Home arrow Notizie arrow Dal coordinamento dei comitati arrow Molte le correlazioni tra inquinamento e Covid-19
Annunci

 

Il sito ha qualche problema, ci scusiamo per i disagi causati ai lettori, speriamo di risolvere presto!

GRAZIE PER LA PAZIENZA!

 

Benvenuti !
Sul nostro sito Internet

 

Il Coordinamento dei Comitati della Piana dedica questo sito a beneficio di tutti i cittadini interessati.

Email: 
Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo
 
Questo sito è lo strumento di comunicazione del Coordinamento dei Comitati della Piana FI PO PT.
Talvolta ospita altri soggetti con comunicazioni condivise.
Esso non rappresenta una testata giornalistica, in quanto non viene aggiornato con cadenza periodica, né è da considerarsi un mezzo d'informazione o un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.
Il materiale inserito in questo sito proviene da Internet oppure da atti diffusi da altri mezzi di comunicazione oppure prodotti dalle varie realtà componenti il Coordinamento e destinati a essere divulgati, quindi di dominio pubblico e utilizzati senza alcun fine di lucro.
Qualora inconsapevolmente il materiale pubblicato vìoli i diritti d'autore, vogliate comunicarlo per una pronta rimozione. I commenti ai post non sono moderati, le/gli autori/trici devono essere registrati per inserire commenti quindi sono rintracciabili anche sotto nikname; si invita alla moderazione e al rispetto.
 
Menu principale
Home
FAQ
Notizie
Documenti
Le alternative
Cerca
Forum
Galleria foto
Contattaci
Web link
Archivio
Articoli correlati
Dal 9 Agosto 2006
Visitatori: 167874332
Calendario Eventi
Giugno 2020
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 1 2 3 4 5
Ultimi Eventi
No Latest Events
Galleria fotografica
Archivio
Newsletter

Ricevi via email le nostre notizie

Image


Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter settimanale







Molte le correlazioni tra inquinamento e Covid-19 PDF Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
domenica 29 marzo 2020
annotazione_2020-03-29_193356

https://www.toscanachiantiambiente.it/gli-esperti-molte-le-correlazioni-tra-inquinamento-e-covid-19/?fbclid=IwAR08c8mUsQHL5Eun54ctbT-KyilFmx_jftiVyiPHhMjJEANfG18XhreLcpA

 

In una videoconferenza Ugo Bardi, Simona Re e Gianluca Garetti concordi sulle possibili correlazioni tra inquinamento atmosferico, crisi ambientale e sviluppo del virus.

 

 

 .......“Quando la crescita raggiunge i suoi limiti – prosegue Bardi – il sistema decresce e crolla a forza di shock. Possiamo parlare di shock finanziario nel 2008, di shock epidemico in questa fase, insomma il sistema è molto fragile. L’impatto sarà durissimo, si parla della fine del turismo per diversi anni ma non siamo sicuri che questo sarà lo shock finale. Non è comunque casuale che il virus abbia colpito le regioni più inquinate del mondo”......

di Marcello Bartoli

Questa mattina (venerdi 20 marzo 2020 ndr) si è svolta una videoconferenza online, organizzata da Fridays For Future Firenze, dove alcuni esperti e scienziati hanno discusso delle possibili correlazioni tra Covid-19 e i cambiamenti climatici in corso.

“Nessuno sembrava poter prevedere l’epidemia ma esiste una letteratura scientifica che negli anni passati aveva previsto l’arrivo di un virus – esordisce Ugo Bardi, docente di Chimica e Fisica presso l’Università di Firenze -. La crisi climatica si svolge su una scala di anni, era prevedibile? Sì. Sulla base dei dati fisici emersi da questa letteratura si raggiunge un picco della civiltà , del PIL e della prosperità ma a un certo punto tutto inizia a cadere, la cosiddetta “Caduta di Seneca”. La caduta è rapida, l’inquinamento genera il collasso del sistema economico, incapace di proseguire nel suo percorso”.

