Home arrow Notizie arrow Sulla Piana arrow Gestione "rifiuti" : Firenze padrona...
Annunci

 

Il sito ha qualche problema, ci scusiamo per i disagi causati ai lettori, speriamo di risolvere presto!

GRAZIE PER LA PAZIENZA!

 

Benvenuti !
Sul nostro sito Internet

 

Il Coordinamento dei Comitati della Piana dedica questo sito a beneficio di tutti i cittadini interessati.

Email: 
Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo
 
Questo sito è lo strumento di comunicazione del Coordinamento dei Comitati della Piana FI PO PT.
Talvolta ospita altri soggetti con comunicazioni condivise.
Esso non rappresenta una testata giornalistica, in quanto non viene aggiornato con cadenza periodica, né è da considerarsi un mezzo d'informazione o un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.
Il materiale inserito in questo sito proviene da Internet oppure da atti diffusi da altri mezzi di comunicazione oppure prodotti dalle varie realtà componenti il Coordinamento e destinati a essere divulgati, quindi di dominio pubblico e utilizzati senza alcun fine di lucro.
Qualora inconsapevolmente il materiale pubblicato vìoli i diritti d'autore, vogliate comunicarlo per una pronta rimozione. I commenti ai post non sono moderati, le/gli autori/trici devono essere registrati per inserire commenti quindi sono rintracciabili anche sotto nikname; si invita alla moderazione e al rispetto.
 
Menu principale
Home
FAQ
Notizie
Documenti
Le alternative
Cerca
Forum
Galleria foto
Contattaci
Web link
Archivio
Articoli correlati
Dal 9 Agosto 2006
Visitatori: 53913072
Calendario Eventi
Ottobre 2017
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
2526272829301
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31 1 2 3 4 5
Ultimi Eventi
'27/10/17'
incontro Comuni e Comunità Rifiuti zero, Campi Bisenzio
'28/10/17'
Comuni e Comunità Rifiuti Zero Campi Bisenzio
'29/10/17'
Comuni e Comunità Rifiuti Zero, Campi Bisenzio
Galleria fotografica
Archivio
Newsletter

Ricevi via email le nostre notizie

Image


Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter settimanale







Gestione "rifiuti" : Firenze padrona... PDF Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
venerdý 30 giugno 2017

http://tuttosesto.net/mamme-no-inceneritore-il-comune-di-sesto-e-alienato-da-alia/

 http://www.gonews.it/2017/06/29/le-mamme-no-inceneritore-sesto-fiorentino-alienato-alia/

 

I Comuni sono responsabili della governance dei loro territori, ma di fatto sono stati neutralizzati nel tempo con il gioco delle partecipate pubbliche, ormai un intrigo di scatole cinesi sempre più lontane dal controllo dei cittadini e delle loro amministrazioni territoriali. In tema di gestione rifiuti i Comuni sono stati inibiti nella loro capacità di intervento, sia come ente affidatario e di controllo, dove il proprio potere viene schiacciato nelle assemblee di ATO (Aree Territoriali Ottimali, enti sovracomunali), sia come azionisti negli enti gestori dei rifiuti.....

Le Mamme No Inceneritore:

 

“Sesto Fiorentino alienato da Alia?”

 

29 giugno 2017

 

