Home arrow Notizie arrow Sulla Piana arrow Il contributo truffaldino di Firenze "contro il Climate change" :(
Annunci

 

Il sito ha qualche problema, ci scusiamo per i disagi causati ai lettori, speriamo di risolvere presto!

GRAZIE PER LA PAZIENZA!

 

Benvenuti !
Sul nostro sito Internet

 

Il Coordinamento dei Comitati della Piana dedica questo sito a beneficio di tutti i cittadini interessati.

Email: 
Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo
 
Questo sito è lo strumento di comunicazione del Coordinamento dei Comitati della Piana FI PO PT.
Talvolta ospita altri soggetti con comunicazioni condivise.
Esso non rappresenta una testata giornalistica, in quanto non viene aggiornato con cadenza periodica, né è da considerarsi un mezzo d'informazione o un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.
Il materiale inserito in questo sito proviene da Internet oppure da atti diffusi da altri mezzi di comunicazione oppure prodotti dalle varie realtà componenti il Coordinamento e destinati a essere divulgati, quindi di dominio pubblico e utilizzati senza alcun fine di lucro.
Qualora inconsapevolmente il materiale pubblicato vìoli i diritti d'autore, vogliate comunicarlo per una pronta rimozione. I commenti ai post non sono moderati, le/gli autori/trici devono essere registrati per inserire commenti quindi sono rintracciabili anche sotto nikname; si invita alla moderazione e al rispetto.
 
Menu principale
Home
FAQ
Notizie
Documenti
Le alternative
Cerca
Forum
Galleria foto
Contattaci
Web link
Archivio
Articoli correlati
Dal 9 Agosto 2006
Visitatori: 137149087
Calendario Eventi
Ottobre 2019
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
301 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31 1 2 3
Ultimi Eventi
No Latest Events
Galleria fotografica
Archivio
Newsletter

Ricevi via email le nostre notizie

Image


Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter settimanale







Il contributo truffaldino di Firenze "contro il Climate change" :( PDF Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
martedý 24 settembre 2019

 (da rimanere senza parole, ndr)

.... Merita la città cara al mondo, e patrimonio dell’UNESCO, di aggiungere in atmosfera CO2 a CO2, di saccheggiare la risorsa idrica, di impermeabilizzare nuovo suolo, e per giunta il sottosuolo, di movimentare milioni di metri cubi di materiali? Di subire e di agire tutto questo senza essere stata messa in grado di informarsi e di esprimersi consapevolmente?

Vediamo un po’ i numeri delle risorse da impiegare annunciate quando, a marzo del 1999, venne approvato il fallimentare progetto TAV, la più pesante ipoteca sul futuro sostenibile di Firenze (ne risulta realizzata solo una minima parte: un quarto dello scavo per la stazione, spostato nel frattempo di alcune centinaia di metri dall’ubicazione originaria):

-     oltre 1.700.000 metri cubi di inerti

-     300.000 metri cubi di sabbia

-     265.000 tonnellate di cemento

-     110.000 tonnellate di acciaio

-     372.000 tonnellate di conci prefabbricati

-     3.800.000 metri cubi di materiali di risulta da portare a discarica, e 145.000 provenienti da demolizioni;

-     consumi di acqua programmati per 30 litri/secondo a Campo di Marte, 20 litri/secondo a Rifredi, 30 litri/secondo alla Stazione: dunque 80 litri/secondo, cioè 6.912.000 litri al giorno (se su 24 ore), 4.608.000 (se su 16 ore). Contributi idrici che – leggiamo - "dovranno esser in gran parte (orientativamente per 2/3) prelevati da pozzi industriali prelevati nella falda locale".

Venti anni dopo, il sindaco di Firenze Dario Nardella dichiara che “ora non ci sono alibi per finire il sottoattraversamento TAV a Firenze”. Ma in realtà:

-     i sottoattraversamenti non sono uno, ma due!

-     si dovrà completare il primo, poi si passerà al secondo (con una sola fresa anziché due, diversamente da quello che era scritto negli accordi, con relativi cronoprogrammi da riaggiornare)!

-     misurano 6.444 metri ciascuno!

-     i relativi lavori … non sono mai cominciati!

E si tratta di due tunnel-diga contro-falda da scavare nel ventre di Firenze, fra Campo di Marte e Castello, passando sotto l’Arco dei Lorena e la Fortezza da Basso, accanto alle barbe di decine e decine di residenze.

Di certo, un mega-scavo che aggrava il più possibile il bilancio di carbonio, come argomenta con inoppugnabile chiarezza un’autorità in materia di climatologia, Luca Mercalli.

 

Associazione di volontariato Idra

Via Giano della Bella 7, 50124 FIRENZE, Tel. 055.22.39.92, 055.233.76.65, 320.053.52.58

e-mail Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo , Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo

web  http://www.idraonlus.it, https://www.facebook.com/idra.firenze

 

 

Firenze, 23.9.’19

 

 

FLORENCE  FOR  FUTURE!

+CO2 al buio nella città patrimonio dell’Umanità? No, grazie!

 

Nella giornata del Climate Action Summit all’assemblea generale dell’ONU, appello di Idra sulla TAV al movimento lanciato da Greta Thunberg: Greta interviene al Palazzo di Vetro, Fridays for Future agisca a Palazzo Vecchio!


 

 

Merita la città cara al mondo, e patrimonio dell’UNESCO, di aggiungere in atmosfera CO2 a CO2, di saccheggiare la risorsa idrica, di impermeabilizzare nuovo suolo, e per giunta il sottosuolo, di movimentare milioni di metri cubi di materiali? Di subire e di agire tutto questo senza essere stata messa in grado di informarsi e di esprimersi consapevolmente?