“Quando la crescita raggiunge i suoi limiti – prosegue Bardi – il sistema decresce e crolla a forza di shock. Possiamo parlare di shock finanziario nel 2008, di shock epidemico in questa fase, insomma il sistema è molto fragile. L’impatto sarà durissimo, si parla della fine del turismo per diversi anni ma non siamo sicuri che questo sarà lo shock finale. Non è comunque casuale che il virus abbia colpito le regioni più inquinate del mondo”.

“L’inquinamento ambientale è generato da un mix di inquinanti – sottolinea Gianluca Garetti, vicepresidente di Medicina Democratica e membro di ISDE Medici per l’Ambiente – viviamo in un’era che potremmo chiamare  “Mixocene”, caratterizzata da un mix di inquinanti che vivono fuori e dentro di noi. Dagli studi scientifici sembra esistere una correlazione tra l’inquinamento e il virus. Già nel 2002 emerse una correlazione tra Sars e zone inquinate in Cina. I cinesi avevano già verificato, tra l’altro, la correlazione tra diffusione del morbillo e inquinamento”.

“C’è una correlazione tra particolato atmosferico e virus – conclude Garetti – in sostanza ai picchi di contagio corrispondono dei picchi di inquinamento. Il particolato, ad esempio, è un vettore che favorisce la diffusione del virus. Sembra essersi comunque verificato un salto di specie dalla fauna selvatica all’uomo che ha prima deforestato e poi ridotto gli habitat animali cibandosi in modo improprio e poco salutare, portando il sistema al collasso”.

“Gli inquinanti atmosferici e il particolato atmosferico favoriscono la diffusione del virus – sostiene anche Simona Re, biologa e divulgatrice scientifica – e infatti il virus non si sta diffondendo nel deserto ma in aree ad alta densità di popolazione. Il virus ha il solo scopo di replicarsi ma non è una forma di vita vera e propria. Nei sistemi naturali quando impattiamo gli equilibri naturali invitiamo i virus a mutare con conseguenze pericolose”.

Dobbiamo produrre meno Co2 – continua la Re – e gli accordi ci sono. In Italia c’è un decreto Clima del 2019. Per adattarci ai cambiamenti in corso c’è un Piano Nazionale di Adattamento ai Cambiamenti Climatici, frutto di un lavoro di 3 anni ma bloccato dal 2017. Il progetto Master Adapt ha lavorato invece sulle linee guida di adattamento per le regioni italiane, affinché siano adottate tutte le dovute precauzioni. La partita possiamo ancora vincerla reinventando i sistemi e fermando le cause. In Italia c’è anche un Patto dei sindaci che tanti Comuni hanno firmato. E’ possibile dunque in ogni territorio formare comitati, ricordare i patti sottoscritti e cercare di dare suggerimenti razionali e praticabili alle amministrazioni, anche attraverso i social”.





Commenti (0) >> feed
Scrivi commento

Si deve essere connessi al sito per poter inserire un commento. Registratevi se non avete ancora un account.


busy
 
< Prec.   Pros. >
Questo sito è lo strumento di comunicazione del Coordinamento dei Comitati della Piana FI PO PT. Talvolta ospita altri soggetti con comunicazioni condivise.Esso non rappresenta una testata giornalistica, in quanto non viene aggiornato con cadenza periodica, né è da considerarsi un mezzo d'informazione o un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001. Il materiale inserito in questo sito proviene da Internet oppure da atti diffusi da altri mezzi di comunicazione oppure prodotti dalle varie realtà componenti il Coordinamento e destinati a essere divulgati, quindi di dominio pubblico e utilizzati senza alcun fine di lucro. Qualora inconsapevolmente il materiale pubblicato vìoli i diritti d´autore, vogliate comunicarlo per una pronta rimozione. I commenti ai post non sono moderati, le/gli autori/trici devono essere registrati per inserire commenti quindi sono rintracciabili anche sotto nikname; si invita alla moderazione e al rispetto.

© 2020 NoInceneritori.org
Joomla! un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.