Politica e Opinioni Sesto Fiorentino

I Comuni sono responsabili della governance dei loro territori, ma di fatto sono stati neutralizzati nel tempo con il gioco delle partecipate pubbliche, ormai un intrigo di scatole cinesi sempre più lontane dal controllo dei cittadini e delle loro amministrazioni territoriali. In tema di gestione rifiuti i Comuni sono stati inibiti nella loro capacità di intervento, sia come ente affidatario e di controllo, dove il proprio potere viene schiacciato nelle assemblee di ATO (Aree Territoriali Ottimali, enti sovracomunali), sia come azionisti negli enti gestori dei rifiuti. Prendiamo il caso Sesto Fiorentino: è socio in ATO Toscana Centro, dove comanda il Comune di Firenze, ed è socio dell’ente gestore ALIA, dove comanda sempre il Comune di Firenze. Nel consiglio comunale sestese di giov 29 giugno, il sindaco e la giunta chiedono una delega per valutare l”ipotesi di vendere la propria quota azionaria di ALIA. Consiag, altra partecipata pubblica in cui Sesto è azionista e comandata dal Comune di Prato, ha fatto già un’offerta di acquisto di quote ai Comuni della Piana fiorentina; per Sesto Fiorentino sarebbero 3 mln da incassare nel giro di 2 anni e mezzo. L’offerta è sicuramente finanziariamente allettante, anche se il Comune di Sesto Fiorentino così rinuncierebbe ad una rendita annuale sicura (visto il contratto ventennale da 5 miliardi appena vinto da Alia su bando Ato Toscana Centro) e alla possibilità di incidere direttamente sulla società (anche se come socio di minoranza al 2%). Il fatto è che Sesto Fiorentino, come gli altri Comuni periferici in generale, dovrebbero riappropriarsi della propria libertà di azione nelle scelte sulla gestione dei rifiuti, ritornando a effettuare direttamente la raccolta rifiuti e magari anche la vendita dei materiali risultanti da essa, e decidendo autonomamente a chi e come far smaltire il secco non riciclabile. Ecco che invece con la storia degli ATO, dei gestori unici e delle scatole cinesi alla fine saranno sempre i cittadini di Sesto Fiorentino a subire le scelte di Firenze e il consiglio comunale sestese è e sarà semplicemente un ratificatore delle tariffe TARI decise dal connubio Comune di Firenze-ALIA. Alienare le azioni di Alia potrebbe essere una buona mossa se si utilizzassero quelle risorse come spinta per uscire dalla gestione monopolista di Alia e dal sistema-gabbia di Ato. Mamme No Inceneritore

Leggi questo articolo su: http://www.gonews.it/2017/06/29/le-mamme-no-inceneritore-sesto-fiorentino-alienato-alia/

**

I Comuni sono responsabili della governance dei loro territori, ma di fatto sono stati neutralizzati nel tempo con il gioco delle partecipate pubbliche, ormai un intrigo di scatole cinesi sempre più lontane dal controllo dei cittadini e delle loro amministrazioni territoriali. In tema di gestione rifiuti i Comuni sono stati inibiti nella loro capacità di intervento, sia come ente affidatario e di controllo, dove il proprio potere viene schiacciato nelle assemblee di ATO (Aree Territoriali Ottimali, enti sovracomunali), sia come azionisti negli enti gestori dei rifiuti.

Prendiamo il caso Sesto Fiorentino:
è socio in ATO Toscana Centro, dove comanda il Comune di Firenze, ed è socio dell’ente gestore ALIA, dove comanda sempre il Comune di Firenze.

Nel consiglio comunale sestese di giov 29 giugno, il sindaco e la giunta chiedono una delega per valutare l”ipotesi di vendere la propria quota azionaria di ALIA. Consiag, altra partecipata pubblica in cui Sesto è azionista e comandata dal Comune di Prato, ha fatto già un’offerta di acquisto di quote ai Comuni della Piana fiorentina; per Sesto Fiorentino sarebbero 3 mln da incassare nel giro di 2 anni e mezzo. L’offerta è sicuramente finanziariamente allettante, anche se il Comune di Sesto Fiorentino così rinuncierebbe ad una rendita annuale sicura (visto il contratto ventennale da 5 miliardi appena vinto da Alia su bando Ato Toscana Centro) e alla possibilità di incidere direttamente sulla società (anche se come socio di minoranza al 2%).

Il fatto è che Sesto Fiorentino, come gli altri Comuni periferici in generale, dovrebbero riappropriarsi della propria libertà di azione nelle scelte sulla gestione dei rifiuti, ritornando a effettuare direttamente la raccolta rifiuti e magari anche la vendita dei materiali risultanti da essa, e decidendo autonomamente a chi e come far smaltire il secco non riciclabile.

