Home arrow Notizie arrow Notizie arrow Appello di Medicina Democratica: Coronavirus, oltre l’emergenza..
Annunci

 

Il sito ha qualche problema, ci scusiamo per i disagi causati ai lettori, speriamo di risolvere presto!

GRAZIE PER LA PAZIENZA!

 

Benvenuti !
Sul nostro sito Internet

 

Il Coordinamento dei Comitati della Piana dedica questo sito a beneficio di tutti i cittadini interessati.

Email: 
Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo
 
Questo sito è lo strumento di comunicazione del Coordinamento dei Comitati della Piana FI PO PT.
Talvolta ospita altri soggetti con comunicazioni condivise.
Esso non rappresenta una testata giornalistica, in quanto non viene aggiornato con cadenza periodica, né è da considerarsi un mezzo d'informazione o un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.
Il materiale inserito in questo sito proviene da Internet oppure da atti diffusi da altri mezzi di comunicazione oppure prodotti dalle varie realtà componenti il Coordinamento e destinati a essere divulgati, quindi di dominio pubblico e utilizzati senza alcun fine di lucro.
Qualora inconsapevolmente il materiale pubblicato vìoli i diritti d'autore, vogliate comunicarlo per una pronta rimozione. I commenti ai post non sono moderati, le/gli autori/trici devono essere registrati per inserire commenti quindi sono rintracciabili anche sotto nikname; si invita alla moderazione e al rispetto.
 
Menu principale
Home
FAQ
Notizie
Documenti
Le alternative
Cerca
Forum
Galleria foto
Contattaci
Web link
Archivio
Articoli correlati
Dal 9 Agosto 2006
Visitatori: 167614637
Calendario Eventi
Giugno 2020
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 1 2 3 4 5
Ultimi Eventi
No Latest Events
Galleria fotografica
Archivio
Newsletter

Ricevi via email le nostre notizie

Image


Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter settimanale







Appello di Medicina Democratica: Coronavirus, oltre l’emergenza.. PDF Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
venerdì 17 aprile 2020

 

https://www.medicinademocratica.org/wp/?p=9467&fbclid=IwAR0miN1vOTDMuinLNsjMFv645KA5dKq8ck6cPFZgr13D6pT8QZoFkIfkr08

Milano, 21 Marzo 2020

COMUNICATO STAMPA
Appello di Medicina Democratica: Coronavirus, oltre l’emergenza, necessaria una svolta decisiva nella gestione della salute e della sanità pubblica in Italia: senza partecipazione non c’è prevenzione e senza prevenzione non c’è salute

” Esprimiamo il nostro più profondo cordoglio e vicinanza ai familiari dei medici, 17 purtroppo ad oggi, deceduti per l’epidemia del coronavirus Covid-19 -ha dichiarato Marco Caldiroli, presidente Nazionale di Medicina Democratica- si tratta di vittime del lavoro, una vera e propria strage di persone impegnate, oltre ogni limite, contro un temibile nemico, senza le necessarie misure di protezione, così come accade purtroppo in tanti, troppi, luoghi di lavoro......

 

MEDICINA DEMOCRATICA E L’EMERGENZA COVID-19

Milano, 21 Marzo 2020

COMUNICATO STAMPA
Appello di Medicina Democratica: Coronavirus, oltre l’emergenza, necessaria una svolta decisiva nella gestione della salute e della sanità pubblica in Italia: senza partecipazione non c’è prevenzione e senza prevenzione non c’è salute

” Esprimiamo il nostro più profondo cordoglio e vicinanza ai familiari dei medici, 17 purtroppo ad oggi, deceduti per l’epidemia del coronavirus Covid-19 -ha dichiarato Marco Caldiroli, presidente Nazionale di Medicina Democratica- si tratta di vittime del lavoro, una vera e propria strage di persone impegnate, oltre ogni limite, contro un temibile nemico, senza le necessarie misure di protezione, così come accade purtroppo in tanti, troppi, luoghi di lavoro. Una strage a cui occorre porre argine con ogni mezzo: l’8,3% dei 47.021 contagi complessivi, è costituito da operatori sanitari, fra cui anche nostri associati. A loro va la nostra solidarietà e la nostra più profonda riconoscenza per quanto hanno fatto: ciò che è accaduto, certo, è’ stato un evento imprevisto, ma non imprevedibile!”

Per questo, Medicina Democratica, da oltre 40 anni impegnata nella difesa della salute dei lavoratori e dell’ambiente, lancia un forte appello e una mobilitazione affinché questa immane tragedia sia l’occasione per imprimere una svolta decisiva nella gestione della salute in Italia: “L’epidemia di coronavirus ha di fatto “slatentizzato” le carenze del sistema sanitario pubblico, da tempo da noi denunciate – ha aggiunto Marco Caldiroli- dovute alla politica bipartisan, applicata da decenni, di definanziamento e tagli al SSN, le cui conseguenze ora tocchiamo tragicamente con mano”.

