Home arrow Fare sul serio.... arrow Dal mondo arrow ANSA: USA; Lobby energia nasconde effetto serra
Annunci

 https://www.lagazzettadilucca.it/cultura/ercolini-ospite-del-pianeta-terra-festival

Ercolini ospite del "Pianeta Terra Festival"

 

 

Sabato 8 ottobre alle ore 19 presso la sala sala convegni di Confindustria toscana nord sita a Lucca in piazza Bernardini, 41 Rossano Ercolini, goldman environmental prize 2013, sarà ospite del Pianeta Terra festival, che vede studiosi nazionali e internazionali confrontarsi per costruire una visione nuova per il futuro del nostro Pianeta.

All’evento, dal titolo “Dall’ego-logia all’eco-logia: quando i cittadini possono fare la differenza”, sarà presente con Ercolini anche Samir de Chadarevian, advisor, storyteller ed editorialista.

Entrambi dialogheranno con Irene Ivoi sull’importanza di ripensare ad un modello economico, antropologico e culturale del tutto ego-logico e inadeguato a risolvere le grandi sfide dei nostri tempi.

Dall’ego-logia all’eco-logia, un gioco di parole che fa appello ad una sfida:  il passaggio dal “modello lineare” (estrazione, produzione, consumo, smaltimento) centrato sullo sfruttamento sconsiderato della natura al “modello circolare” basato sul rispetto dei tempi e dei modi della rigenerazione ambientale.

L’ingresso all’incontro è gratuito fino ad esaurimento posti.

 

 

Il sito ha qualche problema, ci scusiamo per i disagi causati ai lettori, speriamo di risolvere presto!

 

Nel frattempo potrete essere agevolati se lo visitate con il Browser Mozilla Firefox

  GRAZIE PER LA PAZIENZA!
 

Benvenuti !
Sul nostro sito Internet

 

Il Coordinamento dei Comitati della Piana dedica questo sito a beneficio di tutti i cittadini interessati.

 
 
Questo sito è lo strumento di comunicazione del Coordinamento dei Comitati della Piana FI PO PT.
Talvolta ospita altri soggetti con comunicazioni condivise.
Esso non rappresenta una testata giornalistica, in quanto non viene aggiornato con cadenza periodica, né è da considerarsi un mezzo d'informazione o un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.
Il materiale inserito in questo sito proviene da Internet oppure da atti diffusi da altri mezzi di comunicazione oppure prodotti dalle varie realtà componenti il Coordinamento e destinati a essere divulgati, quindi di dominio pubblico e utilizzati senza alcun fine di lucro.
Qualora inconsapevolmente il materiale pubblicato vìoli i diritti d'autore, vogliate comunicarlo per una pronta rimozione. I commenti ai post non sono moderati, le/gli autori/trici devono essere registrati per inserire commenti quindi sono rintracciabili anche sotto nikname; si invita alla moderazione e al rispetto.
 
Menu principale
Home
FAQ
Fare sul serio....
Documenti
Le alternative
Cerca
Forum
Galleria foto
Contattaci
Web link
Archivio
Articoli correlati
Dal 9 Agosto 2006
Visitatori: 296815572
Calendario Eventi
Dicembre 2022
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
2829301 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31 1
Ultimi Eventi
No Latest Events
Galleria fotografica
Archivio
Newsletter

Ricevi via email le nostre notizie

Image


Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter settimanale







ANSA: USA; Lobby energia nasconde effetto serra PDF Stampa E-mail
Scritto da Luca   
sabato 06 gennaio 2007

Fonte: ANSA 04/01/2007 17:52

 (di Alessandra Baldini) (ANSA) - NEW YORK, 4 GEN - Big Oil come Big Tobacco. Mentre in Congresso la nuova maggioranza democratica si prepara a lanciare una nuova agenda verde per salvare il pianeta dal global warming, la lobby dell'energia ha preso a prestito le strategie dall'industria delle sigarette per nascondere agli americani il ruolo dell'uomo nell'effetto serra. Secondo un nuovo rapporto della Union of Concerned Scientist, il gigante dell'energia Exxon Mobil ha preso a prestito le tattiche dell'industria del tabacco popolarizzate nel film del 2005 Thank You for Smoking per creare confusione nell'opinione pubblica sulle cause dell'effetto serra. Exxon Mobil ''ha creato ad arte incertezza sulle cause umane dell'effetto serra con le stesse tattiche usate dall'industria del tabacco per negare che i loro prodotti causano il cancro ai polmoni'', ha detto Alden Meyer, uno degli autori del rapporto. Alla Exxon Mobil e' bastato un investimento relativamente modesto, 16 milioni di dollari, per ottenere un risultato a vasto raggio, si afferma nel dossier. 16 MILIONI DLR CREANO FINTO DIBATTITO...