Ecco che invece con la storia degli ATO, dei gestori unici e delle scatole cinesi alla fine saranno sempre i cittadini di Sesto Fiorentino a subire le scelte di Firenze e il consiglio comunale sestese è e sarà semplicemente un ratificatore delle tariffe TARI decise dal connubio Comune di Firenze-ALIA. Alienare le azioni di Alia potrebbe essere una buona mossa se si utilizzassero quelle risorse come spinta per uscire dalla gestione monopolista di Alia e dal sistema-gabbia di Ato“.

http://tuttosesto.net/mamme-no-inceneritore-il-comune-di-sesto-e-alienato-da-alia/

 

 

Le Mamme No Inceneritore: “Sesto Fiorentino alienato da Alia?” 29 giugno 2017 14:32 Politica e Opinioni Sesto Fiorentino AddThis Sharing Buttons Share to FacebookFacebook1Share to TwitterTwitterShare to WhatsAppWhatsAppShare to Google+Google+Share to E-mailE-mail sesto_fiorentino_municipio01 I Comuni sono responsabili della governance dei loro territori, ma di fatto sono stati neutralizzati nel tempo con il gioco delle partecipate pubbliche, ormai un intrigo di scatole cinesi sempre più lontane dal controllo dei cittadini e delle loro amministrazioni territoriali. In tema di gestione rifiuti i Comuni sono stati inibiti nella loro capacità di intervento, sia come ente affidatario e di controllo, dove il proprio potere viene schiacciato nelle assemblee di ATO (Aree Territoriali Ottimali, enti sovracomunali), sia come azionisti negli enti gestori dei rifiuti. Prendiamo il caso Sesto Fiorentino: è socio in ATO Toscana Centro, dove comanda il Comune di Firenze, ed è socio dell’ente gestore ALIA, dove comanda sempre il Comune di Firenze. Nel consiglio comunale sestese di giov 29 giugno, il sindaco e la giunta chiedono una delega per valutare l”ipotesi di vendere la propria quota azionaria di ALIA. Consiag, altra partecipata pubblica in cui Sesto è azionista e comandata dal Comune di Prato, ha fatto già un’offerta di acquisto di quote ai Comuni della Piana fiorentina; per Sesto Fiorentino sarebbero 3 mln da incassare nel giro di 2 anni e mezzo. L’offerta è sicuramente finanziariamente allettante, anche se il Comune di Sesto Fiorentino così rinuncierebbe ad una rendita annuale sicura (visto il contratto ventennale da 5 miliardi appena vinto da Alia su bando Ato Toscana Centro) e alla possibilità di incidere direttamente sulla società (anche se come socio di minoranza al 2%). Il fatto è che Sesto Fiorentino, come gli altri Comuni periferici in generale, dovrebbero riappropriarsi della propria libertà di azione nelle scelte sulla gestione dei rifiuti, ritornando a effettuare direttamente la raccolta rifiuti e magari anche la vendita dei materiali risultanti da essa, e decidendo autonomamente a chi e come far smaltire il secco non riciclabile. Ecco che invece con la storia degli ATO, dei gestori unici e delle scatole cinesi alla fine saranno sempre i cittadini di Sesto Fiorentino a subire le scelte di Firenze e il consiglio comunale sestese è e sarà semplicemente un ratificatore delle tariffe TARI decise dal connubio Comune di Firenze-ALIA. Alienare le azioni di Alia potrebbe essere una buona mossa se si utilizzassero quelle risorse come spinta per uscire dalla gestione monopolista di Alia e dal sistema-gabbia di Ato. Mamme No Inceneritore

