Home arrow Notizie arrow Dal mondo arrow Giornata Mondiale della Terra il 22 Aprile 2020
Annunci

 

Il sito ha qualche problema, ci scusiamo per i disagi causati ai lettori, speriamo di risolvere presto!

GRAZIE PER LA PAZIENZA!

 

Benvenuti !
Sul nostro sito Internet

 

Il Coordinamento dei Comitati della Piana dedica questo sito a beneficio di tutti i cittadini interessati.

Email: 
Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo
 
Questo sito è lo strumento di comunicazione del Coordinamento dei Comitati della Piana FI PO PT.
Talvolta ospita altri soggetti con comunicazioni condivise.
Esso non rappresenta una testata giornalistica, in quanto non viene aggiornato con cadenza periodica, né è da considerarsi un mezzo d'informazione o un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.
Il materiale inserito in questo sito proviene da Internet oppure da atti diffusi da altri mezzi di comunicazione oppure prodotti dalle varie realtà componenti il Coordinamento e destinati a essere divulgati, quindi di dominio pubblico e utilizzati senza alcun fine di lucro.
Qualora inconsapevolmente il materiale pubblicato vìoli i diritti d'autore, vogliate comunicarlo per una pronta rimozione. I commenti ai post non sono moderati, le/gli autori/trici devono essere registrati per inserire commenti quindi sono rintracciabili anche sotto nikname; si invita alla moderazione e al rispetto.
 
Menu principale
Home
FAQ
Notizie
Documenti
Le alternative
Cerca
Forum
Galleria foto
Contattaci
Web link
Archivio
Articoli correlati
Dal 9 Agosto 2006
Visitatori: 171597114
Calendario Eventi
Agosto 2020
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
27282930311 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31 1 2 3 4 5 6
Ultimi Eventi
No Latest Events
Galleria fotografica
Archivio
Newsletter

Ricevi via email le nostre notizie

Image


Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter settimanale







Giornata Mondiale della Terra il 22 Aprile 2020 PDF Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
sabato 18 aprile 2020

Zero Waste Italy, il centro di Ricerca Rifiuti Zero di Capannori, ed Ambiente e Futuro, celebrano il 50° anniversario della giornata Mondiale della Terra 🌍 il 22 Aprile 2020:

 

......"La crisi del corona virus (che pur da molti è segnalata come derivante dagli equilibri naturali violati dal modello lineare di sviluppo provocati dall'uomo) rischia di far dimenticare i grandi temi della TRANSIZIONE ECOLOGICA che gran parte delle opinioni pubbliche mondiali aveva ormai cominciato a comprendere. Infatti le fabbriche chiuse e il calo drastico della mobilità di massa sta facendo crollare insieme agli inquinamenti e ai consumi (fatti, certo positivi) anche le condizioni sociali di milioni di persone a partire dalle classi sociali più vulnerabili. Il rischio è che a tale disagio si tenti di rispondere da parte di Europa ed Italia rilanciando attraverso una pioggia poco controllabile di stanziamenti, un malinteso senso di sviluppo economico riesumando gli apocalittici errori del passato rivolti ancor più ad aggredire gli equilibri naturali ed a riproporre il prelievo incontrollato di "risorse" finalizzandolo alla "ripresa dei consumi" e cioè all'usa e getta (plastica ed imballaggi a go-go). QUESTO NON DEVE AVVENIRE. Zero Waste Italy CHIEDE CHE I NECESSARI STANZIAMENTI (Europei e nazionali) PER FRONTEGGIARE LA CRISI SOCIALE DEBBANO ESSERE ABBINATI A PROMUOVERE UNA ECONOMIA DI TRANSIZIONE ECOLOGICA E DI RIDUZIONE DRASTICA DEGLI SPRECHI.".....

 

Centro di Ricerca Rifiuti Zero Capannori - www.rifiutizerocapannori.it

9 aprile alle ore 16:59 ·

Zero Waste Italy, il centro di Ricerca Rifiuti Zero di Capannori, ed Ambiente e Futuro, celebrano il 50° anniversario della giornata Mondiale della Terra 🌍 il 22 Aprile 2020:
📨lettera-appello al Presidente del Parlamento Europeo David Sassoli e al Presidente del Consiglio Giuseppe Conte
Segnalateci le vs adesioni (anche con foto) agli obiettivi della campagna ZW o RZ. Le raccoglieremo tutte in un report che verrà pubblicato sui nostri social.

