva questo finanziamento si chiama Cip6, ed è talmente scandalosa che l'Unione europea ha più volte intimato al governo italiano di smetterla. Così si è arrivati alla finanziaria di quest'anno e si è finalmente deciso di abolire i Cip6. Senonché le lobby si sono messe in azione e, come nel caso dei 13 miliardi buttati nella voragine della Tav o delle norme sulla prescrizione dei reati contabili, una manina era riuscita a stabilire che sì, i finanziamenti agli inceneritori vanno aboliti, ma non anche a quelli già autorizzati. E siccome in giro per il paese i fan dello sviluppo sporco e gli amici e parenti degli industriali dei rifiuti sono molti, si rischiava di finanziare decine di inceneritori, come quelli in progetto in provincia di Torino, quelli di Firenze, quello in costruzione a Malagrotta e annunciati in tutto il Lazio dal presidente Marrazzo, i sei o sette in progetto in Emilia, e così via. Ma questo ennesimo imbroglio non è riuscito, e i denari per le fonti rinnovabili andranno - rivoluzione o colpo di stato, dipende dai gusti - alle fonti rinnovabili.

Questa vicenda è estremamente istruttiva. Ad esempio ci si potrebbe domandare quanto effettivamente rendano le «materie seconde» ricavate dal riciclaggio e che, nelle nostre bollette di rifiuti, non compaiono mai; o perché il centrosinistra romano-laziale, che oggi grida all'esaurimento della super-discarica di Malagrotta, sia riuscito a stabilire il record negativo della raccolta differenziata nella città di Roma (13%). Ma, soprattutto, dalla scomparsa dei Cip6 si potrebbe ricavare, volendo, una buona lezione su quel che si intende per «sviluppo». Perché l'Italia è così malmessa nella ricerca e produzione di energie rinnovabili? Perché non si fa una politica seria sul «risparmio» di rifiuti, anzitutto, e sul riuso di quel che viene riciclato (è dimostrato che si può arrivare oltre al 40%)? La ragione è probabilmente che, quando i diessini o i «margheriti» dicono «sviluppo» intendono sovvenzioni alle imprese, qualunque cosa producano, purché il Prodotto interno lordo aumenti di qualche decimale, gli industriali facciano soldi e magari assumano un po' di precari.

Commenti (0) >> feed
Scrivi commento

Si deve essere connessi al sito per poter inserire un commento. Registratevi se non avete ancora un account.


busy
Ultimo aggiornamento ( domenica 14 gennaio 2007 )
 
< Prec.   Pros. >
Questo sito è lo strumento di comunicazione del Coordinamento dei Comitati della Piana FI PO PT. Talvolta ospita altri soggetti con comunicazioni condivise.Esso non rappresenta una testata giornalistica, in quanto non viene aggiornato con cadenza periodica, né è da considerarsi un mezzo d'informazione o un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001. Il materiale inserito in questo sito proviene da Internet oppure da atti diffusi da altri mezzi di comunicazione oppure prodotti dalle varie realtà componenti il Coordinamento e destinati a essere divulgati, quindi di dominio pubblico e utilizzati senza alcun fine di lucro. Qualora inconsapevolmente il materiale pubblicato vìoli i diritti d´autore, vogliate comunicarlo per una pronta rimozione. I commenti ai post non sono moderati, le/gli autori/trici devono essere registrati per inserire commenti quindi sono rintracciabili anche sotto nikname; si invita alla moderazione e al rispetto.

© 2021 NoInceneritori.org
Joomla! un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.