Leggi questo articolo su: http://www.gonews.it/2017/06/29/le-mamme-no-inceneritore-sesto-fiorentino-alienato-alia/
Copyright © gonews.it
Le Mamme No Inceneritore: “Sesto Fiorentino alienato da Alia?” 29 giugno 2017 14:32 Politica e Opinioni Sesto Fiorentino AddThis Sharing Buttons Share to FacebookFacebook1Share to TwitterTwitterShare to WhatsAppWhatsAppShare to Google+Google+Share to E-mailE-mail sesto_fiorentino_municipio01 I Comuni sono responsabili della governance dei loro territori, ma di fatto sono stati neutralizzati nel tempo con il gioco delle partecipate pubbliche, ormai un intrigo di scatole cinesi sempre più lontane dal controllo dei cittadini e delle loro amministrazioni territoriali. In tema di gestione rifiuti i Comuni sono stati inibiti nella loro capacità di intervento, sia come ente affidatario e di controllo, dove il proprio potere viene schiacciato nelle assemblee di ATO (Aree Territoriali Ottimali, enti sovracomunali), sia come azionisti negli enti gestori dei rifiuti. Prendiamo il caso Sesto Fiorentino: è socio in ATO Toscana Centro, dove comanda il Comune di Firenze, ed è socio dell’ente gestore ALIA, dove comanda sempre il Comune di Firenze. Nel consiglio comunale sestese di giov 29 giugno, il sindaco e la giunta chiedono una delega per valutare l”ipotesi di vendere la propria quota azionaria di ALIA. Consiag, altra partecipata pubblica in cui Sesto è azionista e comandata dal Comune di Prato, ha fatto già un’offerta di acquisto di quote ai Comuni della Piana fiorentina; per Sesto Fiorentino sarebbero 3 mln da incassare nel giro di 2 anni e mezzo. L’offerta è sicuramente finanziariamente allettante, anche se il Comune di Sesto Fiorentino così rinuncierebbe ad una rendita annuale sicura (visto il contratto ventennale da 5 miliardi appena vinto da Alia su bando Ato Toscana Centro) e alla possibilità di incidere direttamente sulla società (anche se come socio di minoranza al 2%). Il fatto è che Sesto Fiorentino, come gli altri Comuni periferici in generale, dovrebbero riappropriarsi della propria libertà di azione nelle scelte sulla gestione dei rifiuti, ritornando a effettuare direttamente la raccolta rifiuti e magari anche la vendita dei materiali risultanti da essa, e decidendo autonomamente a chi e come far smaltire il secco non riciclabile. Ecco che invece con la storia degli ATO, dei gestori unici e delle scatole cinesi alla fine saranno sempre i cittadini di Sesto Fiorentino a subire le scelte di Firenze e il consiglio comunale sestese è e sarà semplicemente un ratificatore delle tariffe TARI decise dal connubio Comune di Firenze-ALIA. Alienare le azioni di Alia potrebbe essere una buona mossa se si utilizzassero quelle risorse come spinta per uscire dalla gestione monopolista di Alia e dal sistema-gabbia di Ato. Mamme No Inceneritore

Leggi questo articolo su: http://www.gonews.it/2017/06/29/le-mamme-no-inceneritore-sesto-fiorentino-alienato-alia/
Copyright © gonews.it
Commenti (0) >> feed
Scrivi commento

Si deve essere connessi al sito per poter inserire un commento. Registratevi se non avete ancora un account.


busy
Ultimo aggiornamento ( venerdý 30 giugno 2017 )
 
< Prec.   Pros. >
Questo sito è lo strumento di comunicazione del Coordinamento dei Comitati della Piana FI PO PT. Talvolta ospita altri soggetti con comunicazioni condivise.Esso non rappresenta una testata giornalistica, in quanto non viene aggiornato con cadenza periodica, né è da considerarsi un mezzo d'informazione o un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001. Il materiale inserito in questo sito proviene da Internet oppure da atti diffusi da altri mezzi di comunicazione oppure prodotti dalle varie realtà componenti il Coordinamento e destinati a essere divulgati, quindi di dominio pubblico e utilizzati senza alcun fine di lucro. Qualora inconsapevolmente il materiale pubblicato vìoli i diritti d´autore, vogliate comunicarlo per una pronta rimozione. I commenti ai post non sono moderati, le/gli autori/trici devono essere registrati per inserire commenti quindi sono rintracciabili anche sotto nikname; si invita alla moderazione e al rispetto.

© 2017 NoInceneritori.org
Joomla! un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.