"La crisi del corona virus (che pur da molti è segnalata come derivante dagli equilibri naturali violati dal modello lineare di sviluppo provocati dall'uomo) rischia di far dimenticare i grandi temi della TRANSIZIONE ECOLOGICA che gran parte delle opinioni pubbliche mondiali aveva ormai cominciato a comprendere. Infatti le fabbriche chiuse e il calo drastico della mobilità di massa sta facendo crollare insieme agli inquinamenti e ai consumi (fatti, certo positivi) anche le condizioni sociali di milioni di persone a partire dalle classi sociali più vulnerabili. Il rischio è che a tale disagio si tenti di rispondere da parte di Europa ed Italia rilanciando attraverso una pioggia poco controllabile di stanziamenti, un malinteso senso di sviluppo economico riesumando gli apocalittici errori del passato rivolti ancor più ad aggredire gli equilibri naturali ed a riproporre il prelievo incontrollato di "risorse" finalizzandolo alla "ripresa dei consumi" e cioè all'usa e getta (plastica ed imballaggi a go-go). QUESTO NON DEVE AVVENIRE. Zero Waste Italy CHIEDE CHE I NECESSARI STANZIAMENTI (Europei e nazionali) PER FRONTEGGIARE LA CRISI SOCIALE DEBBANO ESSERE ABBINATI A PROMUOVERE UNA ECONOMIA DI TRANSIZIONE ECOLOGICA E DI RIDUZIONE DRASTICA DEGLI SPRECHI.
In termini concreti ciò significa che nessun stanziamento deve andare a produzioni inquinanti e che gli stanziamenti, certo auspicabili, debbano rispondere a rigidi criteri di riduzione dei rifiuti, a partire da quelli plastici e dei livelli di inquinamento. Infatti, fermo restando la necessità di studi scientifici chiarificatori (ma anche indipendenti) in materia, appare intuitivo dai dati circa la mortalità da corona virus evidenziati in Lombardia e in Valle padana che tali zone già tristemente famose per un inquinamento industriale (ma anche da uso di pesticidi) e per la presenza di particolato fine abbiano risentito quale fattore aggravante dei livelli di stress sanitari a cui nel corso degli anni è stato sottoposto lo stato di salute della popolazione. Mentre dai dati internazionali che, ripetiamo, necessitano di ulteriori approfondimenti, rilevano un livello di mortalità per corona virus pari circa al 3% in suddette aree e segnatamente in Lombardia, la percentuale di mortalità (non stiamo parlando di contagi) supera abbondantemente il 10%!
Ecco perchè dalla crisi corona virus DOBBIAMO ANCOR PIU' USCIRNE BONIFICANDO I TERRITORI, AZZERANDO GLI SPRECHI E LE PRODUZIONI SPORCHE, AVVIANDO UNA TRANSIZIONE ECOLOGICA CHE COMPORTI UN'ACCELERAZIONE Di MODELLI ECONOMICI BASATI SULLA CIRCOLARITA' TIPICA DEI PROCESSI NATURALI.
Al di fuori di questo approccio IL RIMEDIO SAREBBE PEGGIORE DEL MALE! Non si strumentalizzi il disagio sociale per per contrapporlo ancora una volta alla qualità ambientale.
FACCIAMO APPELLO AL PARLAMENTO EUROPEO E AL GOVERNO AFFINCHE' POSSANO ASSUMERE IN MODO COERENTE QUESTI "DRIVERS" CHE PURE ALMENO A PAROLE ERANO GIA' STATI TRACCIATI PRIMA DELLA CRISI.
Nello specifico Italiano si tenga sempre più conto di favorire il graduale azzeramento del ricorso alla plastica a partire dagli imballaggi usa e getta puntando sulla incentivazione di materiali riciclabili e/o meglio ancora su prodotti riparabili-riusabili.
NON CI PUO' ESSERE UN "CURA ITALIA" SENZA PRENDERCI CURA DEL NOSTRO PIANETA. NON CI PUO' ESSERE UN'USCITA DALLA CRISI SENZA NUOVE POLITICHE AMBIENTALI SU SCALA PLANETARIA.

Ecco perchè, quest'anno più che mai abbiamo deciso di aderire alla GIORNATA INTERNAZIONALE DELLA TERRA CHE CERIMONIA I SUOI 50 ANNI.

👉Come aderire?
Si può aderire sia livello individuale (non acquistando plastica), promuovendo il compostaggio familiare 🌀, riducendo gli sprechi (anche inviandoci immagini e video significativi in merito) oppure brevi storie vissute in famiglia.
Ai bambini
️🎨🖍chiediamo di inviarci un loro disegno sulla giornata mondiale della terra;
a livello associativo unendovi con brevi video a questo appello.🎥

️infine una raccomandazione: siccome il consumo di mascherine usa e getta (chirurgiche o meno) sta divenendo "virale" vi chiediamo di orientarvi su mascherine riusabili mentre anche attraverso il Centro Ricerca RZ di Capannori, stiamo collaborando a diffondere l'uso di mascherine riciclabili nella carta. Non è questo un problema da poco, visto che nei prossimi mesi, si prevede, che la criisi, dovendo convivere con il virus richiederà miliardi di questi dispositivi"

 

Centro di Ricerca Rifiuti Zero Capannori - www.rifiutizerocapannori.it

 

Commenti (0) >> feed
Scrivi commento

Si deve essere connessi al sito per poter inserire un commento. Registratevi se non avete ancora un account.


busy
 
< Prec.   Pros. >
Questo sito è lo strumento di comunicazione del Coordinamento dei Comitati della Piana FI PO PT. Talvolta ospita altri soggetti con comunicazioni condivise.Esso non rappresenta una testata giornalistica, in quanto non viene aggiornato con cadenza periodica, né è da considerarsi un mezzo d'informazione o un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001. Il materiale inserito in questo sito proviene da Internet oppure da atti diffusi da altri mezzi di comunicazione oppure prodotti dalle varie realtà componenti il Coordinamento e destinati a essere divulgati, quindi di dominio pubblico e utilizzati senza alcun fine di lucro. Qualora inconsapevolmente il materiale pubblicato vìoli i diritti d´autore, vogliate comunicarlo per una pronta rimozione. I commenti ai post non sono moderati, le/gli autori/trici devono essere registrati per inserire commenti quindi sono rintracciabili anche sotto nikname; si invita alla moderazione e al rispetto.

© 2020 NoInceneritori.org
Joomla! un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.