Fra il 2010 e il 2019 il SSN “ha perso” 45.000 posti letto e 43.386 dipendenti, di cui 7.625 i medici e 12.556 infermieri: questo è i risultato del definanziamento del SSN cumulato in questo decennio, pari a 37 miliardi di euro. Carenze e inadeguatezze strutturali, chiusura di reparti e/o ospedali pubblici, gravi carenze strumentali, completano il quadro. Si tratta di dati spaventosi, elaborati da Medicina Democratica su dati Fondazione GIMBE e Istituto di Ricerca NEBO.
“Siamo consapevoli di tutto ciò – ha aggiunto Marco Caldiroli- e per questo siamo infinitamente grati a quanti, negli ospedali e nelle strutture pubbliche si stanno adoperando per salvare vite umane, oltre ogni limite, nonostante le gravi carenze e inadeguatezze”.
Occorre, quindi, necessariamente invertire la rotta intrapresa, in particolare, con le diverse forme di “sanità integrativa”, incluso il cosiddetto “welfare aziendale” e la cosiddetta “autonomia regionale differenziata”.

“Medicina Democratica – ha sottolineato Caldiroli- ritiene, infatti, indispensabile, salvaguardare un Servizio Sanitario Nazionale, fondato sull’art. 32 della Costituzione e sui principi ed obiettivi universalistici, stabiliti dalla Legge istitutiva, la 833/1978. E’ necessario far sì che ogni spesa in campo sanitario diventi un vero investimento sulla salute collettiva, recuperando le risorse a partire dalla riduzione delle spese militari” : occorre dotare il SSN di un finanziamento adeguato, a livello almeno dei Paesi più avanzati dell’OCSE, con l’obiettivo di adeguare la dotazione di personale e portare il numero di posti letto dagli attuali 3 per mille abitanti ( es. Lombardia) a 8 per 1.000, garantendo nel contempo una modulazione congrua dei posti letto in terapia intensiva”.
Medicina Democratica ritiene inoltre che si debba agire su questi punti chiave: eliminare le forme di prestazioni “intramoenia” nel servizio pubblico; potenziare il ruolo dei medici di base; realizzare una rete di presidi, ospedalieri e sul territorio, in grado di rispondere alle variazioni della domanda; decentrare la “governance” del sistema ponendola fuori da logiche accentratrici e burocratiche anche a livello regionale, in cui pochi decidono su tutto; la definizione degli obiettivi deve vedere la partecipazione delle comunità locali e le rappresentanze popolari; l’attuazione del diritto alla salute deve essere olistico, ove la persona è intesa nella sua interezza, a partire dalle condizioni di lavoro, di vita e ambientali per “ricostruire” le dinamiche della malattia, prevenirla e curarla nel modo giusto.
Questi obiettivi implicano un’ampia iniziativa di lotta per l’eliminazione degli infortuni sul lavoro e delle malattie professionali, come pure per la bonifica dei territori e degli ambienti di lavoro, per garantire condizioni di salubrità di vita per tutti, riorganizzando i servizi territoriali di prevenzione, anch’essi a ranghi sempre più ridotti e con funzioni sempre più formali. Un’altra iniziativa in tal senso sono le “case della salute”, secondo le migliori esperienze nazionali ed europee, realizzate a partire dalle proposte (1972) formulate dal Prof. Giulio A. Maccacaro, tra i fondatori di Medicina Democratica, già direttore dell’Istituto di Biometria e Statistica Medica Università Statale di Milano .
Bisogna essere consapevoli che l’emergenza COVID-19 è è correlata alla drammatica crisi ambientale, conseguente un modello economico capitalistico, fondato sul prelievo illimitato di risorse dal Pianeta, il loro spreco e la produzione sempre maggiore di rifiuti. “Niente- ha sottolineato Caldiroli- dovrà più esser come negli ultimi decenni, caratterizzati da politiche volte alla privatizzazione della sanità, con la conseguente contrazione del diritto alla salute! ”

Commenti (0) >> feed
Scrivi commento

Si deve essere connessi al sito per poter inserire un commento. Registratevi se non avete ancora un account.


busy
 
Pros. >
Questo sito è lo strumento di comunicazione del Coordinamento dei Comitati della Piana FI PO PT. Talvolta ospita altri soggetti con comunicazioni condivise.Esso non rappresenta una testata giornalistica, in quanto non viene aggiornato con cadenza periodica, né è da considerarsi un mezzo d'informazione o un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001. Il materiale inserito in questo sito proviene da Internet oppure da atti diffusi da altri mezzi di comunicazione oppure prodotti dalle varie realtà componenti il Coordinamento e destinati a essere divulgati, quindi di dominio pubblico e utilizzati senza alcun fine di lucro. Qualora inconsapevolmente il materiale pubblicato vìoli i diritti d´autore, vogliate comunicarlo per una pronta rimozione. I commenti ai post non sono moderati, le/gli autori/trici devono essere registrati per inserire commenti quindi sono rintracciabili anche sotto nikname; si invita alla moderazione e al rispetto.

© 2020 NoInceneritori.org
Joomla! un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.