Home arrow Notizie arrow No inceneritori arrow Gli inceneritori maggiori produttori di CO 2
Annunci

 

Il sito ha qualche problema, ci scusiamo per i disagi causati ai lettori, speriamo di risolvere presto!

GRAZIE PER LA PAZIENZA!

 

Benvenuti !
Sul nostro sito Internet

 

Il Coordinamento dei Comitati della Piana dedica questo sito a beneficio di tutti i cittadini interessati.

Email: 
Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo
 
Questo sito è lo strumento di comunicazione del Coordinamento dei Comitati della Piana FI PO PT.
Talvolta ospita altri soggetti con comunicazioni condivise.
Esso non rappresenta una testata giornalistica, in quanto non viene aggiornato con cadenza periodica, né è da considerarsi un mezzo d'informazione o un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.
Il materiale inserito in questo sito proviene da Internet oppure da atti diffusi da altri mezzi di comunicazione oppure prodotti dalle varie realtà componenti il Coordinamento e destinati a essere divulgati, quindi di dominio pubblico e utilizzati senza alcun fine di lucro.
Qualora inconsapevolmente il materiale pubblicato vìoli i diritti d'autore, vogliate comunicarlo per una pronta rimozione. I commenti ai post non sono moderati, le/gli autori/trici devono essere registrati per inserire commenti quindi sono rintracciabili anche sotto nikname; si invita alla moderazione e al rispetto.
 
Menu principale
Home
FAQ
Notizie
Documenti
Le alternative
Cerca
Forum
Galleria foto
Contattaci
Web link
Archivio
Articoli correlati
Dal 9 Agosto 2006
Visitatori: 131077554
Calendario Eventi
Agosto 2019
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
2930311 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31 1
Ultimi Eventi
'24/08/19'
A Capannori, per colpire le mire di Rossi&C...
Galleria fotografica
Archivio
Newsletter

Ricevi via email le nostre notizie

Image


Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter settimanale







Gli inceneritori maggiori produttori di CO 2 PDF Stampa E-mail
Scritto da Claudio   
mercoledý 11 ottobre 2006
Produzione di Co2 e recupero energetico dai rifiuti
I parallelismi di Greenpeace e le considerazioni del´Iss e dell´Enea
ROMA. E’ stata pubblicata in questi giorni da Greenpeace una tabella che riporta i quantitativi di anidride carbonica emessa dalle varie fonti di produzione energetica, a parità di chilowattora prodotto. Greenpeace ha utilizzato questi dati per sostenere l’incongruità di concedere gli incentivi economici (ex Cip 6) a chi brucia rifiuti come per le altre rinnovabili. Valutazione di incongruità legittima, ma ci ha incuriosito il dato relativo alle emissioni di CO2 e abbiamo allora sentito il parere di alcuni esperti in materia.

Da questa tabella si evince infatti che la combustione dei rifiuti produce maggiori quantità di CO2 (940 gr) anche rispetto alla fonte fossile per eccellenza, ovvero il carbone (900 gr).
La prima domanda l’abbiamo fatta a Giuseppe Viviano, del dipartimento ambiente e connessa prevenzione primaria dell’Istituto superiore di sanità.

Dott. Viviano, ma è proprio vero che l’incenerimento dei rifiuti è il maggior produttore di CO2?
«L’incenerimento dei rifiuti produce senz’altro CO2, ma la quantità emessa deriva dalla composizione dei rifiuti che vengono bruciati. Comunque c’è un errore di fondo, che è dovuto al fatto che si considera l’incenerimento dei rifiuti anziché come smaltimento, al pari di altri sistemi di produzione energetica. Per quanto l’incenerimento produca anche energia, non può concorrere con altri sistemi tradizionali di produzione energetica».

Abbiamo sentito allora un altro esperto del settore, l’ Pasquale De Stefanis, del dipartimento ambiente e cambiamenti globali e sviluppo sostenibile dell’Enea.

Dott. De Stefanis, come è possibile che l’incenerimento dei rifiuti produca più CO2 della combustione del carbone?
«C’è un falso ideologico, infatti. Perché non si tiene conto che circa due terzi (la quantità dipende dalla composizione dei rifiuti) sono da ritenersi rinnovabili, perché c’è dentro carta, organico e legno. In questo caso la quantità di CO2 andrebbe scalata.
Del resto a questo proposito c’è una metodologia ufficiale per fare i calcoli esatti ed è quella dell’Ipcc, che dice che se il materiale bruciato è derivato da fonte biogenica, quella CO2 non si prende in considerazione. Come per le biomasse, per cui la quantità di CO2 viene considerata pari a zero».

A questo proposito però, Giuseppe d´Onufrio (direttore campagne di Greenpeace) precisa che «le emissioni da noi calcolate sono solo quelle della componente fossile, e che la base dei dati è quella della comunicazione annuale dell´Apat al segretariato delle Convenzione del Clima, basata dunque sulla metodologia Ipcc».
Greenreport.it  9 ottobre 2006
Commenti (0) >> feed
Scrivi commento

Si deve essere connessi al sito per poter inserire un commento. Registratevi se non avete ancora un account.


busy
Ultimo aggiornamento ( mercoledý 11 ottobre 2006 )
 
< Prec.   Pros. >
Questo sito è lo strumento di comunicazione del Coordinamento dei Comitati della Piana FI PO PT. Talvolta ospita altri soggetti con comunicazioni condivise.Esso non rappresenta una testata giornalistica, in quanto non viene aggiornato con cadenza periodica, né è da considerarsi un mezzo d'informazione o un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001. Il materiale inserito in questo sito proviene da Internet oppure da atti diffusi da altri mezzi di comunicazione oppure prodotti dalle varie realtà componenti il Coordinamento e destinati a essere divulgati, quindi di dominio pubblico e utilizzati senza alcun fine di lucro. Qualora inconsapevolmente il materiale pubblicato vìoli i diritti d´autore, vogliate comunicarlo per una pronta rimozione. I commenti ai post non sono moderati, le/gli autori/trici devono essere registrati per inserire commenti quindi sono rintracciabili anche sotto nikname; si invita alla moderazione e al rispetto.

© 2019 NoInceneritori.org
Joomla! un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.