Vediamo un po’ i numeri delle risorse da impiegare annunciate quando, a marzo del 1999, venne approvato il fallimentare progetto TAV, la più pesante ipoteca sul futuro sostenibile di Firenze (ne risulta realizzata solo una minima parte: un quarto dello scavo per la stazione, spostato nel frattempo di alcune centinaia di metri dall’ubicazione originaria):

-     oltre 1.700.000 metri cubi di inerti

-     300.000 metri cubi di sabbia

-     265.000 tonnellate di cemento

-     110.000 tonnellate di acciaio

-     372.000 tonnellate di conci prefabbricati

-     3.800.000 metri cubi di materiali di risulta da portare a discarica, e 145.000 provenienti da demolizioni;

-     consumi di acqua programmati per 30 litri/secondo a Campo di Marte, 20 litri/secondo a Rifredi, 30 litri/secondo alla Stazione: dunque 80 litri/secondo, cioè 6.912.000 litri al giorno (se su 24 ore), 4.608.000 (se su 16 ore). Contributi idrici che – leggiamo - "dovranno esser in gran parte (orientativamente per 2/3) prelevati da pozzi industriali prelevati nella falda locale".

Venti anni dopo, il sindaco di Firenze Dario Nardella dichiara che “ora non ci sono alibi per finire il sottoattraversamento TAV a Firenze”. Ma in realtà:

-     i sottoattraversamenti non sono uno, ma due!

-     si dovrà completare il primo, poi si passerà al secondo (con una sola fresa anziché due, diversamente da quello che era scritto negli accordi, con relativi cronoprogrammi da riaggiornare)!

-     misurano 6.444 metri ciascuno!

-     i relativi lavori … non sono mai cominciati!

E si tratta di due tunnel-diga contro-falda da scavare nel ventre di Firenze, fra Campo di Marte e Castello, passando sotto l’Arco dei Lorena e la Fortezza da Basso, accanto alle barbe di decine e decine di residenze.

Di certo, un mega-scavo che aggrava il più possibile il bilancio di carbonio, come argomenta con inoppugnabile chiarezza un’autorità in materia di climatologia, Luca Mercalli.

Di cosa stiamo parlando, quando diciamo sotto-attraversamento TAV di Firenze?

Di un progetto vecchio di vent’anni, ripetiamo.

Della stazione sotterranea più discussa d’Italia (la “Foster” è stata colpita e affondata a turno da Matteo Renzi, dallo stesso Dario Nardella, dalle stesse Ferrovie), con una valutazione di impatto ambientale negata: zero informazioni, zero osservazioni, zero suggerimenti, zero possibili modifiche da parte dei cittadini, degli ordini professionali, delle autorità tecniche, delle associazioni, dell’Università.

Di una ‘soluzione’ all’ingorgo ferroviario, e al tema più generale della mobilità cittadina e metropolitana, adottata senza comparazione pubblica con nessuna delle altre possibili scelte e strategie.

Di un’architettura finanziaria che ha già prodotto un acclarato danno erariale (e ambientale) fra Firenze e Bologna, e non ha risparmiato il flop alle ‘grandi imprese’ cimentatesi nel progetto imposto alla città.

Qualcuno di Fridays for Future spieghi per favore al sindaco Dario Nardella e al presidente della Regione Enrico Rossi – che alle lettere di Idra, anche le più innocenti, semplicemente non rispondono – cosa occorre davvero fare se si intende condividere quella “iniziativa per una maggiore ambizione climatica” che anche il presidente Sergio Mattarella ha firmato giovedì scorso con altri capi di stato e di governo, in occasione del Climate Action Summit delle Nazioni Unite in programma oggi a New York.

Qualcuno per piacere spieghi loro che l’informazione, la trasparenza, il confronto e la democrazia applicata (non basta quella dichiarata; non bastano le lodi a parole a Greta Thunberg) sono prerequisiti indispensabili di un’azione mirata a cogliere “l’opportunità di combattere efficacemente l’imminente crisi climatica globale”. Oggi Greta Thunberg parla nella sala dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite. Ribadirà: “Voglio che agiate come fareste in un'emergenza. Come se la vostra casa fosse in fiamme. Perché lo è”. Battiamoci questo perché succeda. Anche a Firenze un sano dibattito pubblico! Prima che sia tardi...

*(il titolo del post è della redazione) 

Commenti (0) >> feed
Scrivi commento

Si deve essere connessi al sito per poter inserire un commento. Registratevi se non avete ancora un account.


busy
 
< Prec.   Pros. >
Questo sito è lo strumento di comunicazione del Coordinamento dei Comitati della Piana FI PO PT. Talvolta ospita altri soggetti con comunicazioni condivise.Esso non rappresenta una testata giornalistica, in quanto non viene aggiornato con cadenza periodica, né è da considerarsi un mezzo d'informazione o un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001. Il materiale inserito in questo sito proviene da Internet oppure da atti diffusi da altri mezzi di comunicazione oppure prodotti dalle varie realtà componenti il Coordinamento e destinati a essere divulgati, quindi di dominio pubblico e utilizzati senza alcun fine di lucro. Qualora inconsapevolmente il materiale pubblicato vìoli i diritti d´autore, vogliate comunicarlo per una pronta rimozione. I commenti ai post non sono moderati, le/gli autori/trici devono essere registrati per inserire commenti quindi sono rintracciabili anche sotto nikname; si invita alla moderazione e al rispetto.

© 2019 NoInceneritori.org
Joomla! un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.