La societa' energetica e' riuscita nel suo intento utilizzando i metodi usati per decenni dalla lobby delle sigarette, tra cui l'insinuazione di dubbi su dati scientifici incontrovertibili e il finanziamento di varie organizzazioni di facciata (43 tra 1998 e 2005) per creare l'impressione di un fronte variegato di dubbi sulle cause umane del riscaldamento del pianeta. La polemica americana riecheggia accuse lanciate l'autunno scorso in Gran Bretagna quando la Royal Society ha scritto alla societa' petrolifera chiedendole di interrompere il suo appoggio a gruppi che ''rappresentano falsamente la scienza del clima''. La Exxon Mobil ha reagito al rapporto definendolo ''l'ennesimo tentativo di infangare il nostro nome e inquinare le acque della discussione sul tema delle emissioni di ossido di carbonio e sull'effetto serra''. CONGRESSO, TAGLIO SGRAVI A BIG OIL - Il dossier degli scienziati Usa coincide con il vigoroso rilancio di una agenda verde in Congresso ora che i democratici hanno riacquistato la maggioranza. Secondo il piano energetico in lavorazione alla Camera la nuova leadership si accinge a prendere di mira l'industria estrattiva abolendo gli sgravi fiscali che la maggioranza repubblicana le aveva accordato nel 2004 e imponendo nuove royalties per le trivellazioni nel Golfo del Messico. Beneficerebbero di sgravi fiscali coperti dalle nuove entrate le fonti rinnovabili di energia: la svolta ambientalista, annunciata in una conferenza stampa dal nuovo leader della maggioranza alla camera Steny Hoyer, coincide in un momento in cui negli Usa perfino il grande business ha scoperto che verde e' bello. LE LAMPADINE VERDI DI WALMART - Ha scommesso da ultimo sul verde, sperando di vincere, il colosso della grande distribuzione a prezzo di sconto Wal-mart. Sugli scaffali dei suoi supermercati e' in vendita in questi giorni una lampadina ecologica che consuma molto meno elettricita' delle altre. L'obiettivo di Walmart e' di far arrivare le lampadine compatte fluorescenti in almeno cento milioni di abitazioni negli Usa. ''L'ambiente ha bisogno del modello di business di Walmart'', ha detto l'amministratore delegato H. Lee Scott che un anno fa si era proposto come paladino dell'ambiente e un nemico dell'effetto serra. BN
04/01/2007 17:52
Commenti (0) >> feed
Scrivi commento

Si deve essere connessi al sito per poter inserire un commento. Registratevi se non avete ancora un account.


busy
Ultimo aggiornamento ( domenica 07 gennaio 2007 )
 
< Prec.   Pros. >
Questo sito è lo strumento di comunicazione del Coordinamento dei Comitati della Piana FI PO PT. Talvolta ospita altri soggetti con comunicazioni condivise.Esso non rappresenta una testata giornalistica, in quanto non viene aggiornato con cadenza periodica, né è da considerarsi un mezzo d'informazione o un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001. Il materiale inserito in questo sito proviene da Internet oppure da atti diffusi da altri mezzi di comunicazione oppure prodotti dalle varie realtà componenti il Coordinamento e destinati a essere divulgati, quindi di dominio pubblico e utilizzati senza alcun fine di lucro. Qualora inconsapevolmente il materiale pubblicato vìoli i diritti d´autore, vogliate comunicarlo per una pronta rimozione. I commenti ai post non sono moderati, le/gli autori/trici devono essere registrati per inserire commenti quindi sono rintracciabili anche sotto nikname; si invita alla moderazione e al rispetto.

© 2022 NoInceneritori.org
Joomla! un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.